STATI UNITI COAST TO COAST (più o meno)

L’idea di questo viaggio è nata per caso, ridendo e scherzando mentre passeggiavamo a Sirmione durante la nostra gita del 25 aprile. Intendiamoci, la voglia e il desiderio di andare negli USA, di vedere qualche città, ma soprattutto la natura ...

  • di lauralp
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: fino a 6
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 

L’idea di questo viaggio è nata per caso, ridendo e scherzando mentre passeggiavamo a Sirmione durante la nostra gita del 25 aprile. Intendiamoci, la voglia e il desiderio di andare negli USA, di vedere qualche città, ma soprattutto la natura sconfinata, ci sono sempre stati, ma sono sempre stati un bel sogno...Bhè con quella battuta detta per scherzo, piano, piano questo SOGNO è diventato realtà.

24.08.06 FIRENZE-FRANCOFORTE-SAN FRANCISCO Primo volo del nostro viaggio e primo panino Lufthansa con formaggio e insalata!non ti puoi sbagliare!!!Volo tranquillo, arrivo in orario a Francoforte, per fortuna...L’aereo per San Francisco parte appena tra un’ora e dobbiamo trovare il gate di imbarco, ma soprattutto dobbiamo sottoporci ai controlli minuziosi per gli USA, comunque è andato tutto bene e ce l’abbiamo fatta a imbarcarci in tempo!e così siamo arrivati a San Francisco in perfetto orario e anche le nostre valigie sono con noi!il nostro albergo si trova in Post Street a Japantown, così prendiamo la BART fino a Market Street e poi ci avviamo a piedi lungo Post Street. Cammina, cammina dopo la bellezza di 16 isolati con valigie al seguito arriviamo al Miyako Hotel. Gli alberghi sono stati prenotati tutti dall’Italia su internet e, devo dire che è andato tutto ok:un servizio impeccabile. Comunque l’hotel giapponese non è male, pulito e con camere immense, forse un po’ fuori dal centro per cenare la sera. Nonostante i16 isolati a piedi, il viaggio e il fuso orario, non ci riposiamo nemmeno un secondo: è troppo l’entusiasmo per l’inizio del nostro viaggio e allora via con l’autobus fino al Pier 39, ma è già metà pomeriggio e la fame inizia a farsi sentire, così la nostra prima sera americana ceniamo da Bubba Gump Gamberi...Sì, proprio quello di Forrest Gump:ovviamente qui si mangiano quasi esclusivamente gamberi!!!dopo un giro veloce del Pier 39 la stanchezza inizia a farsi sentire, in più l’ultima corsa del nostro autobus è alle 7.30PM, ci sarà tempo domani per vedere Pier e Fisherman’s con calma, ora è il momento di dormire.

25.08.06 SAN FRANCISCO Sveglia prestissimo per effetto del fuso: alle 7.30AM siamo già in giro a piedi a cercare un posto per fare colazione. Sistemato lo stomaco arriviamo fino a Union Square per comprare il biglietto per 3 giorni per la MUNI, abbiamo girato un po’ in zona tra Macy’s, Apple, Levi’s, Virgin, e naturalmente siamo stati in Market Street a vedere girare a mano la cable car, quindi abbiamo iniziato a sfruttare il nostro biglietto con la prima corsa sulla cable car fino a Lombard street. Intanto è uscito il sole, ma l’aria è sempre pungente e si sta bene con la felpa. Arriviamo a piedi fino al Fisherman’s passando attraverso Cannery, torniamo al Pier 39 per mangiare un buonissimo panino con la zuppa di granchio in un localino che avevamo adocchiato la sera prima. Dopo pranzo cerchiamo di stare un po’ al sole a vedere i leoni marini, ma il vento è sempre molto forte, allora andiamo a piedi fino a Ghirardelli Square e qui ci godiamo un po’ di sole su una panchina. Passiamo il pomeriggio girellando per i quartieri della città un po’ a piedi, un po’ con i mezzi pubblici, un po’ in zone residenziali, un po’ fra negozi. Ci troviamo talmente bene che non ci accorgiamo del tempo che passa:è ora di cena, ma per gli standard americani inizia a essere veramente tardi, allora con il nostro autobus ci avviciniamo all’albergo e decidiamo di mangiare in un ristorante cinese proprio di fronte. Siamo stanchissimi, ma molto soddisfatti! 26.08.06 SAN FRANCISCO Di nuovo sveglia prestissimo! Questa mattina colazione da Starbuk’s, con l’autobus ci avviamo verso il centro per trovarne uno. Ricaricati con un cappuccino enorme e un muffin esagerato decidiamo di fare tutti i percorsi del cable car per scoprire la città da un altro punto di vista e ‘apprezzare’ le sue discese mozzafiato. Tra un giro e un altro ci ritroviamo nella zona finanziaria, è sabato mattina ed è praticamente tutto deserto, è una sensazione strana girare da soli tra questi palazzoni in una mattina fredda e nebbiosa di fine agosto ..

  • 3757 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social