Andalusia, splendido viaggio tra mare e monti

Andalusia, splendido viaggio tra mare e monti. Il racconto del nostro viaggio è a conferma di quanto decantato dagli altri Turisti per Caso e, soprattutto, per far venir voglia, a chi ancora non ce l’ha, di prendere e partire per ...

  • di sil&gab
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Andalusia, splendido viaggio tra mare e monti.

Il racconto del nostro viaggio è a conferma di quanto decantato dagli altri Turisti per Caso e, soprattutto, per far venir voglia, a chi ancora non ce l’ha, di prendere e partire per l’Andalusia..

Dieci giorni sono sufficienti per far un discreto giro di questa regione splendida. Alleati indispensabili: una macchina (affittata rigorosamente in Internet visto il risparmio che garantisce) e una buona guida (mitica Lonely!!) che diventerà la vostra bibbia...Dimenticavamo.. Anche ciabatte comode!! Iniziamo. Arrivo a Granada con volo Vueling da Roma (ottimo). All’aeroporto, al ritiro bagagli, c’è già un punto informazioni turistiche che fornisce da subito la piantina della città, cosa necessaria se si è a piedi. Fuori attendono costantemente i turisti degli autobus di linea che con pochi soldi ( 3,00 euro circa) ti portano in città. Da segnalare le gentilezza degli autisti che sanno perfettamente indirizzare i turisti ancora spaesati e ti dicono quando devi scendere...(non è poco!!).

A Granada siamo rimasti 3 notti, Hotel Granada Centro prenotato su booking, rinnovato recentemente all’interno, molto economico (€ 30,00 a notte a testa) e molto pulito. Bagno da 10 e lode per igiene. Da qui tutto è facilmente raggiungibile a piedi ( l’Alhambra in 20-30 minuti). La visita all’Alhambra (biglietti per palazzo Nazaries, Alcazar e giardini Generalife prenotati su Internet) è stata una di quelle cose che pensi che una volta nella vita bisogna vedere. Non ci dilunghiamo troppo perchè lo splendore del palazzo e dei giardini, in cui tutto sembra essere dei preziosi ricami all’uncinetto, è ben noto. Da visitare di giorno il bel quartiere dell’Albayzin (il quartiere arabo) su cui si affaccia l’Alhambra, che si può riammirare dall’esterno dalla Plaza San Nicolas. I suggestivi vicoli in calce bianca, pieni di sale da thè, caffè e ristoranti dal gusto arabo, sono abbastanza pericolosi di sera, soprattutto se ci si interna, e non si fa fatica a trovare anche in pieno giorno personaggi promiscui.Assolutamente da non perdere all’Albayzin una cena al ristorante “El Agua”, non spaventatevi nel suonare il campanello per entrare (qui molti locali hanno portoni chiusi che sembra quasi di disturbare un’abitazione privata), cenerete su una terrazza gustandovi il tramonto rosso fuoco sull’Alhambra e un’ottima fonduta di formaggi e prosciutto!! Per il resto a Granada segnaliamo la Cattedrale (3,50 euro), la Capilla Real e l’Alcaiceria (vecchio mercato arabo) oggi pieno di negozietti di souvenir.

Se siete a Granada e avete la macchina spendete un giorno per andare in montagna sulla Sierra Nevada, precisamente visitare le vallate Alpujarras. Vi aspettano un paio d’ore di tornanti, ma non ve ne pentirete. Comunque si compensa con il fatto che anche le strade di montagna sono in ottimo stato, tutte nuove praticamente e ben tenute (...E da molte cose,tra cui queste, vi rendete conto che la Spagna effettivamente ci sta superando..Ah come è vero..) e poi passate attraverso dei paesaggi incredibili. Noi siamo arrivati a Trevelez, si dice il paese più alto di Spagna. Poche centinaia di anime disseminate in casine bianche piene di fiori (che pareva di stare in Messico!!) in quello che è il tempio del jamon serrano (prosciutto crudo della sierra , una bontà che trovate in ogni bar andaluso).Sì perché Trevelez è il posto dove ci sono i maggiori produttori di prosciutto, non potete non notarlo. Consigliamo vivamente la “Meson Joaquin” dove mangiate tra centinaia di prosciutti che vi penzolano sopra la testa in un locale rivestito di maioliche colorate, prezzi molto accessibili. Di ritorno da Trevelez merita una sosta Pamapaneira, che con Bubion e Capileira è tra i tre paesini più turistici delle Alpujarras. Anche questo delizioso, seppure sono poche vie visitabili in pochissimo tempo

  • 10502 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. frago_la
    , 24/3/2010 14:20
    Che bella descrizione...non vedo l'ora dipartire....mancano solo 103gg e poi.....l'andalusia e anche nostra....

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social