Un frullato di Barcellona: esperienze e consigli

Questo è un resoconto del viaggio a Barcellona fatto con i miei amici dal 30 Ottobre al 6 Novembre 2007. Eravamo in 9, tutti universitari… Fisici, Storici, Giuristi, Biologi, Ingegneri, Agrari…un po’ di tutto insomma! Tutti Catanesi, e tutti ospiti ...

  • di chewingum
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in gruppo
    Spesa: Fino a 500 euro
 

Questo è un resoconto del viaggio a Barcellona fatto con i miei amici dal 30 Ottobre al 6 Novembre 2007.

Eravamo in 9, tutti universitari... Fisici, Storici, Giuristi, Biologi, Ingegneri, Agrari...Un po’ di tutto insomma! Tutti Catanesi, e tutti ospiti a casa di Nora (povera sua mamma!)...Quindi non vi potrò dare nessuna dritta per quanto riguarda gli alloggi! Non farò un racconto cronologico del nostro viaggio, ma più che altro tematico. La divisione in sezioni (trasporti, cibo, etc...) renderà più semplice (spero!) la lettura.

VOLO: Palermo-Barcellona a/r al costo di 85€ a persona, acquistato un mese e mezzo prima direttamente sul sito della CLICKAIR (personalmente preferisco prenotare sempre i voli sui siti delle compagnie, e non su siti come volagratis, edreams, expedia, lastminute & co.).

I voli sono stati perfetti: partenze sempre puntualissime e arrivi addirittura anticipati...Meglio di così...! GUIDA: Se, come me, non rinunciate mai alla classica guida cartacea, vi posso dire che con la Lonely Planet mi sono trovata abbastanza bene! Un’altra che mi era sembrata carina è la Time Out, mentre la Routard secondo me non è molto adatta a chi vuol visitare solo Barcellona, in quanto si sofferma di più sulla Catalogna in generale. La guida della National Geographic è molto economica rispetto alle altre...Contiene meno testi, ma in compenso è piena zeppa di immagini. ...Beh, personalmente preferisco l’effetto sorpresa! Consiglio: leggete il più possibile prima di partire...Internet è una vera miniera di informazioni! Consultate i racconti di viaggio e le Guide per Caso di questo sito (sempre informatissime!), e appuntate tutto quello che può esservi utile! TRASPORTI: Per arrivare dall’aeroporto al centro (Plaça Catalunya, che è un po’ l’ombelico della città), prendete l’Aerobus. Impiega all’incirca mezz’ora (ma dipende anche dal traffico), ne passa uno ogni 6 minuti, e costa 3,9€. Il biglietto si compra direttamente dal conducente, quindi a volte si forma un po’ di fila per salire...Ma non fatevi scoraggiare da questo...L’attesa massima non supererà comunque i 10 minuti! Sul bus ci sono inoltre dei larghi spazi in cui sistemare le valigie. Per quanto riguarda gli abbonamenti ai trasporti, consiglio vivamente il T10. Con 6,9€ vi permette di effettuare 10 corse della durata di 75 minuti ognuna (quindi potete anche combinare metro e bus). Una cosa utile è che il biglietto non è personale, quindi potete anche usare lo stesso per più persone (ovviamente in questo caso bisogna timbrarlo più volte). In 7 giorni ne ho usati 2 (quindi 20 corse in totale), spendendo solo 13,8€...Mentre la targeta per 5 giorni (vi da la possibilità di usare liberamente tutti i mezzi per 5 giorni) costa ben 20,8€! E considerate che addirittura io non pernottavo in centro, ma nel quartiere di Gracia.

Perfetta la metropolitana...Anche questa passa davvero ogni 6 minuti, e arriva praticamente dovunque! Nota: nelle gallerie della metro fa un caldo terribile e ci sono spesso strane correnti d’aria...Quindi attenti agli sbalzi di temperatura (su 9 che eravamo, 7 ci siamo beccati raffreddore e/o mal di gola)!!! Gli autobus (per quel poco che li abbiamo usati) mi sono sembrati molto efficienti... le attese sono brevi, e i tempi di arrivo a destinazione non sono poi così diversi da quelli della metro.

Taxi molto economici (di notte per fare 3 km circa, abbiamo pagato solo 6€)...Se fate tardi, può essere una comoda soluzione! SCONTI PER STUDENTI: Se siete studenti, portatevi qualcosa che lo dimostri (il libretto, l’ultima tassa pagata, un certificato... collaudato con successo anche il tesserino della mensa!)...E avrete sconti praticamente dovunque (quindi NON fate la Barcelona Card!)! Consiglio: anche se talvolta non compare nelle tabelle ufficiali dei prezzi, chiedete sempre alla biglietteria se per caso c’è uno sconto studenti (all’Acquario è stato così!)... a Catania diciamo “testa ca nun parra, si chiama cucuzza” (una testa che non parla si chiama zucca)! BORSE VS ZAINI: Mi era stato detto di non portare zainetti ma di prediligere borse a tracolla (a causa dei borseggiatori)...Io ho seguito il suggerimento, e mi sono letteralmente distrutta una spalla (tra telecamera, macchina fotografica, guida, bottiglietta d’acqua, e compagnia bella, potete immaginare quanto fosse leggera...!). Quindi vi do un altro consiglio: portate uno zaino di quelli con la doppia cerniera, e chiudetelo con un piccolo catenaccio a combinazione (quelli per le valigie)... forse non è il massimo della praticità, ma almeno starete tranquilli per i borseggiatori, e soprattutto non arriverete al punto di desiderare l’amputazione della spalla! CIBO: La catena Pans è un fast food che con 6 euro circa vi permette di mangiare una baguette imbottita, bibita e patatine. Niente di eccezionale, ma può essere una buona alternativa per chi va di fretta

  • 3527 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social