Sri Lanka isola magica

Io e Diego, il mio ragazzo, siamo partiti all'avventura...era il nostro primo viaggio insieme, e muniti di zaino, volontà e curiosità siamo partiti per lo Sri Lanka. Non avevamo prenotato nulla da casa, se non la prima notte a Colombo, ...

  • di federica!
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Da 500 a 1000 euro

Il giorno successivo con un taxi facciamo il giro della città, Anuradahapura, vediamo in ordine: Isurumuniyatemple e i giardini reali ( sono dei giardini di due amanti, come Giulietta e Romeo); Sri Maha Body Tree (un tempio con l'albero più antico del mondo); Brazen Palace (palazzo colmo di scimmiette curiose); Dagoba Ruvanvelisaya (un dagoba enorme che si confondeva con il cielo, entrambi dipinti di azzurro); la piscina dei monaci (altro che le nostre piscine...) e altri posti che non sto ad elencare ma perchè sono troppi, ma sono le tappe standard della città! Andiamo a dormire di buon ora, il giorno dopo il nostro amico taxista Akila ci aspetta alle 4,15 AM per portarci alla stazione.

La stazione è piena di gente, alle 5,00 facciamo fatica a fare i biglietti tanta è la folla, ma ci riusciamo, e passiamo 8 ore in treno, pagando ben 8 dollari in due!! Il viaggio è lungo, ma ci permette di vedere molte persone, di entrare in contatto con loro e di vedere la leoro abitudini più da vicino! Logicamente non si va al bagno, perchè lo utilizzano come salottino di conversazione, e non si mangia, anche se passavano venditori ambulanti con cipolla fritta e peperoncino.

Arriviamo a Hikkaduwa, località sull'oceano indiano, dove avevamo prenotato per 6 giorni l'Amaya Reef resort, un hotel confortevole, pulito e rilassante, non ci sono molti turisti, è un paradiso dove passeremo gli ultimi 6 gioni! Non sono accadute molte cose in questo perodo, molti bagni in piscina, molti pranzi e cene in riva all'oceano, molti tramonti mozzafiato sul mare, molti scoiattoli e iguane libere.

La vita da Relax mi piace, ma dopo pochi giorni convinco il mio ragazzo a muoverci,andiamo in giro per negori per comprare diveri regalini, vediamo una donna che lavora tele con l'antica tecnica dei Batik e infine andiamo all'orfanotrofio delle tartarughe nella medesima città, ci accoglie un uomo che ci porta in mezzo alle vasche dove vediamo tartarughe ferite, piccole, medie e grandi. Vediamo delle uova sepellite che stanno per schiudersi, e ho l'occasine di liberarne una in mare. Penso che questo sia stato il modo migliore per concludere il mio viaggio, è stato un gesto di libertà e speranza, le stesse cose che io auguro al popolo cingalese, che ci ha accolto molto serenamente e gentilmente, che vive in sintonia con l'ambiente e ne ha il massimo rispetto, che regala fiori e incensi al proprio Dio e che si affaccia al mondo con cautela e senza fare rumore, con le loro usanze e i loro colori.

Federica

Annunci Google
  • 3043 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social