Andalusia e altre storie su due ruote

Tipo di Viaggio fai da te Durata del viaggio 18 giorni Alloggi Campeggi e Alberghi Mezzi utilizzati moto e nave Km percorsi totali 4320 Costo carburante €218,50 Costo Campeggi €200 Costo Alberghi €506 Costo Trasferimento nave €414 Sono trascorsi ormai ...

  • di elpaso
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 

Tipo di Viaggio fai da te Durata del viaggio 18 giorni Alloggi Campeggi e Alberghi Mezzi utilizzati moto e nave Km percorsi totali 4320 Costo carburante €218,50 Costo Campeggi €200 Costo Alberghi €506 Costo Trasferimento nave €414 Sono trascorsi ormai circa otto anni dall’ultima volta che io e mia moglie visitammo la penisola iberica (fatto salvo una piccola parentesi nel 2008 nei paesi baschi, in occasione di un viaggio sulla costa Atlantica della Francia), così quest’anno, per le ferie estive, abbiamo deciso di rivedere questa nazione in sella alla nostra moto. La zona presa in considerazione è la vasta regione dell’Andalusia, con particolare attenzione alla costa atlantica e l’estremità orientale della costa mediterranea. Dieci anni or sono la visitammo zaino in spalla utilizzando treni e autobus per gli spostamenti e questo non ci permise di visitare numerosi luoghi, tra cui i pittoreschi villaggi dell’entroterra, strade panoramiche e le spiagge relativamente poco affollate della Costa de la Luz. La scelta è stata quella di arrivare fino a Barcellona in nave, con i traghetti GNV (Grandi Navi Veloci), in modo da poter dedicare alla Spagna le intere tre settimane a disposizione risparmiando un po’ di chilometri alle nostre schiene.

Per quanto riguarda gli alloggi abbiamo optato per un mix di alberghi e campeggi in funzione delle esigenze che si sarebbero presentate durante il viaggio, opzione che ha notevolmente aumentato il carico costringendoci ad inventarci stratagemmi ingegneristici per poter caricare il tutto. Sabato 25 Luglio Ci presentiamo al porto di Genova alle ore 21 per l’imbarco ma ci faranno salire solo alle 3 del mattino, arriviamo così alla nostra cabina che sono ormai le 4. Il mare per fortuna è calmo e si riesce a dormire tranquillamente. Finalmente alle ore 22:30 della domenica la nave arriva a destinazione e effettuate le procedure di sbarco inizia la nostra avventura in terra Spagnola. Sono le 23:30 e per fortuna l’idea di prenotare la prima notte si è rivelata preziosa (da notare che la nave avrebbe dovuto arrivare alle ore 18). Alloggiamo presso l’Hotel Ibis Cornella a 15 minuti da Barcellona che prevede il parcheggio gratuito, cosa molto rara e da non sottovalutare in Spagna, i parcheggi in genere oscillano da un minimo di €10 ad un massimo di €20 al giorno e per le moto non sono previsti sconti. Hotel Ibis Cornella - Hotel privo di ogni tipo di suggestione, come del resto tutti quelli della catena Ibis, ma ha un ottimo rapporto qualità prezzo e la pulizia è eccellente. Ufficialmente è un 2 stelle ma il confort e il servizio possono considerarsi quasi da quattro. Costo €69 a notte escluso breakfast Domenica 27 luglio Veso valencia Tralasciamo per il momento Barcellona e di buon ora partiamo per Valencia. Durante il tragitto facciamo una sosta a Tarragona, città dichiarata patrimonio mondiale dell’umanità dall’UNESCO. La città è molto carina e merita senz’altro più del tempo che gli abbiamo dedicato, ma oggi è lunedì e tutti i monumenti della città sono chiusi, fa eccezione la bellissima cattedrale, situata in una magnifica posizione che domina l’intera città. Rispetto al resto della città, la cattedrale è l’unico monumento a non avere subito l’influenza romana e combina caratteristiche romaniche e gotiche.

E’ aperta da lunedì a sabato dalle 10:00 alle 19 e Il costo d’ingresso è di €3,50 adulti e €2,50 i ridotti. Arriviamo a Valencia tramite autostrada AP7 (carissima, potete evitarla tranquillamente, la statale N340 è altrettanto scorrevole) verso le ore 15:00 e ci dirigiamo subito all’Hotel. Il tempo di scaricare i bagagli e raggiungiamo la città a piedi in circa 15 minuti. Un po’ di movimento permette di riprendersi dalle fatiche da viaggio e raggiunto l’ufficio turistico prendiamo una mappa e facciamo una breve visita. Valencia è la terza città della spagna per dimensione ed è patria anche del suo piatto più famoso: la paella. Il centro storico si gira abbastanza agevolmente a piedi e quasi tutti i luoghi di interesse sono vicini (fatta eccezione per la Ciudad de las Artes y de las Ciencas). Famosa è anche la sua vivace vita notturna nel Barrio del Carmen, ma purtroppo le forze per sperimentarla non ci sono e dopo una cena veloce a base di tapas e cerveza facciamo ritorno in Hotel, il giorno dopo ci aspettano più di 500Km per raggiungere Granada

  • 13091 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. 1massimo

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social