Las Vegas Disco Inferno

Senza punti e senza virgole. Il ritmo di Las Vegas è questo. Roba che non capita tutti i giorni di essere catapultati all'inferno e ad ogni passo boccheggiare e cercare di capire subito dove inizia la città che non esiste ...

  • di ACARUS
    pubblicato il
  • Viaggiatori: in coppia
 

Senza punti e senza virgole. Il ritmo di Las Vegas è questo.

Roba che non capita tutti i giorni di essere catapultati all'inferno e ad ogni passo boccheggiare e cercare di capire subito dove inizia la città che non esiste la città dove i semafori per i pedoni sono inchiodati sul rosso e fuori stai in apnea e vedi ogni tanto passare uno zoppo e una donna con gli occhi rigati di rosso e una vecchia col suo abito da sera di vent'anni prima e ti chiedi dove inizia la città dove finisce se ogni casino è una città a sè senza orologio che ti afferra alle caviglie e ti costringe a guardare a tenere gli occhi sbarrati come Alex di arancia meccanica perché tu vuoi essere come tutti loro che giocano alle slot che vincono che perdono e bestemmiano che rigiocano che bevono che guardano il culo delle cameriere e il livello dei casino si capisce dal culo delle cameriere dal sorriso dalle rughe e ti dici ecco sono al Sahara e qui devo giocare perché una notte almeno nella sua vita Elvis ha dormito qui ha giocato ha vinto ha perso e bestemmiato e ti dicono si ma se hai provato il Sahara non sai cosa ti perdi se non vai all'MGM dove c'è un leone vero che ti cammina sul vetro sulla testa e si mette in posa per la foto anche se sembra un animale drogato un toro da corrida e di giorno ti accorgi che Las Vegas non esiste se non in quel tintinnio vorace della gente che vince che perde e bestemmia e ti chiedi che ne sarà della notte se il giorno è una continua irrequieta rievocazione della notte e poi finalmente la notte arriva e ti dimentichi di aver trascorso otto ore di deserto e non fai in tempo a voltarti che c'è un cielo cattivo che si sta riempiendo di luci gialle e perforanti rosse avvolgenti e fioriscono sui marciapiedi ragazzini con i baffi appena accennati che fanno tac tac sui loro cartoncini-invito tac tac ed entri gratis allo strip-tease tac tac ti giri di scatto e fai già parte del privé tac tac e puoi fare due tiri omaggio alle slot mentre il vulcano del Mirage prende fuoco e la Roma del Ceasar si illumina a giorno e le gondole gondolano su Venice e poi ti portano a Freemont e ti invitano a tirare su la testa perché sta scorrendo un nastro di suoni gesti e luci manco a dirlo mentre sotto i tuoi occhi scorrono fiumi di donne obese con bottiglie di birra semivuote cicche predicatori che mettono in guardia contro il peccato nella città del peccato e poi tornano a casa in autostop coi loro cartelli-monito con le loro facce deconcentrate dal va e vieni di signorine d'alto bordo pianisti feroci jaguar limousine ferrari finchè viene il momento dello spettacolo del Bellagio e allora tutti sul lago a vedere il gioco di luci danzanti che poi è quello che ti aspetti di trovare in America a pochi metri da un hotel che si chiama Paris e ha un enorme tour Eiffel in bella vista come la statua della libertà del New York New York perché l'America ha già tutti gli altri continenti a portata di mano anche se di cartapesta stucco e cemento e allora perché andare in giro per il mondo se Las Vegas è il mondo?

  • 1183 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social