Spagna tour in pulmino

A dicembre 2006, dopo aver trascorso le ferie di Agosto tutti insieme in un unico appartamento in un agriturismo della Maremma ed essendoci divertiti molto senza nessuno screzio, decidiamo di mettere in gioco l'amicizia di 40 anni restringendoci ancora, tour ...

  • di spillo66
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in gruppo
    Spesa: 3500
 

A dicembre 2006, dopo aver trascorso le ferie di Agosto tutti insieme in un unico appartamento in un agriturismo della Maremma ed essendoci divertiti molto senza nessuno screzio, decidiamo di mettere in gioco l'amicizia di 40 anni restringendoci ancora, tour della Spagna in 9 in pulmino, 4 adulti e 5 tra ragazzi e bambini.

Mi viene affidata l'organizzazione: prenoto gli alberghi lungo il percorso, via internet, prenoto il pulmino, redigo il programma delle visite, dove necessario prenoto da casa in modo da perdere il minor tempo possibile.

Regole da rispettare: tenersi entro un certo budget, alzarsi presto la mattina e camminare tanto, se vogliamo vedere tanto senza arrabbiarsi.

Il giorno 4 di Agosto partiamo: andiamo a prendere il pulmino a Perugia presso l'autonoleggio, carichiamo i bagagli, a mia figlia Giulia viene dato l'incarico di tenere il giornale di bordo per potersi ricordardare i fatti salienti.

Partenza...Dopo neanche un kilometro il pulmino si spenge, ripartiamo e si spenge di nuovo, essendo vicino a casa ci rechiamo presso l'autofficina di fiducia dove la diagnosi del test è, secondo l'addetto, che si tratta soltanto di un contatto e che possiamo andare tranquilli.

Ripartenza; nei pressi di Genova il pulmino si spenge di nuovo 3-4 volte in autostrada,la situazione si fà allarmante, iniziamo a telefonare ad alcune officine della zona ma sono tutte chiuse, usciamo a Chiavari dove troviamo un elettromeccanico di passaggio in officina che però non ci dedica molto tempo; nel frattempo contattiamo l'agenzia di noleggio che ci dice che chiaramente il 4 agosto è impossibile trovare un pulmino sostitutivo al limite ci darebbero 2 auto, ma per noi non sarebbe più lo stesso viaggio, tutto è stato programmato per viaggiare assieme, verso le 17,00 troviamo un meccanico molto disponibile a Genova Nervi che controlla con il test e dandoci come responso che un iniettore è andato, non è consigliabile viaggiare in queste condizioni e che fino a lunedì sarebbe stato impossibile trovare il pezzo di ricambio.

Gelo...Le mogli le risentiremo parlare a Barcellona, io e Ruggero ci consultiamo sul da farsi e decidiamo di andare avanti fin che và, poi vedremo, ringraziamo il ragazzo, che tra l'altro non ha voluto niente e ripartiamo con cautela, abbiamo notato che il pulmino si spenge soprattuttto quando scaliamo marcia e và giù di giri, quindi cerchiamo di tenere i giri costanti anche andando in 5^ in salita.

Sosta prima del confine Spagnolo per mangiare e riposare qualche ora e alle 03,00 ripartiamo, alle 07,50 siamo all'Hotel Expo**** nei pressi della Sants Estacio e vicino a Piazza di Spagna e a Montjuic.

5 AGOSTO: Lasciamo le valigie in custodia non essendo ancora pronte le camere, prendiamo la metrò che si trova a 3 minuti dal'Hotel e andiamo verso la prima destinazione il NOU CAMP, visita del campo da gioco, sala stampa, tribune vips, tribuna stampa, spogliatoi, museo e gadgets, tutto molto carino soprattutto per me che ho giocato tanti anni e per Cosimo che a 15 anni sogna di poter un giorno calpestare questa erba (perchè a noi non ce l'hanno fatta calpestare anche se siamo arrivati fino ai bordi del campo).

Ci sediamo al bar all'interno della recinzione dello stadio, mangiamo qualche panino viene il barista a sparecchiare, mia moglie si alza dalla sedia per aiutarlo, fà per tornare a sedersi e non vede più la sua borsa...Panico...(dal diario di bordo "DOV'E' LA BORSA''), sparita, io di istinto vado subito all'ingresso dove avevo visto la centrale degli addetti alla sicurezza che subito si allertano posizionandosi nei pressi dei vari cancelli di uscita, torno verso il resto della ciurma che nel frattempo aveva contattato i borseggiatori chiamando il cellulare di Stefania che si trovava all'interno della borsa e ricevendo richiesta di 1000 euro per riavere i documenti. Richiamo io e rispondono di nuovo, offro 700 euro, tutto quello che avevo con me, arriva uno della sicurezza mi prende il telefono contro la mia volontà e si mette a parlare con l'interlocutore, arriva un'interprete, la polizia e a quel punto la borsa contenente: occhiali, maglie, telefono, borsello con 200 euro e soprattutto la NIKON D80 nuova, è definitivamente persa

  • 1067 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social