17 giorni across California, Nevada e Arizona

Siamo partiti in 2 (io e Maurizio)..il 5 settembre del 2005. Destinazione Los Angeles. Volo stupendo Air France, partenza da Bologna, scalo a Parigi ed imbarco su un mastodontico Boeing 772, uno dei più grandi della Boeing. Prezzo a dir ...

  • di Matteo 48
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 

Siamo partiti in 2 (io e Maurizio)..Il 5 settembre del 2005. Destinazione Los Angeles. Volo stupendo Air France, partenza da Bologna, scalo a Parigi ed imbarco su un mastodontico Boeing 772, uno dei più grandi della Boeing. Prezzo a dir poco basso, solo 790 Euri, compreso tasse, in un periodo di quasi alta stagione; volo impeccabile (quasi 14 ore); buffet permanente in fondo all’aereo, aperitivo con champagne, scelta menù fra carne e pesce...Che dire..Molto piacevole. Atterraggio nel primo pomeriggio a LAX. Stanchi, sbrighiamo le formalità di entrata e fuori dall’airport prediamo il pulmino della Dollar che ci ha porta al sito dove ritiriamo l’autovettura prenotata via internet dall’Italia (circa 800 euri x 17 days comprese assicurazione tipo kasko). Qua prima sorpresa: sul sito della Dollar avevo prenotato una Jeep Gran Cherooke o similar..Me ne danno una ancora migliore! Una Chrysler Pecifica (http://www.Chrysler.Com/pacifica/index.Html) (in Italia non esiste)..Che è un Suv spaziale con tutti i confort..Pensiamo, qua ci scappa anche la nottata in macchina, viste le dimensioni. Preso confidenza con il cambio automatico e consultata la cartina alla meno peggio..Partiamo, destinazione: Santa Monica, che è vicino all’Airport, ma essendo questo sterminato, bisogna perdere una mezz’oretta solo x uscirci ed imboccare la strada giusta. Comunque, ebri di calpestare il terreno a stelle strisce ed emozionati per la vacanza appena iniziata, arriviamo in questa piacevole cittadina senza grossi problemi. Le prime due notti dormiamo presso il Santa Monica International Hostel (Down Town)..Della catena Hostelling International (http://www.Hiusa.Org/) prenotato dall’Italia..Sempre via internet. Ci siamo trovati molto bene..Era la prima volta per entrambi che dormivamo in un ostello..Ma un po’ x risparmiare e un po’x stare o contatto di altri giovani abbiamo optato x questa scelta e alla fine non ce ne siamo pentiti. Infatti abbiamo utilizzato l’hostello anche a San Francisco, San Diego e addirittura nel parco dello Yosemite e a Las Vegas!!.Ma andiamo con calma. A Santa Monica parcheggiamo l’auto in garage privato..Quasi quasi era meglio rischiare una multa, visto che la mattina dopo al ritiro il tipo ci scuce 24 Dollari x una notte!..Vabbè che era su Market Street (una delle via principali) e vabbè che avevamo scritto in faccia che eravamo appena sbarcati e non ci capivamo ancora niente...Comunque.. Prediamo possesso del nostro letto, in una stanza in comune dell’hostello dove dormiamo in 8. Bagni puliti. Colazione americana con pochi dollari dentro l’ostello. Ragazzi/e un po’ da tutto il mondo. Zona centrale fra il mare e la via principale del passeggio serale.

La stanchezza si fa sentire, quindi dopo una doccia, consumiamo una cena a base di carne in un locale carino del centro e poi a dormire. 6 Settembre (Los Angeles e Venice Beach). Ci alziamo molto presto per via del fuso orario.. Intorno alle sette e dopo una bella colazione americana, presa la nostra macchina al parcheggio very expensive di S. Monica ci dirigiamo verso Los Angeles, visitiamo Beverly Hills e facciamo qualche fotografie sotto la collina con la scritta Holliwood. Beverly Hills è semplicemente una collina con le più sfarzose ville d’america, tutte rigorosamente impenetrabili, che domina Los Angeles; passato in auto x Rodeo Drive e fatto un giro a piedi x Holliwood Boulevard, pranzato nell’immancabile fast food messicano, ci stanchiamo presto, anche perché sostanzialmente non c’è niente di eclatante da vedere in quella zona che non sia “altamente” commerciale. Decidiamo quindi di passare un bel pomeriggio in spiaggia, nella famosa Venice Beach..Carina,con un bel green con palme curato a ridosso della spiaggia e tanti negozietti, sempre lì sulla spiaggia. Il mare è inevitabilmente alto e freddo, essendo oceano e per fare il bagno è consigliabile una muta (o mezza) a meno chè non si è dotati di una buona dose di coraggio. Dopo un intero pomeriggio a prendere il sole, torniamo in ostello e indossati scarpe da tennis e pantaloncini facciamo jogging sul lungomare e sulla stessa spiaggia, che è attraversata da una pista x jogging appunto e biciclette. Questa pista è veramente affollatissima a quell’ora del giorno.. Sembra proprio un “must” andare a correre sulla spiaggia..Magari facendosi anche un po’ vedere con il fisicaccio e l’occhiale sportivo; comunque è stato veramente emozionante godersi il tramonto sulla spiaggia di Santa Monica.. Con i ragazzi che arrivavano con la tavola sotto braccio per stupirci cavalcando le ultime onde della giornata prima che faccia buio. Quindi, dopo la doccia in ostello, una bella cenetta in un ristorante argentino (http://gauchogrillrestaurant.Com/) della 3° Street Promenade (la via del passeggio serale) ed una passeggiata, decidiamo di andare in discoteca..Ma rimaniamo molto delusi poiché l’unica aperta (cosi ci dice il tipo dell’ostello), risulta squallida, con la musica brutta e dentro poca gente..E noi siamo gli unici bianchi. Risultato: a mezzanotte andiamo a nanna.. Comunque soddisfatti per la bella ed intensa giornata

  • 1749 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social