Torino, minorca con tap(p)as a barcellona

Estate 2003. Una collega va a Minorca e al suo ritorno mi mostra le foto: nessun dubbio, il prossimo anno ci voglio andare! Ma non nel solito villaggio, con il solito aereo. Attraverseremo le Alpi e i Pirenei con la ...

  • di taniettab
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 

Estate 2003. Una collega va a Minorca e al suo ritorno mi mostra le foto: nessun dubbio, il prossimo anno ci voglio andare! Ma non nel solito villaggio, con il solito aereo. Attraverseremo le Alpi e i Pirenei con la nostra macchinina e ci imbarcheremo al porto di Barcellona.

Quindi, partenza il 26 luglio 2004, alle ore 7,00 da Torino pronti ad affrontare il lungo, ma neanche troppo, viaggio fino a Barcellona. Non incontriamo nessun imprevisto. All’andata, molto prudentemente per paura di perdere il traghetto, non avendo mai fatto il Monginevro decidiamo di passare dal Tunnel del Frejus (30 € circa). Certo si taglia un bel po’ di strada, ma costa decisamente troppo! Dopo aver guidato per circa 9 ore, siamo arrivati a Barcellona, ci siamo diretti verso il Porto. Avevamo prenotato con qualche mese d’anticipo i biglietti di andata e ritorno sul traghetto della Trasmediterranea (https://www.Trasmediterranea.Es/): 2 adulti con poltrone + 1 macchina sotto i 4 m circa € 475,00. Non è sicuramente economico. Il traghetto portava un’oretta di ritardo, ma la traversata è stata tranquilla. Le poltrone sono scomodissime, ma il traghetto era praticamente vuoto e ci siamo sistemati sulle comode poltrone della hall. La nave è stile Moby Lines, per chi se ne intende.

Alle 7,30 finalmente siamo sbarcati al Porto di Mahon che con la luce del mattino ci ha subito incantato! Appena sbarcati abbiamo scelto un bar sul molo per fare colazione: il cappuccino fa abbastanza pietà, ma abbiamo mangiato le brioche più grandi che avessimo mai visto. Il paesaggio ci ha subito affascinato; gli amanti delle Sardegna ne saranno entusiasti.

I cartelli stradali sull’isola sono abbastanza chiari. Noi ci siamo diretti subito verso Alaior in cui avevamo prenotato una piazzola nel Camping Son Bou (http://www.Campingsonline.Com/sonbou/index.Asp?idlengua=5). Un consiglio per raggiungerlo: arrivati ad Alaior, non uscire subito quando si vede il cartello Son Bou. Arrivare alla fine del paese e sulla sinistra c’è l’indicazione per arrivare al camping attraverso una strada un po’ sconnessa.

Alla reception ci sono due signorine spagnole gentilissime che si fanno capire anche dai turisti meno poliglotti. Ci siamo scelti la piazzola e ci siamo sistemati alla grande. Il campeggio è in cima alla collina di Son Bou e dista dal paese circa 3 km. C’è una bella piscina, prati verdi, bar, servizi igienici curati. Lo consigliamo.

La spiaggia di Son Bou è bella e grande, c’è un comodo e ampio parcheggio gratuito e le docce. Però il paese non è gran ché. Ci sono posti per mangiare, autonoleggi, panetterie, il bar hawaiano (i cocktails fanno pena!) e due palazzoni che rovinano un po’ il paesaggio. Alla sera è abbastanza smorta. Ma vale la pena fare un giro se vi piacciono le belle case. Tutte bianche e curatissime.

Durante la vacanza abbiamo visitato parecchie spiagge ed è questo lo spirito che serve a Minorca: se non ci si porta la macchina, bisogna senz’altro noleggiarla.

E ora le spiagge. Un consiglio generale: non andare nelle calette se il giorno prima o la notte c’è stato brutto tempo: si rischia di trovare la spiaggia rimpicciolita con delle pozze d’acqua stagnante.

Sicuramente la spiaggia più bella è quella di Macarella + Macarelleta. Alla prima si arriva in 2 minuti pagando il parcheggio o in ½ ora se si parcheggia + lontano ma gratis. Noi abbiamo scelto la seconda e non ci siamo pentiti. La 1^ spiaggia é molto bella. Ma la vera perla è Macarelleta a cui si arriva o dall’alto con un percorso scoscesissimo (ci si cala da una rupe con la corda), o a nuoto se si è provetti portatori di pinne. Noi abbiamo optato per la prima ipotesi. Tanto c’è sempre qualcuno pronto a darti una mano. Avvicinandosi alla caletta la si comincia a vedere dall’alto, e si capisce perché vale la pena fare tanta fatica. Uno spettacolo! Inoltre è una spiaggia quasi esclusivamente per nudisti e infatti tutta Minorca è molto frequentata da intere famiglie di nudisti e anche da coppie gay. In generale su tutta l’isola regnano il rispetto e la tolleranza, almeno questa è l’idea che ne abbiamo avuto noi. Al secondo posto per noi viene Cala Mitjana, acqua stupenda. Un’altra bella spiaggia è Cala Turqueta, il cui nome dice tutto. Poi consigliamo Cala Pregonda per i colori particolari, Arenal de Son Saura, la spiaggia di Punta Prima. Quasi tutte le spiagge hanno almeno un chioschetto/bar, ma comunque se si acquista una guida di Minorca con le foto e le spiagge, si trovano tutte le informazioni utili. Alcune spiagge hanno delle alghette grige a riva, ma è indice di pulizia dell’acqua

  • 1639 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social