Tre giorni a Valencia

Appena tornata dal viaggio a Valencia mi rituffo sui vari siti visitati in precedenza per rileggere gli altrui commenti e verificare somiglianze e discordanze. In tre giorni di viaggio a Valencia vedo inanzitutto confermata l'opinione diffusa di una bellissima città ...

  • di Redcassandra
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Appena tornata dal viaggio a Valencia mi rituffo sui vari siti visitati in precedenza per rileggere gli altrui commenti e verificare somiglianze e discordanze. In tre giorni di viaggio a Valencia vedo inanzitutto confermata l'opinione diffusa di una bellissima città dal clima PERFETTO: bei palazzi, strade ariose, una luce fatta per accumulare istantanee nella memoria. Mi ritrovo poi in perfetto accordo con chi è rimasto colpito dai meravigliosi giardini del Turia, dall'Oceanografico e dall'intera Città delle Arti e delle Scienze: mai visto nè immaginato niente di simile... Se un consiglio mi sento di dare a chi visiterà Valencia dopo di me è quello di non credere di buttare via dei soldi pagando l'ingresso dell'Oceanografico: vale la pena!! E' un'esperienza entusiasmante osservare la vita marina così da vicino e il prezzo non è poi così alto se si considera che ciò che viene messo in esposizione sono migliaia di esseri viventi che hanno bisogno di cure e attenzioni continue. Ho anche pensato che da una parte la prigionia di quegli animali fosse una crudeltà ( anche se sono trattati benissimo!!!)... Mi sono data molte risposte, tutte molto ragionevoli e nessuna del tutto convincente; alla fine ho osservato i bambini che incantati spalancavano la bocca davanti a quegli esseri così meravigliosi e scunosciuti e ho voluto sperare che osservare così da vicino delfini e foche potesse insegnare qualcosa sull'amore per il mare e per gli animali agli uomini che un giorno quei bambini diventeranno. Non mi dilungherò poi sui monumenti del centro storico: tante belle chiese, piazze e piazzette, torri, i dipinti di Goya nella Cattedrale... Tutto ampiamente descritto già da molti. Tutto bello e divertente da scoprire liberamente passeggiando a lungo per le strade di una città che non ha salite e che non conosce il freddo.

Dove mi trovo a non poter essere d'accordo con i viaggiatori che mi hanno preceduta è sul fatto che a Valencia si mangi molto bene e che sia una città economica: io non so cosa intendete voi per mangiare bene e per economica, ma andando a cena in uno dei ristoranti più gettonati da varii viaggiatori, La Pepica, abbiamo mangiato male e speso molto. Ordinando un antipasto di mare ci è stato portato un piattino con 4 gamberi di circa 10 cm e 7 anelli di calamaro fritti, per il quale abbiamo pagato 23 euro; poi abbiamo chiesto la famosa "paella di Marisco della Pepica" (una paella di con crostacei e molluschi già puliti) e ci è stata servita una teglia di riso che faceva rimpiangere i risotti in busta del supermercato. Bevendo solo acqua, alla fine ci è stato portato un conto di 61 euro!!!!!!! Sconsiglio vivamente questo ristorante!!! In tre giorni di giri e perlustrazioni ci siamo accorti inoltre che uscire soddisfatti da un ristorante di VaLENCIA è UNA BELLA IMPRESA: un alto numero di locali appartengono alle stesse catene di ristorazione, il cibo è quindi privo di personalità e il personale, non dovendo curare i propri interessi, ha un mdo di fare spesso poco gentile con gli avventori stranieri. L'unico posticino davvero gradevole che siamo riusciti a scovare è consigliato anche da un altro "turista per caso": un locale di Tapas davanti al Mercato Centrale, non caro, dal clima rustico ma ospitale; tavolini in strada, intingoli gustosi, personale gentile... Speriamo duri!!

  • 5464 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social