New York e Florida

Ciao, vi raccontiamo, anche se un po’ in ritardo l’esperienza vissuta a marzo di quest’anno. Abbiamo organizzato il viaggio interamente da noi prenotando su internet il più possibile. Abbiamo previsto 6 giorni a new york e 8 giorni in florida. ...

  • di Cinzia02
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: 3500
 

Ciao, vi raccontiamo, anche se un po’ in ritardo l’esperienza vissuta a marzo di quest’anno. Abbiamo organizzato il viaggio interamente da noi prenotando su internet il più possibile. Abbiamo previsto 6 giorni a new york e 8 giorni in florida. nei giorni precedenti alla partenza, le prospettive metereologiche di bel tempo non erano delle più allettanti dato che in tv non riuscivano che a prevedere della gran neve, quindi, infilando in valigia maglioni, pile e sciarpe siamo partiti il 23/03/2007 con volo alitalia (con 2 ore di ritardo) alla volta di new york. Il biglietto lo acquistammo a fine dicembre pagandolo 457 euro a testa con internet come anche l’albergo che prenotammo mesi prima pagando per 6 notti 883 euro a camera senza colazione. arrivati a new york abbiamo avuto non poche difficoltà a capire come far funzionare le maledette macchinette elettroniche per fare i biglietti del treno che ci avrebbe portato a manhattan, ma grazie a una responsabile, la quale aiutava tutti i turisti, siamo riusciti a fare il biglietto e siamo partiti per la grande mela...La fermata del treno si trova esattamente sotto l’albergo. Noi abbiamo alloggiato all’hotel pennsylvania esattamente di fronte al madison square garden. Si tratta di un albergo con più di mille camere e non proprio pulitissimo, silenzioso e non modernissimo (vedi le prese della luce che si staccavano dal muro) comunque per i prezzi che ci sono a new york per dormire e per la posizione c’è sembrata una scelta ottimale.

Il primo giorno eravamo in strada alle 7.30 con l’andrenalina a mille per il posto in cui ci trovavamo. Era molto freddo...E ai lati della strada si vedevano ancora i resti della neve che aveva fatto la settimana precedente. Abbiamo girato a piedi in lungo e in largo ammirando questa splendida città, i palazzi immensi, le strade larghissime, il fumo che esce dai tombini esattamente come nei film; consigliamo, agli amanti dei musei, di fare il city pass con il quale potete visitare, il moma, gughennaim, il museo di storia naturale, l’empire e il giro in barca con 53 dollari a testa. Abbiamo visto il flatiron building, la statua della liberta’ (ancora oggi non abbiamo capito perche’ il traghetto non si e’ fermato ad ellis island, abbiamo supposto perche’ erano le 4 del pomeriggio, il tempo non era un gran che’ e il freddo era insopportabile). i giorni successivi, dopo aver mangiato l’immancabile hot dog e bevuto il caffe americano nel tipico star bucks (solo dopo abbiamo capito che in realta’ e’ il posto piu’ caro degli usa dove prendere un caffè l), abbiamo girato per tutti i quartieri newyorchesi rimanendo scioccati quando siamo arrivati a little italy e vedendo che si è ridotta a 2 misere viuzze completamente circondata dai cinesi.

Tappa obbligata a ground zero dove da qualche mese hanno aperto, accanto al burgher king, un museo dedicato all’11 settembre molto toccante dove l’entrata è a offerta libera (consigliata 10 dollari a testa).

Usare la metro è molto facile basta sapere se si intende andare in uptown (nord della città) o downtown (sud città) e facendo la metro card, si risparmiano un sacco di soldi. Siamo andati poi sull’empire state building verso il tramonto cosi’ potete ammirare il panorama sia di giorno che di notte, armatevi di pazienza perché verso quell’ora si trova un po’ di fila ma alla fine sarete appagati dal panorama mozzafiato(con il city pass e’ compresa anche l’audio guida in italiano, anche quella molto utile per capire la storia del monumento e i dintorni della città). Un’altra cosa che ci ha colpiti positivamente è la pulizia della città, il fatto che non si vede neanche un barbone in giro (al contrario di san francisco), la sicurezza in cui ti fa sentire (ad ogni angolo della strada c’è un poliziotto in macchina) e la gentilezza dei newyorchesi che appena ti vedono fermo ad un angolo con la cartina in mano e un po’ di indecisione si fermano chiedendoti se hai bisogno di aiuto. girovagando per broadway siamo andati a vedere un brunch gospel, carino...Ma niente di chè (in fondo era stato un ripiego alla messa gospel ad harlem). Il resto dei giorni a new york l’abbiamo passato tra lo shopping e i musei (quello di storia naturale ci ha stancato dopo mezz’ora)

  • 1940 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social