Sud Africa in libertà: natura e poche città

Senza particolari problemi ed ancora con prezzi ragionevoli abbiamo acquistato i voli qualche giorno prima della partenza (andata su Johannesburg; ritorno da Cape Town) … in fondo era un viaggio di nozze… perché programmarlo tanto tempo prima? Tuttavia, per sicurezza, ...

  • di silviagrandi
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 

Senza particolari problemi ed ancora con prezzi ragionevoli abbiamo acquistato i voli qualche giorno prima della partenza (andata su Johannesburg; ritorno da Cape Town) ... in fondo era un viaggio di nozze... perché programmarlo tanto tempo prima? Tuttavia, per sicurezza, abbiamo prenotato attraverso un’agenzia italo-sud africana le prime due notti ed i primi 10 giorni di auto. Il posto prenotato, un piccolo curatissimo lodge in stile in una riserva privata nel Waterberg a Nord di J’burg (“Shidzidzi & Nungubane” – malaria free), si è rivelato un’eccezionale inizio del viaggio... anche se per arrivare con l’auto che ci hanno rifilato abbiamo sofferto...Una Golf Caddy (un piccolo 4x4 sarebbe stato meglio... anche se alla fine con lei abbiamo fatto anche lo sterrato del Kalahari senza intoppi, con grande sorpresa e complimenti dell’agenzia di noleggio a cui abbiamo consegnato l’auto!!!).

Sì, il primo giorno nel lodge eravamo gli unici clienti (evviva la bassa stagione)... il ranger e la cuoca tutti per noi, un panorama dal nostro bungalow verso l’infinito e senza vedere un segno di vita umana! Al nostro arrivo abbiamo conquistato subito Philip, il ranger più o meno nostro coetaneo... d’altronde vedendoci scaricare dall’auto solo un trolley piccolo ed uno zaino a testa per viaggiare quasi tre settimane ha capito chi eravamo J. Così senza guardare troppo orari e schemi predefiniti ci ha fatto fare lunghi giri guidati nella riserva alla scoperta degli animali (rinoceronti, elefanti, giraffe, zebre, vari tipi di antilopi, gnu, leoni, etc.), della vegetazione e della geomorfologia particolare di queste antiche montagne.

Con lui ben preparato abbiamo raccolto moltissime informazioni utili (orari degli animali, abitudini, tracce, pericolosità, biotopi, politiche di conservazione della natura, parchi, etc...) per orientarci meglio nei successivi parchi quando abbiamo girato autonomamente. Anche sulla questione malaria ci ha ampiamente tranquillizzato... in inverno in SA non è un problema affatto... infatti in tutto il viaggio non abbiamo visto neanche una zanzara.

Dopo questa prima pausa “ad alto livello”, si è ritornati allo stile della casa... il viaggio alla giornata o quasi. Dal Nord, quindi ci siamo diretti verso est via Pretoria e J’burg (ma senza fermarci lì per lasciar più tempo alla natura) direzione Blyde River Canyon Nature Riserve nel Drakesberg. Panorami spettacolari, possibilità di fare piccoli trekking ed i paesini con un’accoglienza di piccoli alberghi o B&B familiari e a buon mercato. Visto che non ci avevano parlato in modo esaltante del Kruger Park NP, non abbiamo preventivamente prenotato ed abbiamo pensato di dedicare solo un giorno di visita in auto... malissimo una notte andava fatta nella riserva! Ma ormai era fatta e posti non c’erano, neanche un giro con il ranger a piedi siamo riusciti a fare. Peccato, comunque da soli siamo riusciti a vedere moltissimi animali e a godere della vegetazione della zona arida.

Dopo che si fa?... Un giorno e mezzo di viaggio e da Est ci troviamo ad Ovest, alle porte del Kalahari (o più precisamente Kgalagladi Transfrontalier Park ora) con tappa anche a visitare una miniera di ferro a cielo aperto. Gentilmente rivolgendoci agli uffici comunali, ci hanno organizzato una visita estemporanea ... Andava fatto, dopo aver visto giganteschi complessi estrattivi ed industriali sulla via e purtroppo non saremmo passati in zone con miniere di diamanti da visitare.

Questa volta per il Kgalagladi avevamo prenotato prima i pernottamenti nel parco (al gate “Twee Rivieren”, verso nord “Nossob”, e nelle dune rosse “Kilie Krankie”) usando sia il sito web ufficiale dei Parchi Nazionali - http://www.Sanparks.Org/ per orientarci sia il call center per confermare (N.B. Subito all’arrivo, all’aeroporto, abbiamo acquistato una scheda SIM prepagata con numero sud africano, molto comodo e conveniente per gestire le prenotazioni)

  • 769 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social