California, irresistibili contraddizioni

Cercherò di spiegare perché qualsiasi posto negli States vada assolutamente visto, quello che conta è l’atmosfera, la cordialità della gente che appena ti vede fermo con la cartina in mano arriva per sapere se può aiutarti (se non si fermano ...

  • di La Mik
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: 3500
 

Cercherò di spiegare perché qualsiasi posto negli States vada assolutamente visto, quello che conta è l’atmosfera, la cordialità della gente che appena ti vede fermo con la cartina in mano arriva per sapere se può aiutarti (se non si fermano vuol dire che non sono americani!), il patriottismo pubblicizzato in continuazione, gli adesivi con su scritto In God We Trust, tutto è più grande che da noi le strade sono larghissime, le camere degli hotel sono il doppio che in Italia, la dose del cibo al ristorante spesso non esiste paghi 10 dollari e mangi tutto quello che vuoi negli !all you can eat”, i biscottini al cioccolato fatti in casa che di solito negli hotel preparano a merenda sono 4 volte un taralluccio; in una specie di fattoria in Florida c’erano i tacchini ed erano alti quasi come me : è vero che io sono alta solo 1,57 e quindi per essere una donna sono bassa, ma se fossi un tacchino sarei altissima ! La colazione che a casa non faccio mai lì proprio non si può saltare, i muffin sono enormi, i french toast (pan carrè imbevuto nell’uovo e latte e cannella e fritto), tutti questi modi diversi di fare le uova, l’odore della pancetta che a casa nostra non mangiamo mai

Ma da loro è buonissima, i succhi di frutta che sanno solo di frutta, addirittura il loro caffè sembra buono dopo un paio di giorni, è brodaglia marrone ustionante ma sta bene insieme a tutto il resto; il bicchiere della coca cola al ristorante lo riempi tutte le volte che vuoi ma lo paghi 1 volta sola, ai loro edifici storici tengono tantissimo, li curano e li tengono in ordine e ci tengono molto a raccontarti cosa è successo nel preciso punto in cui ti trovi anche se a noi la loro storia fa un po’ ridere dato che noi ragioniamo in termini di migliaia e loro di 2 o al massimo trecento anni; le loro guide turistiche non sembra che svolgano un lavoro ma piuttosto una missione e spesso sono divertenti, quasi degli animatori turistici; quello che non è storico lo costruiscono nuovo cercando di antichizzarlo; su un giornale l’estate scorsa in prima pagina c’era un titolo “tutti preoccupati per la sorte del basilico” perché in Italia il tempo non era buono e questa metteva a serio repentaglio il destino del pesto. Nei parchi tematici tutto è ordinato e pulito, non è come a Gardaland dove stai ad aspettare per 2 ore sotto il sole con il gomito di almeno 3 persone infilato nel costato, le file sono ordinate, protette dal sole con le pensiline e a volte addirittura ci sono ventilatori e vaporizzatori d’acqua, nell’attesa ci sono dei filmati e delle ambientazioni che ti consentono di non annoiarti, gli armadietti sono vicini a ogni giostra sulla quale non puoi portare “bagaglio”, e i passeggini per i bambini sono gratuiti e tantissimi e hanno un loro parcheggio vicino ad ogni entrata. Ovunque e a fare qualsiasi lavoro ci sono persone di tutti i tipi e di tutti i colori, ci sono dei grosssssi omoni neri teneri e gentili e motociclisti tatuatissimi che giocano con i loro bambini e poi c’è la famiglia americana della pubblicità, tutti biondi e con 3 figli di età ravvicinata che rientrano tutti insieme nella loro casetta colorata con il prato di fronte e al cassetta della posta a forma di foca (o di qualsiasi altra cosa possa venire in mente ad animo umano) e il cortile con il cestino da pallacanestro

LAS VEGAS – DA VEDERE

Io farei per prima tappa Las Vegas, che si trova in Nevada e anche se fa caldo è secco quindi decisamente più sopportabile che in Florida; inoltre permette di poter vivere sia di giorno che di notte, si può mangiare e giocare 24 ore su 24 e quindi si riesce a visitare tutto anche con il jet lag; le attrazioni da vedere sono gli hotel, sembra un enorme parco divertimenti interamente ma dichiaratamente artificiale

  • 1000 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social