Vacanze a Barcellona

Solitamente le nostre vacanze le trascorriamo al mare… quest’anno, invece, decidiamo di dedicare una parte di esse alla visita di Barcellona. Siamo in 4: io, mio marito, mia figlia e una sua amica. Ad aprile cominciamo a consultare, tramite internet, ...

  • di clalusi
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: fino a 6
 

Solitamente le nostre vacanze le trascorriamo al mare... quest’anno, invece, decidiamo di dedicare una parte di esse alla visita di Barcellona. Siamo in 4: io, mio marito, mia figlia e una sua amica. Ad aprile cominciamo a consultare, tramite internet, i voli, optando per quelli low-cost, e dove poter alloggiare, se scegliere un albergo o un appartamento. Troviamo un volo, tramite l’agenzia E-Dream, con la compagnia aerea ClickAir che parte da Roma-Fiumicino il 4 agosto alle 11.30 e arriva a Barcelona-El Prat alle 13.10 e ritorniamo, sempre stessa compagnia, l’8 agosto alle 18.30 con rientro a Fiumicino alle 20.10 (costo agenzia € 12 a persona e costo biglietto a/r € 100 a persona). Per l’alloggio, capitiamo per caso sul sito www.Holidaysinbarcelona.Com , dove vengono presentati dei deliziosi appartamenti e ne scegliamo uno che ci colpisce principalmente per l’arredamento moderno in stile Ikea (costo € 125 a notte per 4 persone + € 40 per la pulizia finale).

Passano poi alcuni mesi di lavoro e caldo afoso (mai come quest’anno!) e il pensiero corre spesso a questa vacanza anche perché sia per me che per mia figlia è la prima volta che dovremo prendere l’aereo... Arriva il 4 agosto e finalmente il momento di partire. Prendiamo il treno alla stazione Tuscolana che in 35 minuti ci porta all’aeroporto di Fiumicino; facciamo il ceck-in e l’aereo parte alle 13 invece che alle 11.30.

L’emozione di “volare” la prima volta è stata grande, specialmente quando l’aereo ha iniziato ad alzarsi da terra e a prendere quota... Volo perfetto, tempo per il ritiro dei bagagli 1 ora circa; prendiamo un bus che ci porta a Plaça de Catalunya in 30 minuti (costo biglietto € 3.90) e qui telefoniamo all’incaricato dell’agenzia che ci porterà all’appartamento.

Arriva in bicicletta dopo neanche un minuto e ci accompagna alla casetta (4° piano senza ascensore... ma lo sapevamo!). L’appartamento è proprio come lo avevamo visto sul sito, curato nei minimi particolari. Lasciamo le valigie e cominciamo ad andare in giro per la città. Prima tappa: McDonald’s (sono circa le 17 e non abbiamo ancora mangiato!). Poi con la cartina della città cerchiamo di capire dove è meglio andare. Mia figlia, come vede l’Hard Rock Cafè a Plaça de Catalunya, inizia a fare acquisti... maglietta con il famoso logo. Poi cominciamo a passeggiare per la Rambla, con i suoi mille colori, mimi, venditori di uccellini, di souvenirs, musicisti, fiorai, pittori, artisti vari... e tantissimi turisti. Mangiamo qualcosa al volo e torniamo a casa, stanchi morti. La casa si trova nel Gothic Quarter, abbastanza centrale ma non è una delle migliori zone, un po’ sporca e maleodorante (a Barcellona non c’è la raccolta differenziata dei rifiuti... veramente non c’è neanche un contenitore e le buste dei rifiuti vengono lasciate fuori dei portoni!!!).

Domenica 5 agosto: sveglia alle 8.30 e per le 9.30 siamo già per i “carrer” di Barcellona. Facciamo colazione da El Mos bar-pasticceria (caffè e cornetto € 1.70); ci dirigiamo verso Plaça de Catalunya e prendiamo il bus turistico (€ 19 per 1 giorno, € 23 per 2 giorni; optiamo per 2 giorni); esistono 3 linee di bus turistici: rossa, blu e verde che ti portano nei posti più importanti e caratteristici della città; si può scendere e risalire tutte le volte che si vuole; quando si sale sul bus ti consegnano un carnet di sconti per negozi e visite, un libretto che spiega quello che si visita (ma non in italiano) e delle cuffiette per poter ascoltare nella lingua prescelta quello che si sta visitando (questa volta anche in italiano). Lo abbiamo trovato un servizio proprio utile! Decidiamo di dedicare questa giornata alla visita generale dei percorsi della linea rossa (che porta nella zona nord) e di quella blu (che porta verso il mare). Saliamo al piano superiore del bus rosso (scoperto) e cominciamo a percorrere Passeggiata de Gracia, grande strada dove si affacciano, tra le altre, Casa Batllò e La Pedrera entrambe di Antonio Gaudì; poco più lontano la Sagrada Familia (opera mai conclusa; non immaginavo che quella costruzione così imponente e inquietante potesse trovarsi fra i palazzi...), Park Guell, il Tibidabo (grande parco di attrazioni), il Palazzo Reale, lo Stadio Camp Nou del mitico Barcelona FC, la zona universitaria e ospedaliera, l’Avingude Diagonal, grande strada alberata e piena di pappagalli colorati che svolazzano liberi! Scendiamo dal bus rosso a Plaça de Catalunya e prendiamo il bus blu (capolinea dall’altro lato della piazza); un primo tratto del percorso è in comune con la linea rossa, poi va verso la zona sud: Estaciò de Sants, Creu Coberta (antica zona industriale), Plaça d’Espanya con il Montjuic, dove il sabato sera ci sono le fontane illuminate, e grande polmone verde della città, la zona olimpica dove si sono svolte le olimpiadi del 1992; da questo punto c’è una vista panoramica di Barcellona da paura... nel vero senso della parola! Si passa per la Fundaciò Joan Mirò e si comincia poi a scendere verso il mare: si vede il Word Trade Center, con la sua forma a vascello, al cui interno si trova un grande albergo di lusso, uffici, negozi e ristoranti), Plaça Colum con la statua di Cristoforo Colombo e da dove inizia la Ramba che arriva fino a Plaça de Catalunya, Maremagnum (centro commerciale che si protende nel mare); qui decidiamo di scendere, mangiamo un panino in un bar, passeggiamo un po’ e poi ci rilassiamo all’ombra su una panchina..

  • 284 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social