California e Oregon

Bene, alle 10.00 di dom 5 agosto siamo decollati con grande puntualità da Malpensa. Yes, siamo veramente partiti per l’America!!! Primo stop a Philadelphia, fra ca. 8 ore. Scriverò dopo, perché ora mi ronzano le orecchie e il tavolino di ...

  • di FrancaAcce
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: fino a 6
 

Bene, alle 10.00 di dom 5 agosto siamo decollati con grande puntualità da Malpensa. Yes, siamo veramente partiti per l’America!!! Primo stop a Philadelphia, fra ca. 8 ore. Scriverò dopo, perché ora mi ronzano le orecchie e il tavolino di plastica oscilla troppo! Dopo pochi minuti siamo sulle Alpi e c’è un panorama bellissimo. Passeremo sulla Francia e poi a sud dell’Irlanda, così ci hanno detto i piloti. See you.

H 17.05 – sotto di noi, dopo 7 ore di volo, si stende finalmente la terra, il continente americano. Per ora si vede molta campagna e un enorme lago o diga o stretto non meglio identificato (saremo più o meno all’altezza di Terranova). Meno male che non abbiamo scelto il volo diretto...Non se ne può più di stare seduti qui allo stretto e con aria condizionata fredda...Per fortuna ci forniscono le coperte e un piccolo cuscinetto. Ma abbiamo fatto solo un pisolo di un’oretta e comincio ad avere gli occhi stanchi. Atterreremo all’una (ora locale) perciò credo fra poco più di un’oretta. Non so di preciso...Però voglio scendere!!! H 18.40 (12.40 locali): landed!! Era ora. Ciao Philadelphia!! H 20 italiane (h 14 locali): tra poco meno di un’ora imbarcano per San Fr...E via! La stordita del check-in a Malpensa non ci ha dato il boarding pass per qs volo, così abbiamo avuto attimi di panico per capire cosa succedeva e poi abbiamo rifatto il check-in qui e tutto si è risolto. Passato anche la dogana con controlli ripetuti e un po’ buffi, ci hanno anche chiesto se siamo andati in qualche fattoria in Gran Bretagna, per paura di qualche epidemia (afta, credo). Ci hanno fotografato l’iride e preso le impronte digitali e schedati per benino. Mandato e ricevuto sms a Simona per confermare ns arrivo e a Patrizia S. Anche lei è qui a Philly, col marito hanno affittato una macchina enorme e andranno in giro così per gli stati del sud.

Primo assaggio di panino caldo terrificante, con ogni sorta di roba sopra e dentro... la cucina promette poco bene!! Chissà se su qs volo ci daranno di nuovo da mangiare? Non abbiamo fatto altro da Milano a qui! Pietoso cibo da aereo, ma devo dire che in 9 ore di volo c’è tempo di annoiarsi e qualche pausa per il cibo aiuta. Per ora ho fatto una discreta fatica a capire gli americani con i quali ho parlato, anche perché molti hanno accenti fortissimi delle loro comunità di origine. Ad es, la signora di colore al controllo boarding pass qui a Philly era assolutamente incomprensibile, mentre gli ufficiali della dogana li ho capiti bene. Invece la tipa che ha dato ora un avviso che ha causato lo svuotamento della sala di aspetto non l’ho capita per nulla! Help! Che succede? No, nulla, solo un volo per Chicago che parte da un altro gate.

Prelevato dollari: sono dei bigliettoni giganti, non stanno nei portafogli europei. Pure i soldi sono fuori misura, qui!! ...Ora per la mia mente annebbiata dal sonno e i miei occhi pesti sono le 5 del mattino di lunedì 6 agosto (in It) ...Ma in qs strano dilatarsi del tempo dato dai fusi orari siamo a mezz’ora da san Fr e qui sono le 20 ca del 5 agosto. Mi sembra di avere gli occhi sbriciolati e credo di patire tutti i sintomi del jet-lag...A parte che io, se ho sonno, soffro di jet-lag anche fra Giaveno e Pianezza...

Nell’ultima mezz’ora abbiamo sorvolato un paesaggio vuoto di pianure rosse e montagne dalla lunga ombra: Nevada o Colorado, chissà... Insomma, siamo quasi dall’altra parte del mondo, siamo DAVVERO, VERAMENTE, SUL SERIO quasi in California!!!!!!!! Continuo a pensare a quelli che arrivavano fino a qui prima in nave e poi a cavallo, sui carri, a piedi...La spinta potente verso una vita migliore, verso una possibilità, verso un fantomatico filone d’oro e la ricchezza, verso terre fertili che il governo regalava a chi andava a ovest (manco fossero sue...), verso l’avventura e soprattutto verso qualcosa di assolutamente ignoto. Non avevano visto i documentari o le foto del National Geographic prima di partire..

  • 10535 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social