LA NEW YORK DI "SEX and the City"

New York 25/09/2005 Premessa; New York è la città che racchiude in se usi e costumi di quasi tutte le città del mondo, la mia esperienza descriverà la vita a Manhattan, avendo avuto solo una settimana di tempo per le ...

  • di Angelo Buonocore
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: fino a 6
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro

Central Park è immenso richiederebbe una giornata intera per vederlo, all’interno ci sono anche delle piccole oasi per animali, troverete una piccola riserva di foche, tartarughe, scimmie addirittura degli orsi, è affascinante al tramonto, la luce che oltrepassa le foglie e ti illumina... Spingetevi fino ai tre quarti almeno dove è situato il Jaqueline Kennedy Onassis Reservoire, un lago artificiale dedicato dalla città di New York a Jaqueline Kennedy (in quel punto lei andava tutte le mattine a fare Jogging), a quel punto prendete il primo taxi al volo perché sarete stremati. Broadway; Fatevi in 4 per ottenere dei biglietti per MAMAMIA www.Mamma-mia.Com sulle musiche degli ABBA vi piacerà è molto divertente e non fatevi impaurire dalla pronuncia americana anche se non lo parlate perfettamente capirete quasi tutto.

Uno dei simboli di più famosi degli Stati Uniti d’America nel mondo è la Statua della Libertà, io sinceramente ne sono rimasto un po’ deluso, abbiamo preso il battello con 20 dollari circa e siamo partiti, la cosa spettacolare è stato lasciare il molo ed un po’ alla volta osservare allontanarsi l’isola e mostrarci lo splendido Sky Line unico al mondo, una volta raggiunta il piccolo isolotto dove si erge la statua non ne sono rimasto particolarmente affascinato, con 6 dollari abbiamo noleggiato le cuffie per ascoltare la storia e le informazioni utili ma e metà percorso le ho tolte non era niente di più di ciò che si trova su una comunissima guida, ovvero quanto è alta, quando è stata costruita, da chi etc. Tutte informazioni che se le sai già te le ricordi e se le ascolti li per la prima volta dalle cuffie dopo 2 ore le hai già dimenticate.

A chi volesse fare una cosa più carina il conçierge dell’hotel delle Nazioni Unite mi ha consigliato di prendere un altro tipo di battello che ti fa fare il giro di tutta l’isola senza scendere, ma passando di fianco alla statua della libertà, sotto il ponte di Brooklin, sicuramente più affascinante e costa uguale, a bordo potete anche mangiare un Hot Dog.

Al ritorno dalla statua risalendo per la Broadway ci siamo fermati a wall st. La borsa è immensa ed immensa ti appare nel dimostrare il suo potere, una bandiera americana gigante la cinge, e la incorniciano centinaia di doppio petto blu e valigetta indaffarati a raggiungere i loro uffici. Li vicino c’è la voragine lasciata dalle Twin Towers scenario da brivido, dopo una sosta forse un po’ triste fatevi tirare su il morale dal 21 Century www.Century21deptstores.Com/, un enorme outlet con dentro tutte le firme del mondo, molto conveniente per i regali dei parenti/amici.

Negozi; ovviamente il must della 5th strada è indiscutibile ma è più una vetrina per i non newyorkesi, oltre la 59 esima strada a nord tra la Madison e Park Avenue ci sono i negozi veri, quelli dove gli abitanti vanno a spendere, ovviamente non disprezzare Macy’s www.Macys.Com il negozio più grande del mondo anche di Harrods ma meno elegante, consigliato è Bllomingdales www.Bloomingdales.Com, Barney www.Barneys.Com, come grande distribuzione dove ci sono angoli di saldi perenni.

A Soho sorge Prada nell’ex palazzo espositivo del museo GUGGENHEIM la sua architettura è impressionante spazi immensi che ospitano vere e proprie opere d’arte firmate Prada... è ad angolo con Spring Street il quartiere delle gallerie d’arte e confina con NOLITA (ex little italy) Convenienza negli acquisti; nonostante il cambio favorevole è meglio non farsi tentare dalle firme italiane costano il doppio di quello che paghiamo qui e la merce è la stessa. Little Italy è ormai scomparsa inghiottita da china town ne sono rimaste tre strade con qualche ristorante ormai poco caratteristici ne è mutato anche il nome adesso viene chiamata NOLITA ovvero NOrth Little ITAly. Tribeca, un nuovo quartiere poco frequentato ma ricco di locali carini, qui si trova Bobby’s il ristorante preferito da Jhon Jhon Kennedy quando era in vita, atmosfera calda e familiare con ottima cucina, dopo cena avete una grande scelta di locali dopo finire la serata e la cameriera è fuori di testa ma simpaticissima

  • 1133 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social