Estate a Barcellona e Madrid

Siamo Christina e Matteo, due studenti di 22 anni. Dopo il nostro diario dell’anno scorso su Parigi, abbiamo deciso di ripetere l’esperienza raccontando la nostra vacanza trascorsa tra Barcellona e Madrid. Nel racconto cercheremo di dare grande spazio alle informazioni ...

  • di matfino
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Siamo Christina e Matteo, due studenti di 22 anni. Dopo il nostro diario dell’anno scorso su Parigi, abbiamo deciso di ripetere l’esperienza raccontando la nostra vacanza trascorsa tra Barcellona e Madrid. Nel racconto cercheremo di dare grande spazio alle informazioni pratiche (prezzi, orari e altre indicazioni), così da dare un aiuto a chi stesse pianificando il suo viaggio. Naturalmente queste informazioni sono aggiornate al periodo della nostra vacanza, per cui prima di partire vi consigliamo di controllare nei siti ufficiali che vi segnaleremo. Prima di cominciare vorremmo ringraziare tutte le persone che ci hanno fatto complimenti e critiche (aiutano a migliorare) riguardo al diario dell’anno passato e ringraziamo anticipatamente per chi ci vorrà scrivere riguardo a questo racconto. Un enorme grazie anche a tutti i diari di viaggio che abbiamo letto e che ci hanno permesso di organizzare al meglio questa vacanza. Alcune notizie pratiche: i prezzi dove non diversamente indicato si intendono a persona. Voli e hotel sono stati prenotati tre mesi prima su internet e pagati con carta di credito. Per la riduzione studenti abbiamo sempre usato il badge dell’università accompagnato dalla carta d’identità. Tutti i pareri e le emozioni descritte sono personali: pensiamo che un viaggio sia una cosa individuale, è molto probabile perciò che alcuni luoghi che ci sono piaciuti molto, ad alcuni di voi non piaceranno o viceversa.

Giovedì 02/08/07 – 1° giorno – Visita dell’Aeroporto Marco Polo Arriviamo all’aeroporto Marco Polo di Tessera (VE) alle 7.00 con la felicità a mille, convinti che niente potrà rovinarci le tanto attese vacanze!!! Il nostro volo Clickair comprato su www.Clickair.Com a 73€ partirà alle 9.10. Abbiamo tutto il tempo perciò di fare il check-in con tranquillità e sederci a guardare gli aerei che decollano. Mentre siamo seduti sulle comode poltrone dell’aeroporto, i nostri occhi guardano distrattamente il monitor degli orari, notando così che la partenza è posticipata di una cinquantina di minuti a causa dell’arrivo in ritardo del volo corrispondente. Vabbè, sospiriamo, sicuri che questo piccolo ritardo non potrà rovinarci le tanto attese vacanze!!! In orario (sul ritardo) ci imbarchiamo. Si chiudono le porte, le hostess iniziano le spiegazioni di rito riguardo a cosa fare in caso di emergenza, l’aereo inizia a far retromarcia e... Il comandante annuncia: “piccolo problema tecnico, ritorniamo al parcheggio”. Ci sembra doveroso informare che quanto seguirà del racconto di questa giornata è diretta conseguenza dell’esperienza negativa da noi provata. Nulla da dire sul volo, siamo rimasti però amareggiati dal modo in cui siamo stati trattati a terra dalla compagnia. Allora, dopo averci parcheggiati ci dicono che è un problema alla pompa dell’olio, problema che sarebbe stato risolto nel giro di un’ora. Ci fanno perciò scendere tutti dall’aereo notando che la partenza è prevista per le 11.30. A mezzogiorno siamo ancora a terra, quando dall’altoparlante dell’aeroporto informano che i passeggeri del volo possono recarsi al ristorante per il pranzo offerto dalla compagnia. Capiamo così che avremo come minimo altre 2 ore di attesa. Mentre mangiamo, il boccone ci va di traverso quando vediamo che il nostro volo è segnato nel monitor con un ritardo indefinito: partenza stimata ore 20.30. Senza ricevere nessun’altra informazione, arrivano le 16 quando un operatore incaricato dell’aeroporto convoca tutti i passeggeri dandoci il numero di telefono della Clickair per fare reclami. Numero verde che non può essere contattato da cellulare e al quale non risponde nessuno. Ci assicura inoltre che ci verrà offerto anche il merendino e che, cosa più importante, il nostro pezzo di ricambio arriverà con il volo da Barcellona delle 19.05. Dopo aver visitato per lungo e per largo tutto l’aeroporto (se volete qualche informazione chiedete pure, siamo diventati espertissimi!), arrivano le agoniate 20.30, tutti ci prepariamo al gate d’imbarco, arrivano persino due operatori convinti di imbarcarci. Arrivano le 21, poi le 21.30, le 22... Iniziano a scaldarsi gli animi, arriva addirittura la polizia! Ci assicurano che il pezzo è stato cambiato, che si stanno effettuando tutti i test necessari, ma che non si sa ancora se e a che ora si parte... Ore 22.30 ci fanno salire in autobus per portarci all’aereo e dopo una mezzora di attesa si accende il motore (dell’autobus). Finalmente saliamo sull’aereo, altra spiegazione delle stesse hostess (per fortuna il comandante è cambiato!) sulle uscite di emergenza e alle 23.20 finalmente si decolla!!! Dopo un volo tranquillo, alle 0.55 l’aereo tocca il suolo dell’aeroporto El Prat, accompagnato da un’ovazione liberatoria di tutti i passeggeri. Dopo una lunga attesa per recuperare le valigie, data l’ora (la metropolitana era chiusa), decidiamo perciò di prendere un taxi che ci porti all’hotel. La tariffa normale è attorno ai 18€, a cui vanno sommati il supplemento aeroporto, il supplemento valigia, il supplemento notte: paghiamo così un totale di 27.25€. In 12 minuti arriviamo al nostro hotel: Hotel Auto Hogar, Avenida Parallel 64, 2 stelle, 38.75€ per notte con colazione, prenotato su www.Hotelopia.It. Venerdì 03/08/07 – 2° giorno – Sagrada Familia, Ruta del Modernisme, Parc Güell, Acquario Dopo un meritato riposo di qualche ora ci svegliamo pronti a cominciare finalmente la nostra vacanza. Dovremmo cambiare un po’ il nostro itinerario a causa della mezza giornata persa, ma neppure questo riuscirà a rovinare le tanto attese vacanze!!!! Alla luce del sole la nostra stanza appare semplice senza tante pretese: abbastanza ampia, due letti singoli da una piazza e mezza, scrivania, aria condizionata, televisione e armadio. Il bagno è un po’ piccolo ma con water, bidet, lavandino, vasca e asciugamani puliti. Scendiamo a far colazione: varie pastine, tè, caffè, cioccolata, latte, cappuccino, tisane, spremute, macedonia, yogurt, frutta sciroppata, fette tostate, marmellata, cornflakes, pane, prosciutto, salame, formaggio, salsicce, wurstel, uova sode, fagioli in umido... Non si può iniziare a visitare Barcellona senza sapere chi è Gaudì: architetto spagnolo nato nel 1852, con il suo stile di difficile collocazione ha reso unica questa città. La giornata di oggi la dedichiamo quasi completamente alla scoperta di questo Genio

  • 2277 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social