New York, un sogno realizzato

New York, questa meta sempre sognata finalmente è diventata realtà! Premetto che forse il viaggio nella Grande Mela è uno di quelli che meglio si presta al “fai da te”, basta essere un po’ smaliziati con la carta di credito ...

  • di Ivano_74
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

New York, questa meta sempre sognata finalmente è diventata realtà! Premetto che forse il viaggio nella Grande Mela è uno di quelli che meglio si presta al “fai da te”, basta essere un po’ smaliziati con la carta di credito su Internet e si fanno davvero miracoli con buoni risparmi. Iniziamo dal volo: Delta Airlines diretto Venezia – NY Jfk . Costo circa 580 € andata e ritorno. Albergo: Qality Inn 40th Ave Long Island City, costo 100 euro circa LA DOPPIA per notte con prima colazione.

Innanzitutto una nota particolare sul tempo meteorologico: in 8 giorni abbiamo trovato solo 2 giorni di sole, mentre per il resto si è rischiato anche di congelarsi le dita dal freddo...Meno male che siamo quasi in estate!! Le previsioni meteo sono una fissa per gli statunitensi, “the weather channel” è sempre pronto a mostrarti qualche tornado in giro per gli U.S.A. E soprattutto le imbroccano sempre, altro che il vecchio Giuliacci!! Il primo giorno, dopo 9 ore circa di volo passato a guardare film, mangiare un po’ di tutto (cibo “da aereo” ovviamente, ma abbondante e continuo), tentare di dormire (con scadenti risultati) siamo atterrati alle 15.20 circa. Il caso ha voluto che contemporaneamente siano atterrati altri voli internazionali e quindi ci siamo trovati un po’ congestionati al controllo passaporti che è durato complessivamente 1 ora. Il tipo alla dogana comunque “autoritario”, si è dimostrato amichevole e, dopo aver preso le impronte digitali e fatto una bella foto, ci ha messo il timbro di accettazione. Ritiro bagagli e poi “suola e tacchi” in direzione Air Train. Ad essere sincero non è molto comodo da raggiungere. 30 minuti di trenino sopraelevato e poi metropolitana fino all’albergo. Ovviamente abbiamo acquistato la metro card illimitata per una settimana al costo di 25$...Praticamente obbligatoria visto che ogni corsa (ogni SINGOLA corsa, alla faccia delle 2h stampigliate sul retro del biglietto!!) costa 2$. 30 minuti di metropolitana (Linea E) ed arriviamo alla nostra fermata dove, dopo qualche domanda in giro, riusciamo ad entrare in albergo. Fatti e strafatti dal viaggio, decidiamo comunque di partire come treni alla volta di Times Square (visto che lo fanno tutti, perché non farlo anche noi?) dove, prima di arrivare, abbiamo fatto un giro nel negozio M&M’s...Che dire, tante chincaglierie divertenti, magliette, gadget tutto all’insegna dei noti cioccolatini! La sera, dopo la pizza da Sbarro (vicino a T.Square), rientriamo in albergo, mandiamo qualche sms e email dal PC sempre connesso ad Internet ed a disposizione dei clienti e poi ci fiondiamo a letto vista la stanchezza da “fuso orario”. Risultato? Alle 4.30 tutti svegli come grilli!! Il secondo giorno caratterizzato da un tempo variabile tendente al brutto, siamo andati a vedere S.Patrick Cathedral, il Chrysler building (che a mio avviso è il grattacielo più bello di Manhattan!!), il Rockefeller Center, la Grand Central Station ed il palazzo di vetro dell’Onu. Tralasciando la cattedrale che, sinceramente, è bella si, ma in Italia ne abbiamo di molto più interessanti, diciamo che gli altri grattacieli (esclusione fatta per il palazzo di vetro) e la Central Station sono degli enormi centri commerciali. A parte gli uffici ubicati ai “piani alti” dei palazzi, la parte bassa e praticamente tutta la stazione sono dedicati al commercio in senso stretto. C’è di tutto. Alla stazione sono voluto andare a vedere dov’erano i binari perché sembrava di essere in uno dei nostri centri commerciali il sabato. Mi sono gustato la hall che ho visto distruggere in innumerevoli film americani. Per il cibo ci siamo arrangiati da Friday, una sorta di megapub dove ti servono dagli hamburger alla bistecca con patatine in pieno stile americano. Niente di troppo economico, ma cibo buono e servizio cortese. Da notare che sullo scontrino c’era già la mancia (tip) suggerita a seconda del figurone che volevi fare...Sono fantastici, ci trovano il business in ogni cosa!! Ovviamente abbiamo lasciato il 15% (il minimo sindacale) ad una sorridente e gentile cameriera. Visto il tempo “perso” per mangiare e il tempo meteorologico siamo ci siamo dedicati allo shopping visitando nell’ordine: Nba Store, Modell’s (articoli ed abbigliamento sportivo) ed un altro negozio di abbigliamento sportivo dedicato interamente al baseball

  • 415 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social