San Francisco, consigli per l'uso

Eccovi qualche dritta per non perdere tempo e denaro nella bellissima San Francisco (la nostra città americana preferita). Le cose da visitare potete sempre trovarle sulle guide, queste no. QUANDO ANDARE- Il periodo migliore è l’autunno. D’inverno è gelida ma ...

  • di rossgism
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: fino a 6
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Eccovi qualche dritta per non perdere tempo e denaro nella bellissima San Francisco (la nostra città americana preferita). Le cose da visitare potete sempre trovarle sulle guide, queste no. QUANDO ANDARE- Il periodo migliore è l’autunno. D’inverno è gelida ma senza nebbia, d’estate è fredda, uggiosa e ventosa. Mai dimenticare maglione e scarpetta, nemmeno ad agosto. DOWNTOWN- Da visitare in un giorno lavorativo, possibilmente all’ora di pranzo e mai dopo le 19. Dagli uffici una valanga di dipendenti eleganti in giro per localini. Il tempo di uno spuntino o di un acquisto (i negozi fanno orario continuato) poi si torna al lavoro. Vi consigliamo di andare a mangiare a Tommy’s Joint (1101 Geary Boulevard): chiude a notte fonda, è economico e si mangia praticamente di tutto. Atmosfera da taverna molto rilassata con tanto di partite di baseball in tv. Per i nostalgici della cucina italiana, Original’s Joe (144 Taylor Street): gestito dalla classica famiglia italiana da oltre 60 anni. Buono ed economico. Giusto per non farsi mancare una follia americana in piena regola: lo Hyatt’s Regency. Il grande albergo è costruito al contrario: fuori finestroni, dentro balconi, giardino, negozi e fontane. Pieno di locali la sera (in fondo a Marker St, verso l’Embarcadero). BEAT- Il movimento degli anni Sessanta è nato qui. Da vedere il City Light Bookstore (261 Columbus Av) dove si riunivano Kerouac&Co. Oggi ritrovo di nuovi intellettuali e rivendita di cimeli della letteratura del Novecento.

HIPPY- La patria è il quartiere Haight Asbury dove resistono ancora tardoni con parrucche e zeppe. Negozi con merce stranissima, tanti ragazzi, graffiti e case d’epoca. Da vedere, meglio di giorno. Da non perdere il mega negozio di cd e dvd usati e non, al 1855 di Haight Street: Amoeba. Si possono fare veri affari. Parcheggio convenzionato all’esterno. GOLDEN GATE- Avrete notato che non ho menzionato i posti che qualsiasi guida vi consiglierà di visitare: affidatevi a “lei”. Non posso però non dire che attraversare il Golden Gate Bridge vale tutto un viaggio a Sfo. In auto, traghetto o bus.

GOLDEN GATE PARK- Una sosta anche nell’enorme parco cittadino. Il nostro posto preferito è il Japanese Tea Garden: potrete assaggiare un buonissimo tè al gelsomino tra pagode, bonsai, ruscelli, ponticelli, buddha e la domenica si balla. Unico. DINTORNI DI SAN FRANCISCO- Da vedere il lussuoso paese al di là del Golden Gate: Sausalito. Belle spiagge (la migliore è Stinson Beach), villoni e meravigliose house boats (case di legno costruite in mare a mò di palafitta) di ogni forma, stile e colore. Di fronte c’è il Bayside Cafè (Saulito Nord, Harbor Center): piccolo ristorante economico con vista sulle h.B. Ci si arriva anche con il bus. E’ il luogo di vacanze estive dei cittadino di Sfo. Interessante anche la vsita all’Università più esclusiva d’America: Stanford (56 km a Sud di Sfo, uscita Palo Alto). Tra i prof. 12 Nobel e 4 Pulitzer. A metà giugno si può assistere alla spettacolare consegna dei diplomi. Bello il giardino con le sculture di Rodin ed il negozio con qualsiasi genere di oggetto e vestito targato “Stanford”. Visite organizzate gratuite, tanto verde e buoni cafè. Per gli amanti del divertimento, a San Jose (70 km a Sud) il parco di attrazioni Great America e la Winchester Mistery House (525 S Winchester Boulevard). Alla vedova del produttore di carabine fu ordinato da una medium di costruire una stanza per ciascuna delle persone uccise da una carabina: il risultato è un labirinto di 160 stanze in una dimora da crisi di panico. Visitate Monterey (200 km a Sud di Sfo), bella cittadina sul mare. Andateci in settimana e godetevi la tranquillità di un posto senza tempo narrato da John Steinbeck. Eccezionale il più grande parco marino degli Stati Uniti: il più spettacolare e ricco che abbiamo mai visto. Sette km più a Sud c’è Carmel, stupendo villaggio da visitare a piedi tra boutique esclusive e aiuole ricchissime. Ex sindaco: Clint Eastwood. Tutto è curato e lussuoso. Prendete un te alla Tuck Box English Room (Dolores St tra Ocean e la settima): sembra di stare nel mondo di Biancaneve. Delizioso anche il negozietto dietro la sala da tè.

  • 44329 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social