Parchi U.S.A on the road

PARCHI USA Ore 2.00…… 5 AGOSTO Viaggio di: Stefania, Paolo, Daniela e Mauro. E’ domenica mattina, la sveglia suona. E’ ora di partire. Ci aspetta l’aeroporto di Bologna, per imbarcarci con il primo volo che ci porterà ad Amsterdam per ...

  • di nefertina
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: fino a 6
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 

PARCHI USA Ore 2.00... 5 AGOSTO Viaggio di: Stefania, Paolo, Daniela e Mauro.

E’ domenica mattina, la sveglia suona. E’ ora di partire.

Ci aspetta l’aeroporto di Bologna, per imbarcarci con il primo volo che ci porterà ad Amsterdam per poi salire sul secondo, con destinazione San Francisco.

Volo ok con KLM arrivo a San Francisco nel primo pomeriggio, ritiriamo la macchina che ci scarrozzerà e via verso il motel per appoggiare i bagagli... Best Western in Union Street... Niente di che, come zona è sicuramente meglio Fisherman’s Warf (molto molto carina) Appena appoggiati i bagagli cominciamo il nostro giro esplorativo a piedi verso il centro distante circa 15 min.

Incrociamo le vie centrali con tutti i negozi classici: nike town, levis, tiffany, louis vuitton... e proseguiamo per chinatown quartiere molto caratteristico per gli innumerevoli negozietti di souvenir, materiale elettronico ecc... Attenzione ai prezzi in quanto su molti articoli elettronici non sono esposti, ma vanno a discrezione del negoziante che a seconda della simpatia sparerà il suo prezzo che naturalmente bisogna trattare (bisogna calare almeno della metà poi se ancora il prezzo non ci soddisfa far finta di uscire e allora lì il negoziante si farà avanti con un’ultima offerta stracciata). Prendiamo la cable car che ci trasporta fino al capolinea 6 AGOSTO Con i residui del fuso ci alziamo prestissimo e cominciamo un’altra giornata per goderci la vista della città. Cominciamo dal porto fino a Fisherman’s warf dove ci perdiamo in mezzo ai vari locali e ristorantini che ti attraggono con le specialità di pesce , ma soprattutto con i loro crabs ovvero enormi granchi che ti servono anche per strada è simpatico vederli cuocere. Percorriamo la caratteristica Lombard Street famosa strada ripida e tutta curve di San Francisco, sempre piena di turisti curiosi. Continuiamo la visita di Sisco attraversando il Golden Gate per andarci a godere la vista dall’altro lato, ed essendo una bella giornata non troppo fredda riusciamo a scattare belle foto del ponte e della baia. Troviamo una strada panoramica che sale sulla montagna e dove possiamo godere di una vista ancora migliore, seguendo la strada fino in fondo arriviamo in un punto di osservazione di uccelli di vari tipi come cormorani, pellicani ecc. Incontriamo anche due cerbiatti!! (che carini) Arriviamo fino a Sausalito, una caratteristica città con case su palafitte: davvero carine.

7 AGOSTO: partenza per Yosemite, questo parco a detta di molti non merita e quindi lo attraverseremo solamente. Appena arrivati all’ingresso facciamo subito la tessera dei National Parks valida per un anno, che costa € 80,00 che risulterà utilissima per la visita di quasi tutti i parchi. Km dopo km il paesaggio cambia molto, non sono d’accordo con chi pensa che il paesaggio di questo parco sia come le nostre dolomiti, ci assomiglia molto, ma ha diverse cose che lo differenziano. La cosa che ci ha divertito molto sono i vari avvertimenti che vengono dati ai turisti riguardo alla salvaguardia del parco ma soprattutto per gli orsi. Siccome qui ce ne sono molti si raccomandano di mettere tutti i cibi e cose profumate in appositi contenitori di acciaio che si trovano a disposizione di tutti, in quanto gli orsi attirati dagli odori possono anche scassinare le auto. Sono dell’idea che meriterebbe una visita di un paio di giorni per viverlo meglio e magari per incontrare un orso!! Ad un certo punto del nostro percorso... opplà ecco apparirci proprio davanti un dingo che ci coglie impreparati e non riusciamo ad immortalarlo, ma ne siamo rimasti rapiti e stupiti e rimaniamo a guardarlo finchè sparisce. Dimenticavo di dire che per affrontare il caldo torrido che si prospetta nei successivi parchi, ma soprattutto nella Death Valley ci procuriamo un frigo che risulterà utilissimo in quanto in ogni motel troviamo distributori di ghiaccio con cui riempire il frigo e mantenere al fresco l’acqua

  • 6480 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social