Northeastern Experience

Eccomi qua, sono passati oramai due giorni dal rientro a casa che gia' inizio a sentire la mancanza, gli Usa per noi sono una cosa fisiologica, e' una passione talmente forte che il distacco si fa' sentire in un modo ...

  • di VacanzeinAmeric
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in gruppo
    Spesa: 3500
 

Eccomi qua, sono passati oramai due giorni dal rientro a casa che gia' inizio a sentire la mancanza, gli Usa per noi sono una cosa fisiologica, e' una passione talmente forte che il distacco si fa' sentire in un modo incredibile ma veniamo al viaggio, per il nostro 16° ontheroad abbiamo deciso a causa di vicissitudini organizzative e logistiche di fare alcune tappe dai cugini americani del Canada, 1 agosto partenza, volo tranquilo con la Swiss da Zurigo e arrivo a Boston alle 19.50, sbrighiamo velocemente le pratiche dell' immigrazione, ritiriamo i bagagli e via sulla navetta della Dollar che ci porta all' autonoleggio. Primo intoppo, l' addetto i dice che i nostri minivan non ci sono, non sà quando ci saranno ne se ci saranno mai, discussione molto incavolata e quando ho minacciato di chiamare la polizia mi fà " attenda 10 minuti " passato questo tempo si e' presentato con due furgoni da 12 posti, il classico pulmino RAM 5000 di cilindrata, quando l' ho visti gli ho detto in italiano " te hai perso il cervello" mi ha guardato imbarazzato ha detto " dont like..." morale della favola, dopo 10 ore di viaggio, stanchi, abbiamo deciso di prendere le die midsize e risentirsi l' indomani mattina per la sostituzione.

Arrivati all' hotel Comfort Inn Danvers dopo 30 minuti di strada , la struttura e' il classico motel americano, camere grandi, due queen bed, aria condizionata accesa a meno 16 gradi, wireless, colazione inclusa, piscina e parcheggio, vorremmo fare tante cose ma la stanchezza si fa' sentire e andiamo a dormire.

Sveglia alle 7 vuoi il fuso orario, vuoi l' arrabbiatura con il noleggio, chiamiamo via Skype per sentire se nella notte sono rientrati i nostri minivan, dopo 30 minuti di attenda che controllo, attenda, ancora 2 minuti di attesa, l' operatore ci dice che un minivan e' disponibile a patto di presentarsi entro 30 minuti, saliamo in fretta in auto e via a tutta velocita' verso l' aeroporto di Boston, fortuna che e' sabato mattina e la famosissima Aurelia di Boston la A1 e' pressoche' deserta.

Arriviamo in tempo e ci viene consegnata l' auto, un Dodge Grand Caravan 3.3 di cilindrata, uno spaventoso succhiatore di benzina, torniamo all' hotel solo mezzi soddisfatti, l' altra coppia deve rimanere con la midsize in quanto dovremmo attendere tutto il giorno all' autonoleggio con la speranza che rientri un minivan.

Caricate le valigie ci avviamo alla partenza vera e propria, oggi ci aspetta una tappa molto lunga, circa 700 km, la distanza che divide Boston da Quebec City.

Durante il tragitto poco da segnalare apparte un tratto nelle White Mountain tra New Hampshire e Vermont, il resto solo paesaggi di collina, arriviamo alla frontiera di Derby Line e ci fanno scendere per il controllo, tutto ok ci timbrano i passaporti e ripartiamo in direzione Quebec. L' autostrada 20 che porta a Quebec City e' molto dissestata, e terribilmente noiosa, boschi, boschi e boschi niente apparte quanche area di servizio, fare gli ultimi 280 km e' stato veramente pesante.

Siamo arrivati in tarda serata all' Alt Hotel a Quebec City e nonostante le valutazioni ottime di questa struttura siamo rimasti veramente a bocca aperta di fronte alla perfezione, molto probabilmente il piu' bell' hotel che abbia mai trovato nei nostri 16 viaggi oltreoceano, camera non tanto grande, ma arredata in modo perfetto, tv lc 32", sistema audio Bose, grande bagno con cabina doccia in cristallo, tanto comfort e silenzio, l' unico neo in questa struttura e' la mancanza di colazione, purtroppo si rivelerà una costante nel nostro soggiorno in Canada

  • 506 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social