La seconda volta nell’Ovest

Dopo essere stati già una volta nell’ovest degli Stati Uniti, saremmo felici di tornarci e condividere la nostra con amici che nutrono da un viaggio gli stessi interessi. Organizziamo così un viaggio abbastanza articolato, che ci ha soddisfatto moltissimo e ...

  • di alexcolombaioni
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in gruppo
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 

Dopo essere stati già una volta nell’ovest degli Stati Uniti, saremmo felici di tornarci e condividere la nostra con amici che nutrono da un viaggio gli stessi interessi. Organizziamo così un viaggio abbastanza articolato, che ci ha soddisfatto moltissimo e lasciato dentro un ricordo eccezionale. Saremo in 47 da ogni parte d’Italia. Una felice occasione per rivederci o fare nuove conoscenze.

1° giorno: Italia – Los Angeles (vía New York) Arriviamo puntualmente all’aeroporto Leonardo Da Vinci di Fiumicino, con un gruppo d’amici. Purtroppo due nostri amici provenienti in aereo da Napoli non arrivano a tempo e dovranno partire con il volo successivo. Un altro gruppo sta partendo dall’aeroporto di Milano Malpensa. Partiamo con voli Continental quasi contemporaneamente con i nostri amici del nord d’Italia e ci troveremo nel primo pomeriggio all’aeroporto di Newark, nel New Jersey. Seguiamo la procedura del controllo dei passaporti e anche se è un transito, ritiriamo la valigia per rimbarcarla subito dopo un altro controllo. Purtroppo Maria non ha ricevuto la sua valigia e denunciamo il fatto. C’incontriamo con i nostri amici provenienti da Malpensa e ci dirigiamo verso il gate per imbarcarci sull’aereo che ci porterà a Los Angeles. Sono quasi altre 6 ore di volo e appena dopo il tramonto atterriamo all’aeroporto internazionale di Los Angeles. Ritiriamo il bagaglio e attendiamo le navette dell’hotel che in pochi minuti ci portano nel tanto sospirato luogo di riposo. Dopo più di 15 ore di volo con 9 per il fuso orario, una bella doccia e un buon letto è tutto quello che possiamo desiderare. Alloggiamo al Continental Plaza Airport. 2° giorno: Los Angeles In questa fase d’assestamento per il fuso orario ci svegliamo abbastanza presto. Dopo colazione, un pullman ci preleva per condurci sul lungomare di Santa Monica. La spiaggia è larghissima e quasi deserta. Osserviamo chi pattina, chi corre in bicicletta, chi corre. Noi ci limitiamo a scattare alcune foto e sognare. Ripartiamo e ci dirigiamo verso l’aeroporto per prendere i nostri amici che ieri hanno perso la coincidenza da Napoli. Un fragoroso applauso li fa sentire i benvenuti. Viaggiamo in direzione del teatro cinese. In questo luogo tutti stanno a testa bassa per osservare sul pavimento le speciale gettate di cemento sulle quali sono state lasciate le impronte dei piedi, delle mani o la firma fatta con un legnetto. Per non parlare del marciapiede con impressi i nomi delle più famose stelle del cinema. In pochi secondi riaffiorano alla mente scene di film visti in passato. La prossima sosta sarà il Rodeo Drive a Beverly Hills. Mentre attraversiamo la strada, alcuni riconoscono all’interno del suo Suv il regista Spilberg. Una passeggiata tra queste vie evoca le scene del film di Pretty Women. La visione del mastodontico hotel che lo domina lascia solo sognare. Ma il sogno svanisce appena risaliamo sull’autobus che questa volta ci farà sostare nel centro della città di Los Angeles. Abbiamo davanti la City Hall e una magnifica fontana che emette i suoi getti idrici al filo del pavimento sul quale sono stati praticati dei fori. Dagli stessi fori è recuperata l’acqua che viene sparata ad un ritmo imprevedibile per un incantevole spettacolo a cielo aperto. Poco distante c’è il borgo prospiciente la chiesa di Nostra Señora de Los Angeles. Prodotti dell’artigianato messicano ci trascinano meglio nella tradizione locale. La giornata è finita con il sonno delle 5 della sera che ci ricorda che in Italia sono le due di notte

  • 1087 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social