Meraviglioso Sudafrica

Questo viaggio è stato soprattutto un arricchimento personale, un’incredibile varietà di flora e fauna ci hanno accompagnato ed entusiasmato l’unico punto negativo è stata la spiacevole conferma del fatto che l’apartheid non è ancora un ricordo: purtroppo si respira ancora ...

  • di zancafabio
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 

Questo viaggio è stato soprattutto un arricchimento personale, un’incredibile varietà di flora e fauna ci hanno accompagnato ed entusiasmato l’unico punto negativo è stata la spiacevole conferma del fatto che l’apartheid non è ancora un ricordo: purtroppo si respira ancora nell’aria.

Il nostro periodo di vacanza corrisponde più o meno alla primavera in Sudafrica con qualche differenza climatica tra le zone; da Johannesburg a Santa Lucia: sole, caldo, abbigliamento magliette a maniche corte e pantaloncini; da Santa Lucia spostandosi verso Cape Town: sole ma molto ventoso, indispensabile giacca a vento ad Hermanus per avvistare le balene e poi ancora felpe, scarpe chiuse e calze!!! Nonostante la pioggia abbia fatto la sua comparsa solo per un giorno e mezzo, a Swellendam ci siamo salvati proprio con l’abbigliamento più pesante. Insomma una valigia un po’ mista, senza esagerare nel numero di capi ma sicuramente puntare sulla varietà: vestirsi e svestirsi è il passatempo della vacanza!! 12-13/09 Johannesburg aeroporto-Sabie circa 380Km.

Partiamo da Malpensa alle 19 circa con un volo Iberia destinazione Johannesburg via Madrid.

Arriviamo a Johannesburg alle 10.30 del 13/09 dopo 10 ore di volo non proprio confortevoli (aereo vecchio, catering paura!!) e, sbrigate le formalità all’immigrazione, ci dirigiamo verso AVIS dove avevamo noleggiato un’auto con voucher prepagato (520€ tariffa promozionale). Ecco che ci consegnano una graziosa Polo Playa che supera le nostre aspettative: auto nuovissima, lettore cd ed aria condizionata! Sistemati i bagagli ci concentriamo sulla guida a sinistra per poter raggiungere Sabie, la nostra prima tappa. Dopo aver capito come funzionano i cartelli autostradali, imbocchiamo la N12 direzione Witbank (120Km. Circa). Anche l’autostrada ci stupisce: ampia e pressoché vuota (ci fermiamo anche all’autogrill della situazione). Terminata la N12 ci si immette nella N4 fino al bivio di Machadodorp; da qui teniamo la sinistra e dopo circa 15Km. Prendiamo la direzione per Linderburg (variante per raggiungere Sabie decisa al momento). Dobbiamo superare il Longtom Pass, un meraviglioso passo a circa 2100 mt. Che ci regala panorami da cartolina! Arrivati a Linderburg si svolta a destra (sulla R37) e dopo circa 70Km. Si raggiunge Sabie: Una volta arrivati a Sabie cerchiamo la guesthouse “Floriat” che avevamo prenotato via internet e di cui avevamo già pagato un deposito del 50%; ma quando finalmente arriviamo alla reception, ansiosi di avere la nostra camera e di poterci rinfrescare, la signorina ci dice di non trovare alcuna prenotazione a nostro nome (la persona che ce l’aveva confermata...Non lavorava più lì!): ci va bene lo stesso..Una camera libera ce l’hanno ancora!!! Siccome siamo abbastanza provati dalle fatiche del viaggio, decidiamo di cenare al Floreat. Anche qui una bella sorpresa: il ristorante è a buffet, incorniciato da torce accese, e due cuochi stanno preparando il barbecue; per la prima volta assaggiamo la fantastica carne sudafricana! Cena ottima per soli 12€ a testa! 14/09 Sabie-Phalaborwa circa 210Km.

Ci svegliamo, facciamo colazione ed usciamo. La giornata non promette bene, è un po’ nuvoloso e fa freschino; ci dirigiamo verso il Blyde River Canyon passando, nell’ordine, per: -Mac Mac Pools: una pace terrena con tanti coloratissimi pappagallini -Mac Mac Falls: un po’ più affollate ma meritano la visita -The Pinnacle: lo trovate sulla strada ma niente di speciale Saliamo poi verso God’s Window e Wonder View: non vediamo nulla, tutto coperto dalla nebbia e fa abbastanza freddo! Proseguiamo quindi, tornando sulla R532 e, facendo una piccola deviazione, andiamo alle Lisbon Falls (carine!). Ritorniamo sulla R532 fino ad arrivare alle Bourke’s Luck Potholes; pensando di essere all’entrata del Blyde River Canyon e sapendolo lungo circa 30 km., decidiamo di fare benzina quindi, prima di entrare, proseguiamo per altri 15 Km. Per trovare una stazione di rifornimento e poi torniamo alle Bourke’s Luck Potholes. Facciamo uno spuntino sui tavoli da pic-nic e poi “cerchiamo la strada” per attraversare il Blyde River Canyon...Non c’era nessuna strada... lì si vedono solo (si fa per dire) le strane buche cilindriche scavate nella roccia dai mulinelli: assolutamente fantastiche! Visita da non perdere! Nel frattempo è anche uscito il sole e le rocce sono diventate completamente rosse! Ecco allora che capiamo che dobbiamo tornare sulla R532 per attraversare, o meglio,costeggiare il Blyde River Canyon! Sulla strada troverete diversi punti panoramici, uno su tutti quello delle Three Rondavels! Proseguiamo sulla R532, ci immettiamo sulla R40 direzione Phalaborwa. Sulla strada non incontriamo praticamente nessuno; le strade sono generalmente in buono stato, l’unico buco un po’ insidioso l’abbiamo preso noi...E ci è partito un copri-cerchione! Intorno alle 18.00 arriviamo a Phalaborwa, dove avevamo già prenotato la nostra notte in una guesthouse. Tutto curato nei minimi particolari, ottima cucina e la cortesia fa da padrona! 15/09 Phalaborwa-Parco Kruger Ci alziamo, colazione abbondante preparata da Malcom e...Via si parte per il Kruger! Il gate di Phalaborwa dista un solo chilometro! Sbrighiamo le formalità d’ingresso e poi via verso il safari fotografico. Lungo la strada incontriamo: elefanti, giraffe, impala, ippopotami, coccodrilli, nyala e infine sebre! Arriviamo all’Olifants Camp intorno alle 16, soddisfatti della nostra “caccia fotografica”! Ceniamo al campo (a buffet) per 13€ a testa

  • 3925 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social