Barcellona: molte ombre e poche luci

Io e il mio fidanzato abbiamo approfittato di un regalo ricevuto a Natale per goderci un Weekend in una capitale europea.tra le varie mete a disposizione abbiamo scelto Barcellona, capitale catalana.Ma la scelta purtroppo si e' rivelata non completamente azzeccata.La ...

  • di Sarah12101975
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Io e il mio fidanzato abbiamo approfittato di un regalo ricevuto a Natale per goderci un Weekend in una capitale europea.Tra le varie mete a disposizione abbiamo scelto Barcellona, capitale catalana.Ma la scelta purtroppo si e' rivelata non completamente azzeccata.La partenza e' avvenuta da Genova giovedi 12/6, per affrontare e goderci un viaggio attraverso Francia e un pezzetto di Spagna in auto.Primo pernottamento presso l'IBIS Hotel di Martigues Centre, vicino Marsiglia (dove abbiamo soggiornato anche al ritorno).Consigliatissimo: pulito, con parcheggio privato gratuito, zona tranquilla e vicino al mare.Si consiglia la prenotazione on line: noi siamo riusciti a strappare una promozione convenientissima!.

Venerdi 13/6 arriviamo finalmente a Barcellona.Dopo esserci sistemati in Hotel (City Park Nicaragua, hotel 4 stelle, vicino alla stazione ferroviaria di Sants) decidiamo di assaporare la citta'.Ci procuriamo il biglietto valido per 3 giorni per poter utilizzare metro' e bus (costo 14,30 Euro cad...Ma attenzione, si smagnetizzano con facilità, il mio e' andato KO dopo un giorno...).Prima fermata LA RAMBLA...Cena veloce e passeggiata per assaporare la "Movida" tanto rinomata:passeggiata fino al porto e sulla RAMBLA DE MAR...Ma in fondo tutto questo gran movimento non c'è, ci sono solo turisti e niente di più.

La mattina successiva (sabato 14/6) ci alziamo di buon ora per continuare la scoperta di Barcellona attraverso il Bus Turistic: 26 Euro a testa per un biglietto valido due giorni (3 itinerari a disposizione).Partiamo con il primo itinerario (LINEA BLU) che ci porta nella zona sud della città e sulla collina di Montjuic.L'itinerario e' molto lungo ma pochi sono i monumenti di interesse rilevante che giustifichino la visita lungo il percorso (casa Battlò, Casa Milà - la Pedera, Fondazione Juan Mirò, Parc della Viutadella, Zoo).Decidiamo di effettuare tutto l'itinerario e una volta concluso il primo giro decidiamo di prendere la Metrò per raggiungere la funicolare del Montjuic e successivamente la Teleferica ( 3 Euro per viaggio di A/R) che porta fino al castello, dal quale si gode una vista di tutta Barcellona.Decidiamo poi di prendere il Transbordador Aeri ( 9 Euro cad sola andata) che ci consente di "volare" dalla collina sopra il porto di Barcellona fino alla spiaggia di Barceloneta (nulla di sensazionale, tanti ristoranti in fila come in qualsiasi località balneare italiana).Nonostante la stanchezza decidiamo di affrontare anche l'itinerario ROSSO del Bus Turistic che porta verso la zona settentrionale e la collina del Tibidabo: decidiamo di effettuare solo il giro in Bus, preferendo avere un vista di insieme.Anche in questo caso il giro e' lungo ma monumenti che valgano la pena di una visita più lunga non sono molti.Durante il tragitto si incontrano nuovamente la Casa Battlò e la casa Milà (La Pedrera), la Sagrada Familia, lo stadio del F.C. Barcelona.Per la sera, non contenti, decidiamo di prendere ancora il Bus Turistic (questa volta però il biglietto e' a parte - 16 Euro cad. - si consiglia vivamente la prenotazione) per vedere i monumenti illuminati e lo spettacolo della Font Magica.Il giro non è entusiasmante anche perchè le illuminazioni di alcuni monumenti sono spente inoltre vengono concessi solo 15 minuti per assistere allo spettacolo di musica e luci della Font Magica.

Domenica 15/6 decidiamo di affrontare il Park Guell e la collina del Tibidabo.Il tempo è pessimo ma stoici decidiamo di affrontare la fatica che ci aspetta.Metro fino alla fermata di Vallcarca e poi salita alla cima del parco (per fortuna un pezzo di salita viene evitato dalla presenza di scale mobili).Il parco è pieno di turisti ma la parte più interessante è quella a sud (dove sono concentrati il museo e le decorazioni più famose).Dopo la visita del parco riprendiamo il Bus Turistic linea ROSSA e scendiamo alla fermata Tramvia Blau - Tibidabo.Qui ci aspetta una Tramvia (3,90 euro cad A/R) molto simile a quella presente a San Francisco che ci porta fino alla base della collina del Tibidabo; per accedere alla cima bisogna prendere una funicolare (3 Euro cad A/R) che porta fino alla cima della collina.Purtroppo dato il tempo pessimo decidiamo di fare un breve giro e di visitare il Luna Park Tibidabo, risalente ai primi del 1900 che si estende a terrazze sulla collina.Il fascino del tempo si assapora guardando le vecchie montagne russe o la ruota panoramica, ma il prezzo del biglietto di ingresso (24 euro a persona) e' sicuramente esagerato.Dopo aver effettuato questo Tour (ed essendo il nostro ultimo giorno) decidiamo di tornare nuovamente nel centro di Barcellona (plaça de Catalunya) per effettuare il classico shopping: qui la prima vera brutta sorpresa!I negozi sono tutti chiusi ad esclusione di quelli che si affacciano sulla Rambla (che hanno praticamente solo souvenirs made in China).Torniamo in albergo sconsolati per preparare la valigia e riposarci prima della cena e...Seconda brutta sopresa!il ristorante dell'Hotel la domenica e' chiuso!Credendo di conoscere le usanze spagnole che parlano di cene alle 22:00 e via discorrendo, decidiamo di tornare alla Font Magica per un ultimo spettacolo.Concluso lo spettacolo (della durata di 20 minuti circa, dalle 20 alle 23:30) decidiamo di cercare un ristorante dove poter mangiare qualcosa...E via con la terza brutta sopresa! Nelle vicinanze di Plaça d'Espanya (dalla quale partono due corsi molto grandi) non c'è un ristorante, bar, paninoteca aperto!!Con le pive nel sacco e non avendo voglia di tornare sulla Rambla decidiamo di tornare verso l'albergo e di contentrarci nella zona della stazione...Ma anche qui tutto chiuso.Per fortuna troviamo un bar ancora aperto che ci prepara qualcosa al volo, ma facendoci capire chiaramente di sbrigarci a mangiare e di andarcene (ed erano solo le 22:30...MA GLI ORARI SPAGNOLI??).Finita la "cena" torniamo in albergo abbastanza delusi...Ma le brutte soprese non sono ancora finite..

  • 635 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social