West Coast

Da molto tempo sognavo di battere le polverose strade sterminate della West Coast, alla ricerca del Grande Sogno Americano. Finalmente quest’anno, iniziata per tempo l’opera di convincimento del resto della truppa, siamo riusciti ad organizzare il tanto agognato viaggione. Io, ...

  • di Claudione
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in gruppo
 

Da molto tempo sognavo di battere le polverose strade sterminate della West Coast, alla ricerca del Grande Sogno Americano. Finalmente quest’anno, iniziata per tempo l’opera di convincimento del resto della truppa, siamo riusciti ad organizzare il tanto agognato viaggione. Io, Chiara, Marco, Laura, Luca, Bea, Francy, Baby ed Emi siamo partiti da Milano alla volta degli States il giorno 9 Agosto. Scalo su Londra e poi via fino a San Francisco; arrivo in città e subito in albergo (Westin Market Street, molto bello e in splendida posizione per visita a città (vicino ad Union Sq.)). San Francisco è una città deliziosa, la più europea della West Coast. I suoi saliscendi e le case vittoriane ci conquistano subito, la varietà di gente, stili (da grattacieli a casette di due piani in 2 isolati) e culture è un’iniezione di fascino che rende questa città veramente speciale. L’unico aspetto negativo è il freddo (una giacca è il minimo per la sopravvivenza) 10 Agosto Le cose da vedere non sono moltissime ma è una città che va vissuta e girata possibilmente a piedi. Dopo aver fatto un giretto per il quartiere finanziario sede del nostro albergo, ci dirigiamo al Fisherman Wharf, porto di Frisco e centro nevralgico del turismo della città. In questo quartiere trovano sede musei, ristoranti e il Pier 39, molo pieno di negozi ultraturistici ma interessante da visitare per la presenza di un molo riservato ai leoni marini. Nel primo pomeriggio avevamo prenotato dall’Italia (impossibile trovare posto in loco, bisogna prenotare con largo anticipo) la visita ad Alcatraz; dopo un breve tratto in battello si sbarca su The Rock, mitica isola su cui sorge la famosa prigione. Il museo è molto ben organizzato: il giro turistico nei meandri del carcere è accompagnato dal commento in cuffia di ex prigionieri che aiutano a calarsi nel clima e a capire come doveva essere negli anni d’attività. Ne vale sicuramente la pena. Più tardi ci siamo incamminati per little italy e chinatown, quartieri brulicanti di attività e molto pittoreschi. Dopo una visita alla City Lights Book, libreria che ha ospitato la scena Beat degli States e ancora oggi ne promuove le opere, siamo rientrati in albergo. Sera con cenetta e primo contatto con un costume che caratterizzerà tutta la vacanza: in California dopo le 21 è praticamente impossibile mangiare. 11 Agosto Altra giornata all’insegna del podismo, camminata per la città e visita di Lombard Street (la famosa stradina tortuosa con mille tornanti) e di Haight-Ashbury, quartiere che ha visto la nascita del movimento Hippie coronato nella Summer of Love del ’69 e dove si può ancora respirare l’atmosfera di libertà che doveva pervadere quelle strade. Vicino a Haight c’è Castro, quartiere Gay che vale la pena di essere visto per la bellezza delle case. Sfiniti, finalmente, prendiamo un tram e ci dedichiamo allo shopping.

12 Agosto Ritiriamo le macchine noleggiate dall’ Italia e subito ci dirigiamo verso il Golden Gate Bridge, simbolo della città. Siamo infatti a Frisco da 3 giorni ma non siamo mai riusciti a vedere il suo simbolo a causa della fittissima nebbia che lo avvolge regolarmente. Neanche passandoci sopra la situazione migliora, ma ne vale comunque la pena perché all’altra estremità del ponte c’è Sausalito, un delizioso paesino di pescatori dove ci facciamo una gran mangiata di pesce.

Nel pomeriggio salutiamo San Francisco e ci dirigiamo verso il Sud ed entriamo di sera a Santa Cruz, cittadina un po’ spoglia (se non per l’enorme luna park sulla spiaggia) e troviamo alloggio al motel Beach inn (carino e abbastanza economico)

  • 963 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social