LA NEW YORK DI "SEX and the City"

New York 25/09/2005 Premessa; New York è la città che racchiude in se usi e costumi di quasi tutte le città del mondo, la mia esperienza descriverà la vita a Manhattan, avendo avuto solo una settimana di tempo per le ...

  • di Angelo Buonocore
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: fino a 6
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 

New York 25/09/2005 Premessa; New York è la città che racchiude in se usi e costumi di quasi tutte le città del mondo, la mia esperienza descriverà la vita a Manhattan, avendo avuto solo una settimana di tempo per le nostre vacanze io Giacomo, Cristian e Fabrizio (i miei compagni di viaggio) abbiamo preferito goderci quella città cercando di assaporare tutto ciò che potevamo e chissà, le altre magari le visiteremo più in la.

Una settimana incantevole, non basterebbe un mese per vivere questa magnifica città, mille cose da vedere e da fare assolutamente perché non è proprio dietro l’angolo e chissà quando ci ritorneremo... allora si parte... a piedi ovviamente perché cosi avremo potuto godere di tutto palazzi... negozi... i newyorkesi... (al secondo giorno ci siamo pentiti della scelta i nostri piedi dolenti hanno imparato da soli a chiamare il taxi... solo quelli con la luce accesa ovviamente, perché quando la luce è spenta vuol dire che sono già occupati e se provi a fermarli ti suonano con il clacson facendoti fare la figura del turista fai da te... ahihahiahi... (P.S. Mai dimenticare il 10% di mancia sono capaci di farvi una piazzata com’è successo a me appena arrivati dall’aeroporto).

Albergo, diffidate dalle strutture storiche con Hall immense e luccicanti le camere sono le stesse dei pionieri in cerca di fortuna... consiglio strutture moderne o appartamenti anche se spendete 200 dollari in più ne vale la pena, dopo una giornata a camminare quando torni in albergo vuoi qualcosa di comodo e funzionale.

Il primo bisogno dopo essere arrivati in albergo è stato il cibo... dove andare? cosa mangiare? breve sguardo alla guida Lonely Planet (ottima) e via verso una steak house sulla Madison unico posto dove poter mangiare all’americana... Avevamo paura di spendere tutto in una sola sera ma poi quando è arrivato il conto ci siamo resi conto che non c’era tanta differenza con quello che spendiamo in Italia, forse aiutati dal cambio molto favorevole le cene ci sono costate circa 40,00/45,00 $ qualche volta più. Il primo giorno pieni di buoni presupposti ed affascinati dal sole che si rifletteva contro le immense facciate di vetro dei grattacieli abbiamo percorso la 5th avenue, appena girato l’angolo è stato come varcare il monitor di un televisore ed entrare in una leggenda, dopo la colazione da starbucks (ottimo rapporto qualità prezzo) direzione 42esima strada, il MOMA www.Moma.Org, una vita a studiarlo, le sue opere, la sua architettura, varcata la porta girevole mi ha tolto ogni respiro, le persone in coda si affannavano mentre io pur non essendoci opere nella hall mi sentivo rapito, Van Gogh, Renoir, De Chirico, seguire con le dita il corso delle pennellate colorate che formavano le opere, mi ha commosso, le vibrazioni, le pennellate frettolose, i ritocchi... Dal sacro al profano dietro il MoMa sulla 44esima senza alcuna insegna Manolo Blhanik (i patiti di shopping mi comprenderanno) da non perdere, un uomo panciuto in doppio petto nero ti apre la porta da distanza pigiando in bottone di un telecomando che porta in tasca... Solo a Manhattan... Il tempo alla fine di settembre è meraviglioso, sole, cielo terso e temperatura costante tra i 75-80 gradi che tradotti nel nostro termometro sono circa 22 gradi, ottimo direi fino a quando none entri da Thiffany... con i loro 17 gradi di aria condizionata attentano oltre che al portafogli anche alla tua vita, (per questo motivo è ottimo portare un maglioncino sulle spalle che all’occorrenza può diventare una sciarpa avvolgendo le maniche intorno al collo) Ci dirigiamo verso Central Park trascinandoci ormai stremati sulla 5th AV e chiediamo asilo politico a Takashimaya 693 Fifth Avenue at 54th Street New York, NY 10022 212 350-0100 un negozio giapponese bellissimo che mischia tendenze e stili, abbigliamento, casa, tutto curato nei minimi dettagli, all’ultimo piano un salone di degustazione di profumi... insomma è da vedere, prezzi molto ragionevoli e si trovano cose molto particolari e poi i pacchi regalo che fanno sono fantastici, ho fatto un figurone

  • 1132 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social