Go west

Las Vegas – Grand Canyon Special Thanks for Alessandra “Melucches” per i consigli e le dritte datemi nell’organizzazione del viaggio e a tutti quanti nel newsgroup “free.it.viaggi.usa per i validi e disinteressati consigli. 02/10/2006 (Prenotazioni effettuate quasi integralmente con www.expedia.it ...

  • di beetlejuice
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 

Las Vegas – Grand Canyon Special Thanks for Alessandra “Melucches” per i consigli e le dritte datemi nell’organizzazione del viaggio e a tutti quanti nel newsgroup “free.It.Viaggi.Usa per i validi e disinteressati consigli.

02/10/2006 (Prenotazioni effettuate quasi integralmente con www.Expedia.It . I costi citati per il pernotto sono sempre il costo della camera a notte. Il costo per il cibo è indicato a persona) Visti i costi delle strutture ospedaliere in USA abbiamo stipulato un’assicurazione consigliata dal sito www.Turistipercaso.It . Per maggiori informazioni il sito è www.Viaggisicuri.Com . Dopo due mesi di consultazioni di siti web e newsgroup è arrivato il momento fatidico della partenza. Alle 7,15 eravamo all’aeroporto di Malpensa con largo margine per evitare inconvenienti dell’ultima ora (conoscendo l’aeroporto di Malpensa l’inconveniente è dietro l’angolo...). Facciamo il check in. Tutto regolare. Passiamo il controllo che, dopo i fatti londinesi di agosto è più meticoloso del solito. Niente liquidi a bordo e levata di scarpe per farle passare al metal detector. Mi fanno aprire la borsa della telecamera la controllano e la vogliono vedere accesa. Sono controlli che è giusto che facciano, e comunque sono molto gentili.

Alle 09.45 si parte per il volo Milano-Las Vegas con scalo previsto a Philadelphia. Il volo va alla perfezione. Tra la proiezione di un paio di film, e due pasti non ci accorgiamo quasi del viaggio. Alle 13.20 puntuali arriviamo a Philadelphia e li avviene l’ingresso negli States. Anche se sono già stato l’anno scorso mi prendono le impronte digitali, ma i controlli doganali rispetto ad altri scali USA sono molto soft. In 25 minuti siamo già ufficialmente introdotti nel suolo americano. Ci trasferiamo tramite tapis-roulant dal terminal A al terminal B. Decidiamo di pranzare in un pub (Jetrock Bar & grill) all’aeroporto dove proiettano su vari schermi football, soccer e baseball a profusione. Molto carino e caratteristico, con appesi strumenti musicali di chitarristi famosi. Ci mangiamo due pizza steak (pizza con carne) e due birre alla spina (costo Euro 15,00).. Alle 17.40 partenza da Philadelphia per Las Vegas McCarran Airport - http://www.Mccarran.Com . Il volo di trasferimento è altrettanto tranquillo e veloce. Alle 20.00 come da programma arriviamo a Las Vegas (temperatura diurna circa 5 gradi) e ritiriamo l’auto a noleggio Hertz (una Volvo) – http://www.Hertz.It/index.Cfm che avevo prenotato on line. E qui mi rendo conto del primo errore fatto. Ho noleggiato via web un modello compact (classe B costo euro 300 per 10 giorni) ma siccome volevamo assolutamente avere il navigatore a bordo (ed è stata una scelta opportuna per il giro del Grand Canyon) ho dovuto pagare la differenza. Da casa mi sarebbe costato globalmente circa 450 euro e invece mi è costato 800 euro... Quindi se noleggiate via web prendete direttamente da casa il modello superiore più adatto alle vostre esigenze.

Alle 22,00 dopo un breve tragitto di circa 20 minuti dal McCarran approdiamo al Caesar Palace (http://www.Harrahs.Com/casinos/caesars-palace/hotel-casino/property-home.Shtml ). Il posto è sontuoso la camera è costata una cifra abbastanza buona (euro 130,38 per la camera con due king’s Bed, praticamente due letti matrimoniali). Oltre ai vari confort c’è un televisore LCD nel bagno... Siamo abbastanza stanchi e decidiamo di dormire subito per abituarci al fuso e poterci svegliare presto il giorno dopo.

03/10/2006 ore 08,30 Sveglia. Il Caesar’s Palace non ha all’interno buffet ma solo ristoranti e pub, quindi decidiamo di fare colazione all’Alladin, in questo periodo in fase di ristrutturazione in quanto rilevato dalla società proprietaria della catena dei “Planet Hollywood”, perciò potreste trovare cose diverse da ora. Il buffet è ben assortito è il cibo è di una discreta qualità (costo Euro10,50). A proposito per un elenco indicativo dei vari buffet e prezzi al sito: http://www.A2zlasvegas.Com/food/buf-list.Php3 e http://www.Ratelasvegas.Com/buffets/buffetrank.Html trovate molte informazioni). Visita al Caesar Palace e relative attrazioni (statue parlanti e in movimento) e visita al Forum Shops. Poi decidiamo di camminare per la Strip. Arriviamo al Venetian e entriamo a vedere il museo delle cere di Madame Tussaud. Sfruttiamo il coupon di sconto. Ne trovate parecchi nelle riviste (gratuite) locali come Las Vegas Entertainement e What’s On. Le statue sono generalmente abbastanza fedeli. Una visita che non è così imperdibile. A pranzo decidiamo di andare al Buffet dell’Alladin (euro 22,87). Caratteristico e carino, stile piazzetta della zona di Montmartre. Ovviamente nel buffet non manca un vasto assortimento di formaggi francesi. Il pomeriggio è dedicato alla visita della strip e dei vari Hotel. Non possono mancare il Mirage, per vedere la classica “eruzione del vulcano” e il Tresaure Island dove, per una piccola brezza di vento viene annullato lo show delle sexy sirene. Arriviamo all’Hotel per riprenderci e la sera dopo il buffet ancora al Paris (euro 20,00 circa). Ci avviciniamo al Venetian per vedere il musical “Phantom of Opera” prenotato tempo fa direttamente dal sito http://www.Phantomlasvegas.Com/ , al costo esorbitante di 125,00 euro (seconda fila), ma lo spettacolo è stato veramente sontuoso e con tanti effetti speciali, ovviamente imperdibile per amanti del genere

  • 499 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social