Un po’ di dritte su New York

Ci presentiamo: siamo due sorelle che hanno trascorso una settimana con un tour organizzato in Canada al quale abbiamo aggiunto una settimana da “turiste fai da te” a New York nel mese di agosto di quest’anno. Dopo aver letto qualcosa ...

  • di titurs
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
 

Ci presentiamo: siamo due sorelle che hanno trascorso una settimana con un tour organizzato in Canada al quale abbiamo aggiunto una settimana da “turiste fai da te” a New York nel mese di agosto di quest’anno. Dopo aver letto qualcosa come una trentina di racconti di viaggio dal sito “turisti per caso”, non potevamo non rendere il grossissimo favore ricevuto così vorremmo, anche se un po’ in ritardo, mettere a disposizione anche la nostra esperienza. Crediamo che New york di primo impatto difficilmente possa piacere. Per apprezzarla la si deve vivere. Il nostro consiglio quindi, se possibile, è quello di trascorrerci almeno una settimana. E’ così possibile capire quello che rende questa città così affascinante. Si vedranno i famosi grattacieli, China Town, le casette del Chelsie, i grandi magazzini, i numerosi piccoli parchi distribuiti tra i maestosi palazzi ma soprattutto la gente. Fiume di persone di tutte le razze, etnie e culture. Fermatevi in un tipico bar con vetrata “vista strada” e osservateli con i loro I-pod, telefonino costantemente acceso, sempre di corsa ma sempre disponibili a darvi un’informazione, sono veramente uno spettacolo. Fedeli alla nostra guida Mondadori, per gli itinerari ci sono stati di grandissimo aiuto i percorsi indicati su www.A-newyork.Com. E’ tutto in italiano e, per ogni quartiere di Manhattan, è indicato un percorso a piedi con specificati tutti i punti di maggior interesse lungo il cammino e, molto utili, le linee metro e/o autobus da prendere. Li abbiamo fatti praticamente tutti e questo ci ha permesso di conoscere anche degli angoli che non erano riportati sulla guida. Abbiamo preferito tralasciare il minuzioso racconto di quello che abbiamo visto (basta seguire qualsiasi guida turistica per perdersi tra downtown, soho, chealsea, chinatown ecc), per riassumere alcuni consigli, raccolti nei vari racconti, messi in pratica e considerati un valido aiuto.

Mezzi di trasporto: siamo arrivate dal JFK. Per il trasferimento in città abbiamo optato per i mezzi pubblici, indubbiamente molto più economici del taxi (costano circa 50 dollari). All’uscita dell’aeroporto abbiamo seguito le indicazione per l’AIRTRAIN (treno sopraelevato circolare che collega tutti i terminal dell’aeroporto). Veramente semplice da raggiungere a piedi, seguendo i cartelli direzionali. Sono solo due binari, abbiamo preso la linea ROSSA, siamo scese alla Jamaica Station (ci sono pannelli elettronici su ogni vagone con indicato qual’è la prossima stazione). Arrivate in Jamaica station abbiamo seguito le indicazioni per andare a prendere la metro Linea C oppure la linea Verde Howard beach. E’ proprio qui, all’uscita dell’area dell’Airtrain che, giusto prima di entrare nell’area della metro, talaltro direttamente collegata, abbiamo trovato le biglietterie automatiche (molto semplici da usare, basta sfiorare lo schermo e c’è anche l’opzione della lingua italiana oltre a parecchio personale disposto ad aiutarvi). Il costo dell’Airtrain è di 5 $ a cui aggiungere la corsa della metro che vi porterà in città, di 2 $.

Si può comprare un solo biglietto per le due corse , è sufficiente che al momento in cui vi viene chiesto di inserire l’importo, digitiate 7 $. Volendo, se siete in due persone e volete fare un biglietto unico, digitate 14$ (con il bagaglio è meglio fare due biglietti, eviterete la scomodità di continuare a passarvelo). Dopo circa 40 minuti siamo arrivate a Manhattan. Hotel: abbiamo soggiornato presso l’hotel Edison, 228 West 47 street (www.Edisonhotelnyc.Com) a circa 50 mt da Time Square, cambio biancheria quotidiana, camere confortevoli, silenziose, (particolare non indifferente considerato il traffico urbano) essenziali, e spaziose (cosa assai rara negli alberghi in NY). Posizione indubbiamente comoda per la stazione della metro ( si può dire che da Time square passino quasi tutte le linee metro), ma anche perché è un’area a misura di turista (caffè, ristoranti self-service, gastronomie take away, ecc). Non che negli altri quartieri manchino i servizi, anzi tutt’altro, ma Time Square è la piazza turistica per antonomasia. Central park: abbiamo noleggiato le bici a Columbus circle per goderci al meglio questo enorme parco. Al sabato in particolare è totalmente chiuso al transito delle auto. Abbiamo preferito prendere le bici per due ore invece di una (20 dollari invece di 15). Mai decisione è stata più sbagliata. Per percorrere tutte le strade, facendo anche delle piccole soste, occorrono almeno tre ore. Non perdetevi l’occasione di osservare i newyorkesi nel loro momento di relax. E’ bellissimo incontrare il superpalestrato che fa jogging spingendo un passeggino, oppure il gruppo di ragazzi che con la loro radio ballano la breakdance, oppure la piazzetta dove si esibisce un gruppo di ballerini in danze caraibiche, oppure i ciclisti che ti superano a tutta velocità, ma il migliore è stato il newyorkese che passeggia tranquillamente a cavallo. Ancora oggi ci domandiamo come abbia fatto a portare un cavallo in un parco, che sarà anche un parco, ma è nel mezzo di una tra le città più trafficate che abbiamo visto. Le mappe del parco le potrete trovare sul www.Centralparknyc.Org

  • 3121 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social