Ni un perro andaluz

Comincio subito spiegando il gioco di parole del titolo: niente traffico, niente turisti, niente code. Vi lascio alcune tracce che spero utili per altri turisti per caso con un invito: andateci in Spagna, ogni stagione è buona, ma meglio ancora ...

  • di chebellavita
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Comincio subito spiegando il gioco di parole del titolo: niente traffico, niente turisti, niente code.

Vi lascio alcune tracce che spero utili per altri turisti per caso con un invito: andateci in Spagna, ogni stagione è buona, ma meglio ancora fuori stagione.

Itinerario: arrivo e partenza Siviglia da Bergamo con Ryanair, poi Jerez de la Frontera, Tarifa, Sanlucar de Barrameda, Parque de Doñana, Sierra de Aracena.

Il primo giorno non ci siamo lasciati scappare la visita ad una cantina; abbiamo scelto la Lustau (www.Lustau.Es), azienda media ma di ottima qualità. Abbiamo prenotato una visita guidata (10 € compresi 5 vini in degustazione, ma se interessa altro non si fanno problemi a versare) e fatto alcuni buoni acquisti.

Ci siamo poi diretti a Tarifa dove purtroppo il maltempo, non freddo ma con un continuo andare e venire di scrosci d’acqua, ci ha impedito la vista dell’Africa nel punto dove i due continenti sono più vicini. Abbiamo dormito alla Mesòn de Sancho (www.Mesondesancho.Com) che consiglio (forse sottotono la colazione). Affascinante il parco eolico nell’immediato entroterra; andatelo a vedere e ditemi se poi preferite una bella centrale termoelettrica.

Il secondo giorno ci siamo diretti verso il Parque de Doñana, versante est, a Sanlucar de Barrameda sulla sponda del Guadalquivir. Unico inconveniente del fuori stagione è stata l’assenza della visita del parco dal fiume (servizio sospeso in inverno). Ma ci siamo consolati pranzando a tapas di pesce da “El bigote” al barrio pesquero: in un vicolo da una parte il ristorante, dall’altra il bar de tapas. Cibo notevole, manzanilla a go go e spesa contenuta (25 € in due).

Ripartiamo poi per l’altro versante del parco, quello di Huelva, con l’obiettivo di vedere le famose dune prima del tramonto. Nonostante occorra fare tutto il giro del parco ripassando da Siviglia. L’impresa è riuscita poiché a quella latitudine in questo periodo dell’anno il sole sorge alle 8, ma tramonta alle 19.00. Abbiamo capito perché si chiama Costa de la Luz; la luce è intensissima, ed è pieno inverno. Ah, dimenticavo, la giornata è stata bellissima, 18-20 gradi, nemmeno una nuvola in cielo, e così sarà per i giorni a seguire.

Pernottiamo a El Rocìo presso Doñana Rural (reservas@donana-rural.Com), l’ambiente bello ma forse un po’ troppo nuovo e freddo.

El Rocìo è stato una bellissima sorpresa: è un paese dove non c’è una sola strada asfaltata, le strade sono larghissime ed il fondo è di sabbia. Sembra il far west. Ci hanno spiegato che è per la tradizione dell’andare a cavallo che viene preservata. Inoltre si affaccia sull’acquitrino e si possono osservare tutti gli animali che nuotano, volano e pascolano. Grandioso il pranzo a base di frutti di mare da “Toruño” (65 € in due). Ci è sembrato molto carino anche l’omonimo albergo (hoteltoruno@hotmail.Com).

Terzo giorno passato a passeggiare per il parco: prima il parco dunare. Un percorso di 6 Km attraversa la duna (alta 100 metri) e arriva al mare. A giudicare dalle tracce sarebbe stato anche pieno di animali, peccato non saper riconoscere l’orma di un cinghiale da quella di un cervo da quella di una lince.

Poi La Rocìna, un’area umida appena fuori da El Rocìo in cui protagonisti sono gli uccelli palustri. Anche qui, tutto molto bello, ma non so distinguere una papera da un ibis (vabbè, esagero, qualche quark l’ho visto pure io). Ci godiamo ancora il tramonto e poi ci dirigiamo verso Siviglia, all’agriturismo Finca la Luz (www.Fincalaluz.Com) segnalato da altri turisti per caso. Pro: vicinissimo all’aeroporto e a soli 30 minuti d’auto dal complicato centro urbano di Siviglia,. Contro: il titolare è un tipo un po’ strano e distante, cortese, per carità, ma per entrare e uscire bisogna chiamarlo perché chiude il cancello a chiave, inoltre trovarlo la prima volta non è facile e se ti perdi non lo trovi più. Riscaldamento e condizionamento si pagano (cari, 4 € al giorno) a parte

  • 1309 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social