Canarie: le sette meraviglie dell'atlantico

01/08/2006 - BERGAMO BGY – LA PALMA (la mas bonita) Questo viaggio si preannuncia molto interessante: in ventiquattro giorni toccheremo cinque delle sette Canarie a disposizione (le altre due sono state scartate solo perché Lanzarote ce la siamo già beccata ...

  • di TripFabio
    pubblicato il
  • Partenza il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 

01/08/2006 - BERGAMO BGY – LA PALMA (la mas bonita) Questo viaggio si preannuncia molto interessante: in ventiquattro giorni toccheremo cinque delle sette Canarie a disposizione (le altre due sono state scartate solo perché Lanzarote ce la siamo già beccata l’inverno scorso e Tenerife vogliamo tenercela buona per un prossimo futuro, non si sa mai, magari in un periodo con poche idee...).

Partenza da Bergamo con la Binter Canarias, con un aereo che sembra disegnato a cartoni animati e che viene naturalmente battezzato “Disney Channel”. Il biglietto (elettronico) è stato acquistato (come tutti gli altri del nostro itinerario) direttamente sul sito della compagnia, al costo di 360,00 euro (BGY-La Palma e ritorno); gli altri voli interni hanno prezzi variabili tra i 40,00 e i 60,00 euro a tratta.

Grazie alla proverbiale efficienza degli aeroporti italiani, il nostro Disney Channel parte con un ritardo di oltre un’ora, il che vuol dire perdere la coincidenza a Gran Canaria per La Palma con tutto quello che segue (inutile notte in aeroporto, volo l’indomani, un giorno di vacanza buttato nel cesso).

Grande sorpresa, potenza degli spagnoli che sanno come affrontare le situazioni: all’atterraggio a Gran Canaria tutti i passeggeri con destinazione la Palma vengono bloccati e imbarcati direttamente sull’aereo (che nel frattempo ha aspettato sulla pista) con destinazione La Palma, senza transitare dall’aerostazione. Siamo senza parole davanti a tanta operatività. E i bagagli? Stessa trafila, vengono sbarcati e smistati direttamente sul parcheggio e ci seguiranno senza intoppi. Alla fine dunque sul disguido italiano è stata messa una pezza spagnola.

All’aeroporto di Santa Cruz ci aspetta, come d’accordo, Pedro Perez, il nostro padrone di casa (trovata su un depliant e contrattata a suon di e-mail a 418,00 euro per 7 notti, auto compresa, bonifico in acconto del 20%, saldo in contanti all’arrivo) che ci consegna la Citroen Saxo e ci accompagna alla nostra casetta. Ormai è notte fonda, ci fa strada con la sua auto e noi lo seguiamo fino alla punta meridionale dell’isola (una trentina di chilometri a sud dell’aeroporto), a Fuencaliente.

Pedro è un pazzo furioso, ci sta facendo percorrere in discesa delle strade ripidissime e strettissime (due auto non passerebbero contemporaneamente) delimitate da muretti di pietre su entrambi i lati. E’ buio pesto e non vediamo un tubo, ma sappiamo che là in fondo, là sotto davanti a noi c’è il mare perché ormai l’isola è finita. Scendiamo ancora. Arrivati finalmente, la casa sembra carina, ma adesso siamo troppo sfatti e affamati, saldiamo il conto, salutiamo Pedro, mangiamo e andiamo a letto.

Siamo veramente in culo ai lupi.

02/08/2006 - LA PALMA: CHARCO AZUL – LOS CANCAJOS (170 KM) Il risveglio è una vera sorpresa, finalmente ci rendiamo conto di dove ci troviamo e il posto è ancora più bello di quanto ci aspettavamo. Non è un appartamento, ma una “casa rural” su un unico piano, muri in sassi e tetto in coppi, pavimenti in cotto, soggiorno con bellissima cucina superaccessoriata (microonde, lavatrice...), camera con due letti, bagno con biancheria. All’esterno un cortile di ghiaia delimitato da una staccionata e lettini per il sole. La veduta è favolosa: sotto di noi le viti basse ricoprono il fianco della montagna e scendono a terrazze fino al mare diverse centinaia di metri più giù, non un’abitazione tra noi e l’oceano e di fianco il Volcan San Antonio. Pedro, sei un mito! Il problema è che percorrere la strada di ieri sera vuol dire rischiare la vita ogni volta che si esce e si torna a casa. Fortunatamente riusciamo a trovare un percorso alternativo che ci permetterà di conservare intatta la pelle. Come primo giorno spariamo in alto: andremo fino su al nord, lungo la costa est, per vedere le piscine naturali di Charco Azul

  • 13512 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social