A new york week

NEW YORK, 26 agosto – 2 settembre 2008 Dopo una breve pianificazione siamo partiti. Eravamo in tre: io, mia moglie e mia figlia. Il fatto che non ho potuto programmare per tempo, mi ha comportato una serie di problemi e ...

  • di faro2251
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: fino a 6
 

NEW YORK, 26 agosto – 2 settembre 2008 Dopo una breve pianificazione siamo partiti. Eravamo in tre: io, mia moglie e mia figlia. Il fatto che non ho potuto programmare per tempo, mi ha comportato una serie di problemi e ovviamente maggiori costi. Comunque andiamo per ordine.

Albergo: non mi riusciva di trovare stanze da tre e dunque la scelta è caduta sull’Hilton New York (Ave. Of the Americas), dove ho dovuto prenotare una camera de luxe, ossia con due letti a una piazza e mezza (mia figlia da sola ci stava bene, io e mia moglie un po’ stretti); comunque una bella stanza, modernamente arredata sebbene con il bagno picolo. La posizione era ottima. Il MoMA di fronte, a due passi dal Rockefeller Center e vicino a Times Sq. Il prezzo, come accennato, non proprio a buon mercato.

Volo: Continental, da Roma e Newark e viceversa. All’andata un B. 767 al ritorno un più moderno 777. Servizio a bordo e cibo pessimo. Hostess arcigne e scorbutiche. All’andata – c’era una temperatura polare a bordo - ho chiesto un coperta supplementare ad uno steward che mi ha risposto con un’alzata di spalle (e non me l’ha portata); risultato: sono arrivato a NYC con il raffreddore.

Scalo: da Newark a Manhattan abbiamo preso un taxi. Tra mancia e pedaggi mi è costato 90$, l’autista ha preteso che gli pagassi anche il pedaggio per il ritorno da lui fissato a 10 euro per tratta; ma io ho visto che al box pagava 8$. Inoltre, siccome avevo una banconota da 100$, la mancia e il toll se li è trattentui direttamente lui restituendomi dunque 20$, dopo che io avevo pagato direttamente il toll di 10$ all’andata, ergo: 90$ tondi! Per il mio carattere questo è stato troppo. Al ritorno, nonostante avessimo le valigie più piene che all’andata, ho programmato tutto minuziosamente: Subway (la fermata era dietro all’hotel) fino a Port Authority e bus per Newark, confortevole ed efficiente,15$ a testa, tot. 45$: la metà! Spostamenti: consiglio la Metrocard settimanale a 25$. Noi l’abbiamo usata tantissimo. L’unica cosa, a mio parere meglio farla al box con l’impiegato, dove si paga in contanti ma di fronte c’è una persona fisica, che alle macchinette dove l’operazione è un po’ complessa e dietro si forma subito una fila di persone impazienti. A me, purtroppo, la macchinetta ha “rubato” 25$ in quanto alla fine dell’operazione non mi ha erogato la tesserina. Risultato: sono dovuto andare a pagare le tre tesserine in contanti al gabbiotto e adesso devo aprire una procedura di contestazione attraverso l’American Express (non so con quali risultati) per i 25$ indebitamente addebitatimi. Ho provato spiegare l’accaduto all’impiegato del gabbiotto (attraverso un vetro spesso e un microfono distorcente) il quale, molto maleducatamente, non ha voluto sapere niente.

Food: assolutamente Jackson Hole su tutti; hamburger giganti e appetitosissimi piatti messicani, a un prezzo accettabilissimo. Buona anche la Churrascaria Plataforma, ma decisamente cara. Discreto Bubba Gamp a Times sq.: gamberi in tutte le salse. Ottimo l’Europa Cafè per le prime colazioni. Bocciato, per ambiente e (scarsissima) qualità del cibo, Dallas BBQ sempre a Times sq. Per il resto, discreta la pizza di Sbarro come riempitivo veloce. Nulla di eccezionale i frullati di Jamba Juice: tutti sciroppo e ghiaccio, poca frutta fresca. Appetitosi, ma piccoli, gli hot dog per la strada.

Shopping: Abercrombie, anche se ci sono da fare file non da poco sia per entrare che per provare i capi. Macy’s dove, presentando il passaporto, ti fanno una tessera che dà diritto all’11% di sconto (così come da Bloomingdale). Da Macy’s ho potuto meglio acquistare capi Ralph Lauren che non alla Ralph Lauren stessa dove ci sono commessi stanchi e seccati e la scelta è, paradossalmente, inferiore. Buona anche Shoemania per le scarpe. Mia moglie e mia figlia si sono trovate benissimo anche da Victoria Secret a Herald Sq. Poi i soliti H&M e Zara. Buono B&H per l’elettronica, a patto però di avere le idee chiare fin prima di entrare; altrimenti si è presi dal vortice della confusione febbrile che regna all’interno e diventa difficile compiere un acquisto ponderato. Century 21 a ground zero, non merita la pubblicità che se ne fa: merce scadente esposta disordinatamente in un clima da girone infernale Turismo: il MoMA su tutti, veramente notevole, specialmente il IV, V e III piano. Empire State Building, avevo fatto i biglietti da Internet e mi sono risparmiato una piccola parte di fila; lo spettacolo è veramente notevole specialmente se – come abbiamo fatto noi – si sale al tramonto. Poi il ponte di Brooklin attraversato a piedi (da Brooklin verso Manhattan), Chinatatown (con visita ai templi buddisti), Little Italy, Central Park, Columbus Circle, Times sq., Chrysler Building (che per me è architettonicamente il più bel skyscraper di New York) e Central Station. Tutto bellissimo e suggestivo! In sostanza riteniamo molto positiva questa esperienza e anzi ci siamo ripromessi di tornare, facendo tesoro di quanto appreso durante questo meraviglioso e stimolante viaggio

  • 191 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social