Ponte 8 Dicembre a Madrid

Lo scorso Ponte dei Santi abbiamo fatto una capatina a Madrid, giusto il tempo di assaporare la movida del periodo pre-natalizio. Arrivati il venerdì mattina all’aeroporto Barajas, con la linea 8 della metro e 2 cambi, in circa 40 minuti ...

  • di paola cresto
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Fino a 500 euro
 

Lo scorso Ponte dei Santi abbiamo fatto una capatina a Madrid, giusto il tempo di assaporare la movida del periodo pre-natalizio.

Arrivati il venerdì mattina all’aeroporto Barajas, con la linea 8 della metro e 2 cambi, in circa 40 minuti arriviamo al nostro Hostal, lo Chic & basic Colors, in C/ de las Huertas 14, 2° ext. Izda; colors@chicandbasic.Com.

Situato in un palazzo d’epoca nella zona pedonale, a 100 mt dalla fermata della metro Antòn Martin, a pochi passi a piedi da P.Za de Santa Ana e P.Za del Angel, è grazioso, pulito e completamente ristrutturato Le camere sono ognuna di un colore differente ed anziché essere numerate si identificano con il colore dell’arredamento (la nostra era la Purple); sono piccole ma con tutto l’essenziale per soggiornarvi qualche giorno: arredamento minimal, TV flat screen, radio e bagno con doccia.

Nel prezzo del pernottamento è compresa la colazione a self-service: nel piccolo ingresso dell’hostal è situato un bancone bar e sono a disposizione degli ospiti la macchinetta per caffè espresso o té, il microonde, il tostapane, il frigo con latte, bevande, succhi di frutta, burro e marmellata ed una dispensa con pane da toast , cornflakes, muffin e croissant.

La nostra visita inizia subito con P.Za de Oriente (metro Opera), disegnata da Giuseppe Bonaparte per emulare gli Champs Elysée; purtroppo la temperatura proibitiva (3°C) ci impone un giro veloce giusto per qualche foto alla fontana adornata da leoni, sulla quale si erge il monumento equestre in bronzo a Filippo IV, quindi ci dirigiamo al Palacio Real dove visitiamo le Sale Reali affrescate dal Tiepolo, l’Armeria, la Régia Farmacia e la Corte Il monumentale palazzo ispirato alla Reggia di Versailles risale al 18° secolo ed è uno splendido esempio di barocco, frutto dell’opera dell’architetto Filippo Juvarra, noto sia per le sue opere a Torino, Lucca e Roma che a Madrid e Lisbona.

Terminata la visita siamo affamati e ci mettiamo in coda alla Taberna del Alabardero in C/ Felipe V con l’idea di un pranzo veloce al bancone, invece dopo qualche minuto di attesa ci possiamo sedere ad uno dei tre tavolini della taberna e mangiare comodi le nostre tapas: assaggi di paella, calamari fritti, croquetas, empanaditas, jamòn iberico ed ovviamente due birre.

Rifocillati e riscaldati torniamo in P.Za de las Armas per visitare la Catedral de la Almudena e poi proseguiamo per P.Za de las Descalzas, con la visita al Monasterio de la Descalzas Reales. Da qui gironzoliamo tra i negozi della pedonale C/ de Preciados , con tappa obbligata al Corte Inglés, Zara ed H&M Quindi dopo qualche ora tentiamo la carta della merenda dirigendoci alla Chocolaterìa San Ginés in Pasadizo de San Ginés 5 ma é impensabile attendere un posto per sedersi ai tavoli interni o nel dehors, quindi ripieghiamo sul bancone:sgomitando di qua e di là riusciamo a guadagnarne mezzo metro quadrato e possiamo finalmente degustare un’ottima cioccolata calda con churros.

Dopo una doccia ed un po’ di dovuto riposo in hostal, verso le 22.00 usciamo a piedi per la cena in zona Huertas, l’ora clou per gli Spagnoli.

Tentiamo di superare la coda alla Taberna Maceira in C/ Huertas 66 così come al Las Cuevas de Sesamo in C/ Principe 7, ma senza successo, quindi ci dirigiamo all’ Arrocerìa Gala, C/ Moratin 22 www.Paellas-gala.Com, dove pur senza aver prenotato troviamo posto senza problemi. Ottima paella con abbondante sangria.

Dopo la cena vaghiamo un po’ nella zona per una copa in P.Za de Santa Ana ed un giro al Villa Rosa, famoso per i suoi azulejos e per le scene dove Miguel Bosè canta in Tacchi a Spillo di Almodòvar

  • 4914 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social