Barcellona

Barcellona atto I: febbraio 1995 una settimana in gita scolastica, alloggiando all' "Hotel Gotico", un vecchio hotel 3 stelle nel Barrio Gotico. Era alquanto sporco, con gli elettricisti che, anziché lavorare, leggevano i giornaletti porno. Si cenava con pastasciutta scotta ...

  • di mirko.1976
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: fino a 6
    Spesa: Fino a 500 euro
 

Barcellona atto I: febbraio 1995 una settimana in gita scolastica, alloggiando all' "Hotel Gotico", un vecchio hotel 3 stelle nel Barrio Gotico. Era alquanto sporco, con gli elettricisti che, anziché lavorare, leggevano i giornaletti porno. Si cenava con pastasciutta scotta e braciole: insomma...All'italiana! Barcellona atto II: estate 2002 per 3 giorni in un bell'albergo 3 stelle, peccato che fosse molto fuori e...Di notte si facessero parecchi chilometri a piedi per ritornare alla stanza! Barcellona atto III: estate 2005 presso l'"Hotel Barbara". Molto simpatico: l'hotel Barbara, nei dintorni della rambla, molto economico, molto confortevole e ...Ricco di prostitute giorno e notte, giovani e anziane! Ma, se non siete moralisti, cattolici e bigotti, con 30 euro a testa avete pernottamento, prima colazione, bagno, aria condizionata e tv color in centro città!! Barcellona atto IV: capodanno 2007 presso l'aparthotel Rembrandt, una modesta pensioncina vicino plaza Catalunya, molto semplice ma molto comoda.

Perchè così tante volte? Perché sono entusiasta di questa città! Il bello di Barcellona, secondo me, è che non si capisce bene se sia una città o un luogo turistico di villeggiatura, nel senso che, essendo sul mare e potendo disporre di spiagge, sembrerebbe sia l’uno sia l’altro, specie di sera sul porto. E’una città moderna, all’avanguardia, che investe moltissimo in cultura e architettura moderna, con una metropolitana efficiente (che, però, chiude alle 23.00, e quindi alla sera o vi fate, come noi, grandi camminate, o dovete andare in taxi!) e un sacco di posti nuovi. Il motivo è semplice: in occasioni delle Olimpiadi del 92 è stata “rivoltata come un calzino”: pensate che nella bellissima e modernissima zona del porto (e, lasciatemelo dire, molto americana), prima c’erano i quartieri poveri e malfamati...Non so cosa abbiano fatto della povera gente, ma ora è bellissima. I critici dicono che a Barcellona quando hai visto la “Rambla” hai visto tutto: in realtà Barcellona è una città d’arte e di lavoro, c’è abbastanza da vedere, ma credo che 2 o 3 giorni, se non si vogliono visitare i musei, siano più che sufficienti. E’ una metropoli europea, ma ha anche alcune vedute antiche e più “mediterranee”. Seconda come abitanti a Madrid, a me è piaciuta di più della capitale perché è sul mare e offre maggiori attrattive, pur essendo più piccola. L’aeroporto è poi collegato via treno (ogni 30 minuti) e via autobus (ogni 12 minuti) e si giunge comodamente all’aerostazione (cosa impensabile per noi italiani con i nostri pessimi collegamenti pubblici). Io consiglio il treno, visto che l'autobus ci ha lasciato a terra per paura di essere intasato!!! Inoltre il treno costa 1,50€ mentre l'autobus 3,60 (tanto!). A me hanno colpito i palazzi di vetro moderni e quelli in metallo, ma la città ha anche il famoso Barrio Gotico e gli edifici barocchi e liberty. Caratteristica di Barcellona sono le ramblas, ovvero dei grandi viali alberati con il passaggio centrale: la più famosa è, appunto, “La Rambla”, che di giorno pullula di artisti di strada e di negozietti con animali, mentre di notte è un po’ più “scura” (nel senso che è affollata da prostitute di colore molto simpatiche che amichevolmente ti abbracciano e ti vogliono invitare a passare qualche minuto di allegria con loro). Ovviamente non si può non vedere la “Sagrada famiglia”, unico monumento al mondo ancora in costruzione e in perenne lavoro: il motivo ufficiale è che questa opera di Gaudì non deve mai essere terminata, altrimenti è di cattivo auspicio per la città .Personalmente credo che i Barcellonesi ci marcino molto con questo fatto e quindi, essendo l’attrazione principale per i turisti, proseguono i lavori appositamente lentissimamente e quindi, probabilmente, non avrà mai fine. In realtà è una grande delusione: un sacco di scalini per avere un po’ di panorama, ma, ripeto, è solo una facciata e niente più! Inoltre, secondo me, mentre sulle guide sta scritto che oggi gli architetti stanno seguendo l’idea di Gaudì, mi sembra, invece, che la parte nuova sia molto meno bella e, soprattutto, diversa, dall’idea originale. Il problema, secondo me, è proprio questo: come facciamo a dire che quello che viene fatto oggi è quello che avrebbe voluto il celebre architetto? Cosa visitare? Per chi ha poco tempo consiglio la classica escursione del turista sul bus a 2 piani (con il piano superiore aperto); oltre a essere fresca e divertente, si ha modo, in 2-3 ore, di vedere tutti i posti interessanti della città e di rendersi conto quali visite poi effettuare. Inoltre, particolare da tenere in considerazione, viene dato un carnet di biglietti e coupon con un sacco di sconti per vari posti di Barcellona. Ho visitato anche l’acquario di Barcellona, il più grande d’Europa (quindi anche migliore di quello di Genova- in teoria-), davvero carino e piacevole

  • 637 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social