Visita di Barcellona e PortAventura

RACCONTO DEL VIAGGIO A BARCELLONA (Visita della città e del parco divertimenti a tema PortAventura) Decidiamo il viaggio all'inizio di Marzo e subito comincia la ricerca su internet del volo e dell'albergo, nonchè di informazioni turistiche sulla città e sul ...

  • di idste
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Fino a 500 euro
 

RACCONTO DEL VIAGGIO A BARCELLONA (Visita della città e del parco divertimenti a tema PortAventura)

Decidiamo il viaggio all'inizio di Marzo e subito comincia la ricerca su internet del volo e dell'albergo, nonchè di informazioni turistiche sulla città e sul parco divertimenti.

Il volo da noi trovato è della compagnia Air One, Torino - Barcellona a 180 euro A/R, mentre per il pernottamento abbiamo trovato un'ottima sistemazione all'hotel Junior (2 stelle) situato in Avinguda de Sarrià (non molto distante dalla fermata del metro L5: Hospital Clinic) a 83 euro a camera esclusa la colazione ( a buffet, 10 euro ).

Domenica 06/05/2007 - primo giorno

Il volo Air One parte dall'aeroporto di Caselle alle 11.00, in perfetto orario, e ugualmente puntuale atterra a Barcellona alle 12.15. L'aeroporto del capoluogo catalano è molto grande ma non abbiamo molte difficoltà a recuperare i nostri bagagli e ad individuare la stazione del treno per il centro città. Nel Terminal non sono presenti ristoranti di un certo livello, solo fast food tipo i nostri Autogrill/Spizzico. Prima di arrivare alla stazione del treno ci fermiamo in un centro informazioni per acquistare l'abbonamento per i mezzi pubblici (quello per 5 giorni costa 20.80 euro) e permette di usufruire di: metro, bus e altre linee senza limiti. Questo abbonamento non è valido, però, per il tratto aeroporto - città in quanto tale linea è gestita da un'altra società. Il prezzo del biglietto, che si puo' fare direttamente in stazione, è di 2.50 euro. Preso il treno, in circa 15 min si arriva alla stazione centrale Sants, attraversando parte della periferia di Barcellona che non offre molto dal punto di vista turistico. In stazione ci fermiamo in un self service per il pranzo e successivamente prendiamo la linea 5 della metro per raggiungere il nostro albergo. L'Hotel è molto bello per essere considerato solo un 2 stelle, l'unico neo è che ci viene assegnata una stanza con vista sulla Avinguda e quindi ci toccherà sopportare i rumori del traffico.

Dopo esserci concessi un po' di riposo, ci dirigiamo in metro verso la zona del porto (Barceloneta), zona tranquilla e ricca di ristoranti di pesce a prezzi normali e con i menù anche in lingua italiana. Ottima la paella!

Lunedì 07/05/2007 - secondo giorno

Questa giornata la dedichiamo alla visita del Barrio Gotico, un quartiere sviluppato dai Greci e poi dai Romani, nel quale c'è la storia di Barcellona. Il nome deriva dalla presenza al suo interno di splendidi monumenti gotici, anche se sono ben visibili le tracce dell'antica città romana e dall'insieme degli edifici medievali che qui si conservano come importanti testimoni del glorioso passato. Quartiere dall'indiscutibile storia che, per il suo splendido labirinto di stradine, deve essere visitato esclusivamente a piedi, il Barrio Gotico occupa la zona che era precedentemente quella della città romana fortificata. In questa zona è possibile visitare la Cattedrale, ma non ammirarne la facciata che attualmente è in restauro.

Visitato il quartiere facciamo una passeggiata per le vicine Ramblas, cioè quelle strade che uniscono il Mirador de Colòn a Placa de Catalunya, una delle vie piu' importanti di Barcellona, ricca di negozi e ristoranti, sempre frequentatissima dai turisti e non solo. In questa zona si trova anche un importante mercato, il Mercat Boqueria, nel quale si possono ammirare banchi colmi di frutta, pesce e altri alimentari. Essendo una zona molto affollata prestate sempre molta attenzione agli oggetti di valore!!!

Percorrendo le Ramblas verso nord si arriva in Placa de Catalunya, nella quale si puo' trovare un centro informazioni, l'Hard Rock Cafè, e numerose linee di autobus e della metro. Da qui abbiamo preso un bus della linea 14 per fare un giro nella parte nord della città, zona residenziale molto carina e verde.

Alla sera siamo ritornati a far visita ad uno dei ristoranti di Barceloneta per una grande grigliata di pesce.

Martedì 08/05/2007 - terzo giorno

Nella prima mattinata ci dirigiamo verso la Sagrada Familia, tempio religioso progettato da Antoni Gaudì alla fine dell'800 ma ancora in costruzione. Attualmente i lavori si possono considerare al 50% e termineranno, forse, nel 2020.

La vista delle due facciate laterali lascia a bocca aperta e invoglia a pagare gli 8 euro per visitare gli interni. Entrando, ci si ritrova in un cantiere aperto, con molte impalcature, blocchi di pietre, sacchi di cemento, altro materiale da costruzione e operai al lavoro; infatti la parte interna non è ancora stata terminata. E' possibile visitare un interessante museo nel quale vengono illustrati i progetti e le fasi di costruzione dal 1881 ad oggi.

Dopo aver visitato la Sagrada Familia ci dirigiamo al Passeig de Gràcia. Questa strada si trova al centro della zona dove sorgono le piu' importanti costruzioni in stile modernista, progettate da Gaudì (per es. Casa Batllò e Casa Milà - La Pedrera) e da altri architetti dell'epoca. E' possibile richiedere una cartina dettagliata con l'itinerario da seguire per visitare la Barcellona modernista nei centri informazioni. Alcune abitazioni si possono visitare, per esempio Casa Batllò (Pg. De Gràcia,43) costa 16 euro, mentre Casa Milà - La Pedrera (Pg. De Gràcia,92) costa 8 euro. Noi abbiamo visitato solo quest'ultima, nella quale si possono vedere gli interni (solo 4° piano) e salire sulla terrazza per ammirare gli originali camini e godere di un discreto panorama di Barcellona. Siccome l'itinerario modernista proposto sulla cartina è molto lungo, decidiamo di vederne una parte in una prossima giornata e quindi dopo la visita di Casa Milà ci siamo fermati in un ristorante della catena FresCo (Gran de Gràcia,30) dove per 8.30 euro si puo' fare un discreto pranzo a buffet.

Il resto del pomeriggio lo abbiamo impegnato facendo un giro in autobus (linea PM con partenza in Placa de Espanya) nella zona olimpica del Montjuic che ha ospitato i giochi estivi nel 1992; qui si possono vedere alcuni impianti sportivi (tra i quali lo stadio di calcio), godere di un buon panorama e volendo (ma non sono comprese nell'abbonamento dei mezzi pubblici) fare un giro sulla teleferica panoramica o sulla funicolare. Il giro impegna circa un'ora e mezza.

Ritorno in albergo e cena a Barceloneta

  • 2763 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social