And the Oscar goes to...

Da Los Angeles a San Diego, passando per Las Vegas e i parchi naturali americani

  • di rondy
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 2000 a 3000 euro
 

Dopo circa 15 anni ritorno nella città degli “angeli“ (la prima volta per la mia compagna) per visitare i parchi naturali e tutte le bellezze del West degli Stati Uniti. Abbiamo acquistato i biglietti Roma-Amsterdam-Los Angeles A/R con la compagnia KLM, arrivati in aeroporto ci aspetta la prima sorpresa: il personale KLM ci avverte che il volo potrebbe subire un forte ritardo a causa di forti nevicate all’ aeroporto olandese , quindi ci propone un volo alternativo via Parigi con AF (ne approfitto subito per ringraziare il personale KLM che ha risolto il problema in pochi minuti ). A Parigi ci imbarchiamo sul nuovissimo Airbus A380 della compagnia francese , che con un ottimo volo ci porterà nella splendida Los Angeles. Qui prendiamo la navetta della Dollar Rent Car che ci porta subito a ritirare la nostra Dodge Avenger prenotata dall’ Italia con www.rentalcar.com. A L.A abbiamo prenotato con www.booking.com al Hollywood Downtowner Inn per 4 notti , in Hollywood Blvd, proprio a due passi dalla Walk Of Fame , hotel buono con parcheggio , Wi Fi, ma soprattutto con ottima colazione al House of Tacos – HOT – del simpaticissimo gestore adiacente all’ hotel. Da qui visitiamo L.A sempre affascinante, da Sunset Blvd a Beverly Hills, dall’osservatorio Griffit a Santa Monica, Venice e i divertentissimi Universal Studios, dato che siamo in zona facciamo una sosta al Motel Alta Cienega per rendere omaggio al grande Jim Morrison che qui ha soggiornato. Per le varie cene scegliamo Denny’s e IHOP, ma anche il Barney’s Bearners nella sempre affollata 3Th Promenade a Santa Monica. Da visitare assolutamente i quarteri di Melrose e di Beverly Hills con le sue vie del lusso, per la vita notturna non c’è che l’imbarazzo della scelta: da Sunset Blvd a Santa Monica Blvd i locali non mancano.

Lunedì in mattinata lasciamo L.A per dirigerci verso i parchi naturali sulla 15 North dopo una breve sosta al Tanger Outlet di Barlstow arriviamo in serata a Cedar City (Utah), dove pernotteremo al Quality Inn in una spaziosissima camera ad un ottimo prezzo e mangiamo al solito da Denny’s.

La mattina successiva ci addentriamo verso il Bryce Canyon, dove arriviamo dopo circa 3 ore contornato da una cornice di neve che rende il paesaggio ancora più suggestivo. Il pomeriggio percorriamo la 89 South verso Page dove arriveremo dopo 3 ore, pernottiamo al Quality Inn (ottima ed abbondante colazione servita in sala con vista direttamente sul canyon) mentre per la cena scegliamo il ristorante Fiesta Mexicana. Rimaniamo 2 notti a Page, dove ci godremo il tramonto sul Lake Powell, visitiamo la diga Glenn Damm, Hourse Bend ed il fantastico Antelope Canyon, noi ci siamo affidati all’Antilope Canyon Tours, riconoscibile dalla jeep celesti sulla via principale di Page. A nostro malincuore scopriamo che il North Rim del Grand Canyon è chiuso in inverno, quindi passiamo per Kayenta per attraversare la Monument Valley dove arriveremo in circa 2 ore. Trascorriamo la mattinata tra i pinnacoli e scattiamo molte fotografie, continuiamo sulla 163 North e 191 North, attraversando degli splendidi paesini : Bluff , Blanding e Monticello lungo la via dei primi pionieri e dopo 3 ore arriviamo nella caratteristica cittadina di Moab, qui pernottiamo 2 notti al Rodeway Inn, appena riaperto sulla Main Street. Per cena raccomandiamo il Moab Dinner prezzi bassi e ottima carne. Moab è situato in posizione strategica per visitare i parchi naturali dello Utah, noi cominciamo da The Arches a dieci minuti dal paese. Il parco è enorme e si può entrare con la propria auto con un biglietto di appena 10 dollari

  • 7073 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social