Costa spagnola ON THE ROAD

PREMESSA: Tutto ha inizio in un Internet Point , quando casualmente ci siamo imbattuti in un “ Racconto di viaggio” Dal sito di turisti per caso.. Per l’esattezza quello di Giulia e Claudio che ancora ringrazio e Stra-ringrazio per l’idea, ...

  • di Eugenia e corrado Marcantelli
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

PREMESSA: Tutto ha inizio in un Internet Point , quando casualmente ci siamo imbattuti in un “ Racconto di viaggio” Dal sito di turisti per caso.. Per l’esattezza quello di Giulia e Claudio che ancora ringrazio e Stra-ringrazio per l’idea, e i consigli che involontariamente ci hanno fornito!!!! PREMESSA n° 2: Corrado qualche anno fa, aveva fatto un on the road con un suo amico, e il ricordo di quel viaggio lo accompagna ancora, e dato che io ho sempre viaggiato come dire...” comodamente” abbiamo deciso di provare...

DESTINAZIONE: On the road per la costa spagnola.

Si parte : l’ 8- 04- 06 e si torna il 24-04-06 Partono Enia ( Eugenia io ) , Corra ( Corrado il mio compagno) e Minaus ( la sua Mini Diesel ) Partono con: 2 Valige , la mia media, quella di Corra enorme, uno sbaglio da non rifare se si decide per un on the road come noi, una macchinetta digitale, una reflex digitale, un portatile e una videocamera digitale... Anche qui avrei da ridire ma Corrado ci teneva...

Si parte l’08 aprile dopo pranzo, con i mano uno stradario d’Europa appena comperato, ma che si rivelera’ del tutto inutile perché in Spagna nel 2005 hanno cambiato i nomi alle autostrade e quindi non hanno ancora stampato quelli attuali, o almeno di questo mi autoconvinco per non ammettere di aver o preso il classico pacco.

Nell’altra mano ho la mitica e UTILISSIMA Lonely Planet , forse un po’ costosa ma meravigliosa! (Ho pagato 18 Euro quella della Spagna Meridionale e 11 Euro quella su –Barcellona) la verità è che ne avevo anche una terza prestata da amici, ma nulla a che vedere, completamente inutile, infatti l’ho chiusa in valigia la prima sera.

Partiamo da Roma , direzione Montecarlo.

Decidiamo di fare l’ Aurelia fin dove ci è possibile per cercare di risparmiare da subito qualcosa. La strada non è male, l’unico problema sono i limiti di velocità, l’Aurelia è piena di Autovelox e quando si devono percorrere delle distanze così elevate andare a 70-90 non è il massimo. Comunque la strada è libera, e tranne la pipì di Corra, che scopriremo ci fara’ compagnia per tutta vacanza, procediamo senza intoppi fino a Livorno , da lì prendiamo l’autostrada che abbiamo lasciato solo a 3 km da Montecarlo e abbiamo speso € 31.40.

Arriviamo a Montecarlo alle 21.00 e ci mettiamo subito alla ricerca di un albergo che non ci spennasse appena arrivati.

Ne troviamo uno meraviglioso con una visuale da sballo, data l’ora ci lascerebbero la stanza vista mare a € 150 anziché € 300 , nonostante il prezzo super allettante decidiamo di andarci a fare un giro... Troviamo leggermente fuori Montecarlo un alberghetto a 2 stelle molto pulito, e ben curato il prezzo è :€ 77 per la camera interna, € 89 per quella con vista mare. E’ la prima sera e decidiamo quindi di concederci quella con vista mare, Al risveglio della mattina seguente saremo felicissimi della scelta fatta, la stanza ha una grandissima finestra ed è davvero accogliente.

L’albergo si chiama : Hotel Regency 98,Avenue Jean-Jurès 06190 Roquebrune www.Hotelregencymonaco.Com e noi lo consigliamo a tutti, i proprietari sono simpaticissimi,e molto disponibili.

La mattina seguente partiamo alla volta della Spagna, dove arriveremo non lo sappiamo ancora, l’unica certezza è che NOI DORMIREMO IN SPAGNA.

L’idea iniziale è quella di fare la litoranea, un po’ per godere del panorama, un po’ per risparmiare , me ce la sconsigliano tutti!!! Noi testoni ci proviamo lo stesso, e dopo aver visitato Nizza e Cannes ci accingiamo ad arrivare verso St. Raphael quando davanti a noi si presenta una strada piena zeppa di curve,salite, e dossi, e quando la strada si presentava in apparenza normale, ogni 30 metri c’era un semaforo o una rotatoria, ad attenderci, di quel passo saremmo arrivati in Spagna due giorni dopo, dopo una piccola consultazione, ( Anche xchè CONFESSO ... Io sono una pessima navigatrice, e Corrado poverino non poteva stare attento alla strada per altro pericolosa e consultare la cartina...) decidiamo di prendere l’autostrada che ci ha permesso di arrivare in Spagna per le h, 20 , il costo è stato circa di € 40’00 ma devo dire che sono stati bene spesi

  • 40170 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social