Parchi e dintorni

Viaggio Il nostro viaggio nel West ha avuto una gestazione travagliata. Almeno un paio di anni fa abbiamo iniziato a leggere i racconti di questo sito ed è nato un itinerario. Abbiamo aspettato per un paio di anni che qualche ...

  • di chstefy
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: fino a 6
 

Viaggio Il nostro viaggio nel West ha avuto una gestazione travagliata.

Almeno un paio di anni fa abbiamo iniziato a leggere i racconti di questo sito ed è nato un itinerario. Abbiamo aspettato per un paio di anni che qualche amico si decidesse ad unirsi a noi, ma alla fine, stanchi di aspettare, abbiamo deciso di andare soli. Naturalmente a fronte di questo viaggio per lande desolate, deserti e dirupi, abbiamo dovuto rassicurare i nonni sul fatto che: a) non perderemo di vista un attimo il loro nipotino (che ormai ha 15 anni e che poi sarebbe anche nostro figlio ma questo pare non sia rilevante) b) ci sono scarse probabilità che la faglia di S.Andrea decida di sprofondare nel Pacifico proprio mentre attraversiamo il Golden Gate (almeno speriamo) c) gli indiani non inseguono più i viaggiatori per fargli lo scalpo ma solo per vendergli collanine I biglietti Delta Airlines sono stati acquisitati con CTS, anche se tutto sommato il sito della Delta offriva una cifra simile, diciamo che il costo della tessera viene ammortizzato dall’acquisto della polizza assicurativa per le spese mediche che con CTS costa meno rispetto all’acquisto in rete. Per il volo abbiamo speso 535 € a testa prenotando a fine marzo: andata: 26 giugno Malpensa – Atlanta (sosta di due ore) – San Francisco ritorno: 14 luglio Los Angeles – Atlanta (sosta di un ora) – Malpensa (arrivo il giorno successivo). Per fortuna, essendo in uscita dagli USA, non è necessario recuperare i bagagli e rifare il check-in come all’andata.

Attenzione, io ho fatto la prenotazione telefonicamente, la prima signorina (devo dire un po’ sbrigativa e mica tanto simpatica) con cui ho parlato mi ha detto che il volo sarebbe stato diretto Milano - S.Francisco e mi ha fornito una tariffa di 800€ a testa. Fatto il bonifico ho controllato sul sito della Delta (magari dovevo farlo prima eh?) ed ho visto che lo stesso volo costava molto meno. Ho richiamato e una signorina molto più disponibile e capace (Maria Grazia), mi ha cambiato la prenotazione trovando la tariffa più bassa (e non la prima che si è trovata sotto il naso), mi ha spiegato che voli diretti non esistono (e qui è la Delta che bara spacciando per scalo tecnico a New York quello che è una sosta di due ore con recupero bagagli) e mi ha chiesto i dati bancari per fare un bonifico di rimborso per la differenza con la prima tariffa (ci hanno messo circa un mese ma è arrivato).

L’auto l’abbiamo prenotata con National, ha prezzi più bassi rispetto ad Avis e Hertz (dove per avere un prezzo paragonabile a National sarebbe necessario pagare tutto in anticipo) e non richiede nemmeno la carta di credito per prenotare. Per la serie non facciamoci mancare niente, abbiamo scelto un bel gippone (4000 cc benzina, una follia da sboroni in Italia, un SUV assolutamente standard negli USA, col senno di poi anche piccoletto) alla quasi modica cifra di 800$ (circa 600€) per 18 gg, prelevato a San Francisco la mattina dopo il nostro arrivo e lasciato a Los Angeles la mattina del 14 luglio prima della partenza, il secondo autista è gratis.

L’albergo per la prima notte l’abbiamo prenotato vicino all’aeroporto. Considerando che l’arrivo è previsto per le 19.15 e che saremo sbarellati dalla stanchezza e dal fuso, abbiamo scelto un albergo a 2 miglia dall’aeroporto con shuttle compreso che il mattino successivo ci riporti in aeroporto per prendere l’auto a noleggio con la quale raggiungeremo l’albergo prenotato per le successive due notti.

Capitolo tasse, una vera barba per noi italiani. Anche su esplicita richiesta, gli hotel non ti danno mai l’informazione del costo totale, evidentemente per loro è inconcepibile. Per noi invece è come se ovunque (dall’hotel al ristorante al venditore di souvenir) ti dicessero i prezzi senza iva, con l’aggravante che la percentuale varia da stato a stato e a volte da città a città

  • 2151 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social