Callella: visitare barcellona e rilassarsi al mare

Cercando di organizzare il nostro prossimo viaggio in Germania, il mio ragazzo ed io ci siamo imbattuti nel divertente ed interessantissimo sito di “Turisti per caso”. Ho deciso così di dare anche io il mio contributo, anche se il mio ...

  • di Paola&Emanuele
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Cercando di organizzare il nostro prossimo viaggio in Germania, il mio ragazzo ed io ci siamo imbattuti nel divertente ed interessantissimo sito di “Turisti per caso”. Ho deciso così di dare anche io il mio contributo, anche se il mio viaggio precedente risale a quasi un anno fa.

Dopo aver trascorso almeno 5 ore in agenzia (...Fortunatamente gestita da ragazze molto disponibili!), abbiamo optato la Spagna: Calella, capitale turistica della costa del Maresme, a soli 45 km da Barcellona. Per la modica cifra di 750 € a persona abbiamo acquistato un pacchetto della Tosco Tour, con volo, trasporti per e dall’hotel, hotel tre stelle con pensione completa, tutto compreso!

2 Agosto Partiamo da Castiglione del Lago, in provincia di Perugia, intorno alle ore 9,00 del mattino, con tutta tranquillità raggiungiamo l’aeroporto di Firenze. Il volo di linea della Meridiana per Barcellona parte alle 11,10; l’aeroporto è talmente piccolo che in dieci minuti abbiamo già disbrigato tutte le formalità. Si parte...!!! Il volo è breve, circa due ore; al nostro arrivo le valigie compaiono rapidamente nel nastro scorrevole e all’uscita, l’autista dell’autobus che ci accompagnerà in albergo, è già ad aspettarci, vestito con una maglietta arancione, come indicato dal tour operator. Tutto perfetto! Il tragitto Barcellona Calella è uno po’ lungo, doppiamo attraversare tutta la città e proprio ad un ora di punta, impieghiamo quasi due ore per percorrere meno di 60 Km. Alle 15,30 siamo a Callella, hotel President. L’hotel è più bello di come appare in foto, enorme e con delle belle piscine, la camera è accogliente e pulita, il personale cordiale (parlano più volentieri in spagnolo piuttosto che in inglese, ma si capisce quasi tutto!), tutte le camere hanno un piccolo terrazzo con tavolo e sedie, purtroppo la vista non è un gran che. Se volete una bella vista ovviamente dovete spendere un po’ di più e cercare un hotel lungo mare! Posate le valigie usciamo velocemente, siamo ancora digiuni ed affamati, a 100 m dall’albergo troviamo un fast food, non è molto spagnolo, ma la fame chiama... Ci mangiamo un bell hot dog. In seguito scopriamo che nella zona non ci sono molti ristoranti tipici, la clientela è costituita soprattutto da giovani e l’80% dei turisti sono tedeschi, così è molto più facile trovare un pub in stile nordico! Placata la fame ci dirigiamo verso il centro del paese, tanto per iniziare ad orientarci. Calella è una cittadina prettamente turistica, comparabile alle nostre località balneari della riviera romagnola; il centro, caratterizzato dal Carrer de l’Eglesia, è costituito da una lunga strada pavimentata e molto stretta, con il solo accesso pedonale, con una miriade di piccoli negozietti dove acquistare souvenir, abbigliamento e oggettini di vario genere a basso costo; niente boutique o negozi firmati. Intorno al centro si trovano abitazioni private, pub e ristoranti; mentre gli hotel, tutti veramente molto grandi e moderni sono raccolti sul lato ovest della cittadina. Alle 20,00 siamo di nuovo in albergo per la cena, gli ospiti sono così numerosi che si deve scegliere a quale turno pranzare e cenare, noi siamo al secondo ( 13,45-14,15 / 20,15-21,00). Colazione, pranzo e cena sono a buffet, tutti i pasti ugualmente ricchi di ogni tipo si pietanza, primi, secondi, verdure in ogni modo, perfino i gelati sono a buffet! L’unico punto negativo sono le bevande: servite ai tavoli da un cameriere che gira tutto il tempo con un carrellino, simile a quello che siamo abituati a vedere nei treni, non sono comprese ma da pagare a parte e sono veramente care. Se fuori dall’albergo, puoi comprare dei bottiglioni di 5 litri di acqua a poco più di un euro, in albergo ti danno per la stessa cifra delle bottigliette di vetro che non sono sufficienti a riempire neanche un bicchiere; inoltre non ti danno neanche la possibilità di mettere la spesa sul conto della camera, ma ti costringono a portare dietro il borsellino per pagare immediatamente. Abbiamo notato che deve essere una politica di diversi alberghi e non solo del nostro! La prima sera stanchi del viaggio si va presto a nanna

  • 17588 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
, , ,
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social