Alla conquista del west

Finalmente è arrivato il tanto atteso momento della partenza: 20 giorni nel west. Volo, noleggio auto, hotel per le prime due notti a LA ed assicurazione medica sono le uniche cose già definite. Tutto il resto, pur avendo già un ...

  • di cecava
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
 

Finalmente è arrivato il tanto atteso momento della partenza: 20 giorni nel west. Volo, noleggio auto, hotel per le prime due notti a LA ed assicurazione medica sono le uniche cose già definite. Tutto il resto, pur avendo già un itinerario, potrà essere modificato a piacimento. Ecco alcune cose che vogliamo sottolineare dopo la recente esperienza.

Cibo: nel resoconto del viaggio tralasceremo salvo qualche eccezione i luoghi dei nostri pasti, perché se c’è una cosa che negli USA non manca di certo, è la scelta di fast- food, ristoranti, pizzerie con prezzi diversi e accessibili a tutte le tasche. Noi avevamo deciso di provare di tutto. Dormire: stessa cosa vale per i motel. A parte qualche caso di sovraffollamento abbiamo sempre trovato immediatamente un motel. Mettiamo cmq. Alcuni Motel con il prezzo comprensivo di tasse.

Parchi: se volete visitare più parchi conviene la tessera annuale. All’entrata vi sarà fornito un giornalino gratuito tradotto in italiano, con notizie sul parco, avvisi, previsioni del tempo, mappa.

Multe: noi ne abbiamo prese due per divieto di parcheggio. Viene però fornito il modo per pagarle negli USA. Se decidete di non pagare...È inutile. La compagnia di noleggio ve le manda a casa.

Sceriffi: se doveste vedere alle vostre spalle una macchina della polizia che lampeggia, anche se non state contravvenendo a nulla fermatevi immediatamente a destra. Si arrabbiano facilmente. Shopping: si trova veramente di tutto. Noi abbiamo trovato particolarmente interessanti i prezzi dei prodotti da montagna.

Bevande: o ustionanti o freddissime (con tanto ghiaccio aggiunto) 2/08/06 Milano- Los Angeles Ramada Inn- Fireston Boulevard ($ 104 per due notti) Mentre Nicola sta sognando montagne di hamburger, litri di Pepsi, Ford Mustang rombanti, io mi imbottisco di tranquillanti per poter sopravvivere a 13 ore in aria. Ci imbarchiamo a Malpensa con la British e, dopo uno scalo a Londra, eccoci in volo con American Airlines destinazione Los Angeles. Dopo 11 tranquille ore siamo sulla città. È enorme, ci perderemo sicuramente. Scesi e disbrigate velocemente le pratiche all’immigrazione, saliamo su uno shuttle che ci porta al deposito Avis, presso cui abbiamo noleggiato la macchina.

L’Avis ci fornisce anche di una comoda cartina delle hwy cosicché raggiungiamo l’albergo abbastanza agevolmente. Guidare è molto facile, le uscite sono tutte segnalate per tempo e basta spostarsi con decisione da una corsia all’altra. L’hotel si trova proprio a fianco di una uscita dell’hwy e quindi in posizione comoda (in realtà LA è troppo grande per poter definire qualcosa comodo). Siamo stanchi e dopo una doccia decidiamo di uscire a piedi ed esplorare i paraggi: presto fatto perché non c’è nulla. Poiché la fame è tanta entriamo da un benzinaio e scopriamo di poter farci gli hot dog (è comune che il benzinaio non venda solo patatine, bevande ecc., ma che vi sia la possibilità di prepararsi panini, hot- dog, tacos a poco prezzo). Ma al momento di pagare non viene accettata né la carta di credito, perché non abbiamo un codice (ma che codice?), né 100$ unici contanti che possediamo. Dopo aver chiesto informazioni siamo costretti a lasciare tutto e tornare sui nostri passi a digiuno. Sarà tuttavia l’unica esperienza negativa dei nostri venti giorni di vacanza.

3/08/06 Los Angeles Usciamo presto e decidiamo per prima cosa di esplorare in auto un classico quartiere americano: è proprio come in un film. Ogni casa ha il suo garage con cortile, cesto da pallacanestro, barbecue, macchinone gigante parcheggiato

  • 1057 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social