States: itinerario fuori dai giri abituali

On the road nel nord-ovest tra i territori immensi e sconfinati dell’Idaho, Wyoming e Montana, le pianure coltivate e le foreste dell’Oregon, dello Utah e di Washington, le montagne del Colorado e i piccoli paesi

  • di nonna70
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 2000 a 3000 euro
 

Eccoci ancora una volta qui, mio figlio Giovanni ed io, per raccontarvi e farvi partecipi del nostro dodicesimo viaggio negli USA seguendo un itinerario fuori dai “giri” abituali. Abbiamo preferito “vagare” per 5.150 km tra i territori immensi e sconfinati dell’Idaho, Wyoming e Montana, tra le pianure coltivate e le foreste dell’Oregon, dello Utah e di Washington, tra le montagne del Colorado e tra i piccoli paesi con la loro storia.

Sempre diverso, sempre stimolante, sempre incantevole e indimenticabile! DIARIO DI VIAGGIO

Mercoledì 07: Venezia – Amsterdam Seattle

Volo da Venezia via Amsterdam con le compagnie KLM e Delta durata complessiva ore 14,35.

Arrivo a Seattle alle ore 11,20 (nove di differenza rispetto all’Italia), noleggio all’Avis di una Ford Edge AWD Suv-5 Luxury, con un’assicurazione totale che copre qualsiasi rischio e, per la prima volta, con navigatore incorporato (finora avevo sempre provveduto io con il mio fedelissimo atlante stradale del 1992!).

Sistemazione presso il Reed Roof Inn (€ 89) un buon motel.

Giovedì 08: Seattle (WA) – Pendleton (OR) – Km. 470

Colazione presso il vicino Denny’s dove abbiamo modo di gustare un autentico breakfast americano a base di frittata, bacon fritto, toast imburrati con marmellata e patate grigliate. Prima di tornare io faccio un giretto di mezz’ora a piedi tra le case del quartiere tanto per prendere di nuovo confidenza con gli Stati Uniti. Partiamo alle ore 9,45 con cielo nuvoloso e una temperatura di 12°, utilizziamo subito il navigatore per districarci fra le varie autostrade e portarci fuori dal traffico molto sostenuto a quest’ora prendendo prima la I-5 poi la I-405 per raccordarci infine con la I-90. Al principio avevo pensato di percorrere la strada panoramica interna sotto il monte Rainer ma il tempo incerto ci ha sconsigliato di avventurarci in montagna così abbiamo seguito sempre l’autostrada fino a Pendleton meta della nostra giornata.

Abbiamo avuto un primo approccio con le foreste e le pianure dello stato di Washington, abbiamo costeggiato per lunghi chilometri il fiume Yakima, lasciate ai margini le città di Ellensburg dove abbiamo deviato sulla I-82, Yakima, Toppenish, e a Umatilla, superato il fiume Columbia, siamo entrati nella I-84 e nello stato dell’OREGON per arrivare, dopo una quarantina di chilometri a PENDLETON presso il Rugged Country Lodge (76 €) un buonissimo hotel ben gestito.

Verso le 18,30 usciamo per andare a cena presso Hamley Steakhouse & Saloon classico locale del west dove consumiamo un’ottima cena poi facciamo un breve giro a piedi per le vie deserte di questa cittadina di 17.000 abitanti i cui negozi espongono prodotti locali, abiti e calzature da cowboy e che conserva ancora alcuni edifici d’epoca.

Venerdì 09: Pendleton (OR) – Boise (ID) – Km.365

Dopo colazione vado a fare una passeggiata di mezz’ora accompagnata da un sole splendido e con una temperatura di soli 15°.

Partiamo alle ore 9,00 continuando sull’I-84 e, appena dopo pochi chilometri, ci fermiamo in un punto panoramico ben indicato per fotografare l’estesa pianura sottostante, poi si comincia a salire fino ai 700/800 m. attraverso boschi di pini e abeti fino alla città di La Grande, dove ricominciano la pianura coltivata e i pascoli

  • 16025 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social