Il sogno è ancora quello americano?

L'America coast to coast, costi quel che costi.

 

Il vero viaggio "in America", oggi, forse dovrebbe essere un viaggio… in Cina. Per almeno due generazioni, infatti, l’America (nel senso degli Stati Uniti) ha rappresentato il futuro, un bagno dentro ai modelli vincenti, ai miti emergenti.

E oggi tutto questo non sta più a ovest, ma piuttosto ad est, in Oriente. Forse oggi c’è più futuro in un viaggio in India che in un viaggio negli USA. Non possiamo dimenticare infatti che ogni sera le nostre TV si collegano con Wall Street per sapere come va l’economia, dimenticandosi che la Borsa magari sta a New York, ma i soldi ormai vengono da Shanghai. Ma non per questo (o forse proprio per questo) un viaggio in America non ha perso fascino, anzi.

Io-Patrizio, per esempio, affido la mia voglia di evasione al filone western: lo so che appartiene al passato, ma non per questo mi piace di meno. E la letteratura "contro" per eccellenza è ancora quella della Beat generation. E il mito è ancora quello delle autostrade dritte senza fine, a bordo delle macchinone col cambio automatico, un piede sull'acceleratore e uno fuori dal finestrino. La comicità rock è ancora quella dei Blues Brothers. E quel velo di decadenza che comincia a coprire tutto questo, non ce lo rende meno affascinante, anzi.

Per cui il sogno è ancora quello: l’America coast to coast, costi quel che costi. Anche perché questa (relativa) decadenza non significa che l’America non abbia più nulla da dire, al contrario. Forse comincia adesso a dire le cose più interessanti. La svolta ecologica, la voglia di nuovi modelli di sviluppo, pare che vengano dagli USA. E mi piacerebbe tanto andare a scoprire tutto quel – tanto – di alternativo che proprio in America sta nascendo.

Patrizio

  • 2892 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Ery81183
    , 25/9/2011 12:19
    Altro che se e' ancora il sogno Americano!!! io sono tornata una settimana fa dalla mia prima volta in questo fantastico paese.Ho fatto il tour della California e parchi e tutt'ora ho ancora la pelle d'oca se ci penso...emozioni indescrivibili,parchi stupendi,deserti aridi,paesaggi sconfinati,la terra rossa degli Indiani Navajo che vedi solo nei film west e poi il casino dei casino' a Las Vegas(il paese dei balocchi per eccellenza),l'aria ancora hippy e del beat generation di San Francisco,la tamarraggine e l'orgoglio Hollywoodiano!! come si fa a non amare questo paese??? La vacanza piu' bella della mia vita,se conto anche i sacrifici che ho dovuto fare per andarci,ma orgogliosa di averlo fatto e lo rifarei altre 1000 volte!

    ps: a breve mettero' anche il diario!!
  2. Katmai
    , 23/9/2011 17:21
    Ben detto Patrizio,
    ho dedicato molto tempo ed energia a questo argomento, quasi per fosse una "personalissima" missione divulgativa. Nel mio ultimo lavoro sostengo che:
    " Nessun governo, nessun paese e in fondo nessuno di noi ha realmente intenzione di rinunciare al modello di sviluppo che ci siamo dati.
    Un modello di sviluppo che ha portato in 150 anni ad un sensibile miglioramento delle generali condizioni di vita, ma che oggi presenta il conto.
    La popolazione umana continuerà a crescere, tutti noi continueremo a consumare più di quanto il pianeta possa rimpiazzare e presto non esisterà al mondo cosa più rara di un area risparmiata dall'intervento umano.
    Lo sviluppo sostenibile non esiste, perciò l'unica nostra salvezza sta nella scelta di preservare quanto più possibile ampie porzioni di territorio.
    Sul nostro fragile pianeta vi sono luoghi cui la bellezza dei paesaggi e la ricchezza della vita hanno conferito un valore inestimabile.
    Alcuni di essi sono stati salvaguardati dalla istituzione dei Parchi Nazionali.
    Essi in realtà rappresentano molto di più di semplici concentrazioni di meraviglie naturali o geologiche, essi rappresentano una vera sfida: quella di poter godere della bellezza di un luogo senza distruggerlo.
    Qui c'è qualche immagine.
    E se davvero vorrai andare a scoprire l'America, quella più vera e lontana dagli stereotipi ti invito a contattarmi anche tramite il mio sito www.cattedralidismeraldo.com, dopo 20 anni di viaggi continui credo ti potrei offire indicazioni per "chicche naturalistiche o storiche" che nemmeno ti immagini .... (in più siamo anche quasi vicini di casa)
    Ciao
  3. divino
    , 20/9/2011 13:40
    hai perfettamente ragione Patrizio. Negli USA ci sono stato nel 2008 per viaggio di nozze e mi piacerebbe tornarci tra 10 anni e vedere i cambiamenti ecologici che ha realizzato questo grande paese
  4. DIDIADRY
    , 19/9/2011 14:28
    allego anche il mio link di GPC USA-Florida:
    http://turistipercaso.it/forum/t/89064/usa-florida.html
    ciao!
    Adriana

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social