Partenza il 17/6/2006 · Ritorno il 23/6/2005
Viaggiatori: in coppia

Guida pratica di New York

di raffabo - pubblicato il

Il nostro viaggio e' iniziato di sabato mattina, quando intorno alle ore 1030, ci siamo imbarcati presso l'aereoporto Fiumicino di Roma. Le nuove procedure di controllo per chi parte per l'America, devo dire che ci sono sembrate fin troppo severe, ma come dice la pubblicita', meglio prevenire che curare! Abbiamo scelto un volo Eurofly, innanzitutto per la convenzienza economica e poi perche' era un volo diretto e in meno di 9 ore saremmo arrivati nella Big Apple.

Devo dire che nonostante le poltrone molto ravvicinate e strette(per farvi capirei direi che una persona che non ha un vitino da vespa e un sederino alla brasiliana, tanto comoda non ci sta) il viaggio e' trascorso sereno. I film erano carini e anche il personale e' stato sempre molto gentile.

Arrivati al JFK e dopo aver anche li passato i vari controlli (impronte digitali, consegna moduli compilati sull'aereo e domande di rito tipo quanto resti e che fai qui), abbiamo seguito le indicazioni per l'Airtrain, un comodissimo trenino che collega l'aereoporto di NY con due delle stazioni metro di collegamento con Manhattan, Howard Beach e Jamaica Station. Noi abbiamo scelto di andare a Jamaica e prendere il LIRR, un trenino che in meno di mezz'ora vi porta a Penn Station sulla 34th strada.

Ad essere sinceri, il trenino come ambiente non e' il massimo, ma c'e' sempre un sacco di gente a bordo e preso nelle ore diurne e' sicuro. Figuratevi che Andrea aveva lo zaino aperto e dei signori (locali) ci hanno gentilmente suggerito di chiuderlo! Troppo forti 'sti americani, rimarreti sbalorditi da come siano sempre li pronti ad aiutarvi. In ogni caso arrivati a Penn Station ci siamo diretti al nostro albergo, un cinque stelle piuttosto centrale, a pochi blocchi dall'Empire State Building e da quello che io ritengo l'attrazione fondamentale di New York: Macy's (scusate, ma le donne che l'hanno visitato sicuramente capiranno il mio commento). L'hotel fa parte della catena Jolly e si chiama Madison Towers. Il personale non e' il massimo, parlano anche italiano ma si perdono in un bicchier d'acqua se gli domandi qualcosa che va oltre il loro classico job (tipo un paio di forbici per tagliere i biglietti dell'empire). Pero' le stanze e il cibo, rigorosamente italiano, sono da svenimento...Lo so, lo so penserete, i soliti italiani che vanno all'estero e cercano il ristorante italiano! Ma credetemi se vi dico che a parte Hamburger e patatine e altre "zozzerie" varie tipo Caesar's salad, tutto il resto e' veramente nocivo. Loro non mangiano frutta, bevono bevande alla frutta e loro non usano olio d'oliva ma immergono il cibo in salse varie, ce n'e' una per ogni tipo di pietanza... Ma ognuno ai suoi gusti e di certo a New York non mancano opportunita' per metterli alla prova tutti. Una volta posate le valigie in albergo abbiamo deciso di immegerci subito nella vita locale e ci siamo buttati sulla famosa 5th avenue. E' bellissima, larga e piena di negozi alla moda. Ma essendo stanchi del viaggio il primo giorno ci siamo limitati ad andare a visitare l'NBA store, la public library e San Patrick.

La mattina successiva, dopo un abbondante colazione, dove si puo' trovare di tutto dai muffin alla cannella al classico cornetto con marmellata, abbiamo deciso di andare a visitare Times Square, Rockfeller Center e tutti quello che circonda Madison Avenue dalla 38th alla 60th. Vicino Rockfeller Plaza troverete una barca o meglio un veliero parcheggiato. Onestamente non ho capito bene cosa ci facesse li. Mi raccomando e' obbligatoria una tappa a Niketown, Tiffany, Levis e Bloomingdales anche se quest'ultimo ha dei prezzi molto alti.

Il pomeriggio invece abbiamo preferito dedicarci all'altro lato e quindi siamo andati dalla 38th in giu' e abbiamo fatto un salto da B&H il piu' grande store del mondo, dove potete trovare di tutto, incluse telecamere e fotocamere digitali ad un prezzo bassissimo. Considerate che io ho pagato 1GB SD memory 45$.

Lunedi mattina invece abbiamo deciso di prendere la metro ed andare a vedere il mitico Brooklyn Bridge: preparatevi signori, e' uno spettacolo eccezionale. Il percorso pedonale e' lunghino ma ne vale la pena. Da li poi, potete farvi una camminata e raggiungere facilmente Ground Zero, dove nonostante apparentemente ci sia soltanto un grande cantiere, l'aria e' ancora molto pesante e triste e si vede che e' ancora una ferita aperta. Piu' in là c'e' Wall Street dov'e' d'obbligo la foto con il mitico toro. Attenzione, noi perlomeno non l'abbiamo trovato con tanta facilita' ma basta chiedere ad uno dei tanti poliziotti di quartiere che sono sempre molto cortesi. Dopo Walt Street si arriva a Battery Park dove si gode una bellissima vista dell'oceano, Statua della liberta' che da lontano sembra minuscola ed Ellis Island. Data la giornata uggiosa abbiamo evitato di prendere il traghetto per quest'ultime destinazioni, ma il nostro consiglio e' di non prendere il traghetto a pagamento ma quello gratuito, che pur non stazionando, vi consente di vedere entrambi i posti. Il giorno successivo abbiamo scelto di visitare il MOMA e Central Park. Ah dimenticavo, se avete intenzione di andare in qualche museo, di sostare per piu' di 5 minuti in un negozio o di prendere la metro, portatevi sempre dietro un maglioncino: l'aria condizionata in questi posti e' gelida e ancora una volta, meglio prevenire che curare. Io personalmente ho quasi preso( nonostante il maglione) una congestione da Fao Swartz, un negozio bellissimo di giocattoli, che si trova in corrispondenza dell'entrata del Central Park.

A proposito di questo negozio, memorabili sono le statue in lego di Ciubecca e Dark Water e gli animali in pelouche a grandezza naturale.

Un discorso a parte merita il Central Park. E' curatissimo (d'altronde a parte quello, a New York c'e' pochissimo verde) e pieno di scoiattoli che come gli porgete la mano si avvicinano. Tra l'altro e' anche popolato da giovani donzelle che fanno yoga.

Una cosa che mi ha colpito moltissimo di New York e' come quasi tutte le donne siano molto curate nel loro aspetto. Si vede che e' una citta' alla moda.

Il MOMA, per lo meno per noi, non e' stato un granche' pero' merita una visita.

Mercoledi mattina di buon'ora (apre alle 9:30) siamo andati sulla mitica terrazza dell'Empire State Building: in meno di un minuto e mezzo siamo arrivati all'ottantesimo piano dove praticamente ti fanno scendere solo per fare la foto di rito. Dopo di che si risale in ascensore e si arriva all'86° piano dove vi attende uno scenario mozzafiato. Abbiamo anche visto la citta' con quei classici binocoli che si vedono anche nei film (50 centesimi per circa 2 minuti, evitate!). Scesi dall'Empire ci siamo diretti da Macy per le ultime compere. Se andate li ( e sottolineo dovete andarci) ricordatevi di passare al Visitor Center, dove a tutti i turisti rilasciano gratuitamente un coupon sconti dell'11%, valido per un mese.

Noi abbiamo comprato un sacco di cose, dai Jeans alle magliette di Calvin Klein... Ma ricordatevi che sui prezzi che vedete c'e' sempre da aggiungere la tassa, che io sinceramente, nonostante 5 giorni di compere ininterrotte, ancora nn ho capito bene come funzionano. L'ultimo consiglio che mi sento di darvi e' per il viaggio di ritorno verso l'aereoporto: se bene la LIRR come vi ho detto inizialmente sia comoda, e' preferibile prendere la metro E ed arrivare ad una fermata prima di Jamaica Station dove vi attendera' l'Airtrain per l'aereoporto. La metro ci mette pochissimo, 25 minuti ed e' molto piu' confortevole del LIRR (tra l'altro se prendete l'espresso fa ancora meno fermate). Che dire di New York? Secondo me e' una tappa forzata per chi non e' mai stato negli USA, ma ricordatevi prima di partire, di armarvi di un buon paio di scarpe da ginnastica e di partire con la valigia mezza vuota, perche' li, nonostante i vostri buoni propositi, qualcosa comprerete!

di raffabo - pubblicato il