Tutta New york in sette giorni

Dopo l’ultimo viaggio in Tunisia dello anno scorso ci eravamo fatti una promessa, proprio qui sul sito di Turisti per Caso e cioè che il viaggio del 2007 sarebbe stato nella Grande Mela. Ed eccomi qui con la promessa mantenuta, ...

  • di supergeig2
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Dopo l’ultimo viaggio in Tunisia dello anno scorso ci eravamo fatti una promessa, proprio qui sul sito di Turisti per Caso e cioè che il viaggio del 2007 sarebbe stato nella Grande Mela.

Ed eccomi qui con la promessa mantenuta, pronto a raccontarvi assieme alla mia compagna di viaggio, e di vita, Antonella, il nostro viaggio a New York 24/08/2007 Sveglia alle 6:30 e partenza dalla stazione di Messina con pullman Sais verso l’aeroporto di Catania, volo Windjet delle 10:40 (in ritardo come al solito) arriviamo a Roma alle 13:00 (orario previsto le 12:00) tempo di ritirare i bagagli e correndo arriviamo al Terminal C proprio alla chiusura del Check-in del volo Eurofly delle 14:50.

Ci riservano gli ultimi 2 posti in coda, da un lato il finestrino e dall’altro la toillette... Ma distrutti dalla corsa fatta con i bagagli non badiamo all’aria malsana che si respira! Devo dire che le 9 ore di volo passano tranquillamente, tra film, pranzo e qualche ora di sonno, non ci accorgiamo di essere già a destinazione.

Arriviamo all’aeroporto JFK alle 18:30, controllo dei passaporti, foto e impronte digitali nel giro di una decina di minuti; ritiro immediato del bagaglio e via, fuori dall’aeroporto ci aspetta il nostro Supershuttle prenotato dall’Italia al costo di 34$ (x 2 persone con sconto di 2$ a testa). Dopo un ora di viaggio attraverso il quartiere Queens (non bellissimo) in lontananza si vedono i due simboli di New York L’Empire e il Chrysler illuminati.

Attraversiamo il Queensboro Bridge, poi Central Park South, fino a Columbus Circle, scendiamo dall’8 avenue fino alla 48th street ed eccoci davanti al nostro albergo, il Best Western President (eccezionale, posizione ottima e camere pulite a un prezzo ragionevole rispetto agli altri).

Il tempo di visionare la piccola camera, posiamo i bagagli e giù subito in strada... A pochi passi dall’hotel inizia Times Square.

Uno spettacolo incredibile di sera, da rimanere senza fiato, sono passate quasi 20 ore dalla sveglia mattutina e non siamo per niente stanchi, dalla 48th scendiamo fino alla 42th sempre con il naso all’insù, finche decidiamo di cenare e proviamo il Bubba Gump.

Veramente carino e si mangia benissimo, tutto a base di gamberi; prendiamo un antipasto di rotelle di cipolla fritta (ottime) e un piatto a testa misto (porzioni superabbondanti) + una birra incluso il bicchiere con il logo Bubba Gump, conto totale 70$ compresa la mancia.

Riguardo la mancia bisogna stare attenti e guardare bene lo scontrino perchè in alcuni locali la inseriscono del 15%(si rischia di pagarla quindi 2 volte) in altri no e bisogna lasciarla, noi max 10%.

Finita la cena giriamo sempre per Times Square qualche altra oretta fino a 00:30 (le 06:30 in Italia) entriamo all’Hard Rock Cafe dove compro una maglietta ricordo e poi ci dirigiamo verso l’Hotel perchè l’indomani ci aspetta la sveglia alle 7:00.

Prima di iniziare i tour dei vari giorni devo consigliarvi 2 cose essenziali, la prima è la Metrocard di 7 giorni illimitata al costo di soli 24$. E’ utilissima noi l’abbiamo strausata, prendendo il taxi una sola volta. Il secondo consiglio è il NewYorkPass, non il Citypass con le sole 6 attrattive ma quello che comprende tutto, noi lo abbiamo pagato su sito con lo sconto del 20% per 7 giorni 124$ (circa 90 €) ma alla fine di questa guida vi renderete conto quanto ci è convenuto.

Queste 2 tessere sono state essenziali nel nostro viaggio anzi dire vitali.

25/08/07 Sveglia alle 7:00 e colazione alle 8:15 nel vicino Sturbucks Coffee su Broadway, cappuccino e bagel 6$, metro rossa linea 1 sulla 50th street e giù fino a South Ferry- Lower Manhattam. Arrivati però alla fermata di Chamber Street ci fanno scendere per lavori in corso. Mi dico e adesso come arriviamo? E invece fuori dalla metro c’era un pullman che ci aspettava per portarci gratuitamente alla fermata South Ferry. Rimango sbalordito per l’efficienza, in fin dei conti la strada non era molta ma l’organizzazione degli americani è pazzesca..Altro che Italia!! Arriviamo davanti ai battelli per Staten Island, ma noi ci dirigiamo lungo il Battery Park, presso il Castle, ad inaugurare la nostra NewYorkPass. Entro nella piccola fortezza e vedo a destra una fila di persone per il biglietto del battello e a sinistra il negozio di souvenir vuoto dove vado a ritirare i 2 biglietti senza fare alcuna fila. Ci dirigiamo verso l’entrata del battello che ci porterà sull’isolotto della Statua della Libertà e ad Ellis Island. Affrontiamo i normali controlli ma anche se c’è una abbondante fila, il tutto si svolge celermente nel giro di una decina di minuti

  • 79212 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social