Una simpatica settimana a spasso per l'Andalusia

Ciao amici! Eccoci qua pronte per la partenza… Tra le destinazioni della nostra compagnia Rayanair di fiducia questa volta abbiamo scelto Siviglia! Partenza ore 6.30 da Bergamo dall’aeroporto Orio al Serio (uscita A4 Seriate). Arriviamo a destinazione addirittura in anticipo ...

  • di chiarax83
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Ciao amici! Eccoci qua pronte per la partenza... Tra le destinazioni della nostra compagnia Rayanair di fiducia questa volta abbiamo scelto Siviglia! Partenza ore 6.30 da Bergamo dall’aeroporto Orio al Serio (uscita A4 Seriate).

Arriviamo a destinazione addirittura in anticipo ore 8.30 grazie a due piloti che ci ispiravano davvero fiducia e ritirati i bagagli ci dirigiamo subito presso il rent a car dell’aeroporto. Avevamo già prenotato l’auto su internet scegliendo la tariffa più conveniente sul sito e- noleggioauto (disponibile anche per informazioni ad un numero verde con Tommaso Gianni che ci ha impartito info utili in italiano!!!): il noleggio di una ford fiesta per cinque giorni ci è costato solamente 118€ pagandola in anticipo. Noi abbiam pagato con una carta prepagata dall’Italia ma al momento del noleggio è necessario avere una carta di credito “seria” che serve da garanzia.

Usciamo dall’aeroporto con la nostra superfiesta... direzione Granada! Non è indicata bene la strada all’uscita dell’aeroporto ma seguiamo le indicazioni per Cadice e poi prendiamo la A92 che porta dritta alla nostra meta! Accompagnate dalla voce di Shakira alla radio attraversiamo la campagna Andalusa cosparsa di uliveti e campi di grano. C’è un sole fantastico e il cielo è terso ... Speriamo che questo bel tempo ci accompagni per tutta la nostra vacanza! Su idea di Elisa particolarmente assetata entriamo in uno dei tipici “autogrill” da Fernazo, locale non particolarmente pulito a giudicare dai bicchieri e frequentato da spagnoli dall’aspetto un po’ losco che bevono caffellatte gustandoci assieme dei panini al prosciutto ... sarà un usanza del posto? Lo scopriremo... Noi ci limitiamo a comperare due bottigliette d’acqua e ci rimettiamo in viaggio.

Entriamo a GRANADA senza difficoltà grazie alle indicazioni forniteci via e-mail dal nostro ostello. Trovare parcheggio è stato un po’ più complicato ma alla fine optiamo per parking Ganivet a 13,80€ al giorno. Il nostro hostal prenotato via internet è situato in calle Nava 14 a pochi passi dal centro. Hostal Penelope. Le camere sono piccoline ma pulite ed accoglienti. Dopo aver sistemato le valige in camera subito alla scoperta della città!... Ma un languore ci assale ... effettivamente sono le due e dobbiamo ancora pranzare! Optiamo per la taverna de Tiacheta sul puente de cabrera sulla carrera del Darro . Ordiniamo due tinto de Verano (vino rosso con arancia e una sorta di gazzosa o qualche bevanda non ben precisata) molto buoni e una tabla mista ( affettato misto) e una tortilla de patatas;la cameriera non era delle più simpatiche e in tutto abbiam pagato 18€ .. Insomma si può trovare di meglio.

Dopo pranzo decidiamo di intraprendere un percorso suggerito dalla nostra guida (la mitica lonely planet!) che si snoda tra le viuzze dell’Albayzin .Questo è il vecchio quartiere arabo di Granada, bellissimo da girare a piedi! Da non perdere il fantastico panorama sull’ Alhambra e sierra Nevada che si può godere dal mirador San Nicolas. Molto caratteristica è la piazzetta di San Miguel con bar all’aperto e artisti di strada che con talento ci intrattengono piacevolmente. Scendiamo per calle Cadereria, una viuzza ricca di negozi d’artigianato e teterie in classico stile Andaluso che ci proponiamo di sperimentare domani. Torniamo all’hostel passando per la cattedrale siestando un po’ nella piazzetta davanti . Alle 22 come da orari spagnoli ci avviamo alla ricerca di locali e tapas... Saremo fuori stagione o questa sera sono tutti a casa ?!? In effetti le persone in giro non sono molte e i locali aperti sono pochini. Alla fine capitiamo all’Antigua bodega Castaneda in calle Elvira dove oltre ai nostri ormai consueti tinto de verano prendiamo una patatas asada(ossia patata bollita e arrostita) all’iberica con peperoni olive e prosciutto(5, 95€) e una paella di mare ( 11,90€). Davvero ottima!!! Riusciamo a saziarci in due. Finita la cena dritte a nanna domani ci aspetta una levataccia! Ore 6.30 Sveglia!!! Visto che il nostro programma prevede di visitare l’Alhambra ci prepariamo per tempo per conquistarci un biglietto. Purtroppo non eravamo riuscite ad accaparrarcelo on-line (probabilmente bisogna prenotare qualche mese prima e noi ci avevamo pensato solo un paio di settimane fa) ma non ci sono problema basta recarsi presso gli sportelli dell’Alhambra con un po’ d’anticipo sull’apertura. Per fortuna non siamo ancora in alta stagione e quando arriviamo verso le 7.30 c’è poca fila (vale comunque la pena prepararsi presto perché dopo poco la fila si allunga notevolmente). Questo palazzo è una tappa d’obbligo perché con le sue torri, le sue decorazioni in stile arabo e con i suoi meravigliosi giardini sembra uscita da una fiaba. Terminata la visita, nel primo pomeriggio decidiamo di andare a mangiare . Questa volta optiamo per “Puerta de los tristes” in paseo de los tristes con menù del dia a 9,50€ (gazpacho, pollo e dolce). Buono, a parte il gazpacho che Chiara non apprezza, ed accompagnato dalla musica di artisti di strada. Sono ormai le 16, decidiamo di oziare un po’ e cerchiamo sulla cartina un parco. Il più vicino è il Jardines del Trionfo! Non aspettatevi ampi prati, solo molte aiuole e delle fontane molto carine. Un po’ ustionate ci avviamo verso la zona della cattedrale facendo una breve ispezione all’università di diritto spacciandoci per studenti universitarie per sfruttare i bagni! Prima di cena andiamo a bere qualcosa in un locale dove con le bevande riceviamo degli ottimi polipetti fritti ( tinto de verano+birra+polipetti= 3€... probabilmente solo perché stavamo simpatiche al cameriere!). Per la cena vera e propria ci spostiamo di pochi passi... sempre in calle Navas entriamo nel Nuevo Restaurante che propone diversi menù a vari prezzi ( da 11 a 25€) . Elisa opta insalata mista + calamari fritti (11€) e Chiara insalata mista +merluzzo in salsa verde (13,50€);vino e caffè o dolce sono inclusi nel prezzo. Dopo cena una passeggiata lungo paseo de los tristes per ammirare l’Alhambra illuminata

  • 3499 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social