5 giorni a Madrid e dintorni

Sarà che “le stagioni non sono più quelle di una volta”, sarà che non può essere peggio di Milano, ho sfidato gli sconsigli di chi mi invitava a non andare a Madrid in gennaio “perché sulla meseta fa un freddo ...

  • di chebellavita
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Fino a 500 euro
 

Sarà che “le stagioni non sono più quelle di una volta”, sarà che non può essere peggio di Milano, ho sfidato gli sconsigli di chi mi invitava a non andare a Madrid in gennaio “perché sulla meseta fa un freddo boia” e con la mia metà mi sono fatto 5 giorni nella capitale spagnola.

Spero di dare qualche utile consiglio ai prossimi viaggiatori, sperando che i nomi ed i siti non vengano oscurati; ad ogni modo potete contattarmi.

Volo: Easy Jet da Malpensa terminal 2 (quello vecchio), 55 euro A/R in due. E’ vero, ho prenotato a inizio novembre ma il prezzo è strepitoso. Partenza in leggero ritardo causa nebbia, ma non mi lamento, considerando che gran parte degli altri voli è stata annullata. Ritorno addirittura con 10 minuti di anticipo. Unico appunto: un po’ caotica la fase di check in e imbarco; conviene essere lì almeno un’ora prima e occhio agli avvisi perché non viene assegnata la porta d’imbarco ma solo l’area.

Albergo: visto che a Madrid pare impossibile trovare bed & breakfast, ho trovato una superofferta in internet: hotel Carlos V della Best Western a poco più di 50 euro a notte (senza colazione). E’ un tre stelle carino anche se un po’ impersonale, ma ha il suo grandissimo punto di forza nell’essere in pieno centro, a 50 metri dalla Puerta del Sol, collegato da 3 linee metro. Sconsigliato invece a chi è in auto perché in isola pedonale.

Spostamenti: mezzi pubblici che noi ce li sogniamo (12 linee metro). Dall’aeroporto diretti in centro in ½ ora. Informatevi sui biglietti e scegliete quello che fa per voi: ci sono abbonamenti turistici da 1, 2, 3, 5 e 7 giorni e carnet da 10 biglietti.

Siamo andati a Toledo in treno superveloce: 1/2 ora, 13 euro A/r (fate A/R subito, risparmiate qualche euro). Ce ne sono diversi al giorno ma hanno prenotazione obbligatoria e sono abbastanza pieni. Conviene prenotare prima, eventualmente anche direttamente sul sito della Renfe.

A Segovia invece abbiamo usato i pullman della compagnia La Sepuvedana (1 ora). Anche in questo caso si può acquistare prima sul sito, anche se ce n’è uno ogni ½ ora.

Cosa abbiamo visto: A Madrid. Museo Reina Sofia: arte moderna e contemporanea, imperdibile Guernica di Picasso. Il sabato dopo le 14.30 e domenica mattina si entra gratis. Museo del Prado: pittura rinascimentale e barocca; capolavori assoluti ma anche tanto manierismo (parere personale). Si entra gratis la domenica.

A Toledo: molto interessanti la cattedrale e il monastero di San Juan de los Reyes. Per tutti gli amanti dei conflitti tra civiltà, a Toledo trovate una Sinagoga in tipico stile arabo; ma erano altri tempi, prima che i re cattolicissimi cacciassero i mori e gli ebrei.

A Segovia: principali attrazioni l’acquedotto romano; imponente, e l’alcazar, residenza dei re di Castiglia prima che lanciassero nell’avventura dell’unificazione dei regni e della riconquista. Anche qui, le architetture più interessanti sono in stile Mudejar, fiorito dall’incontro con gli artisti arabi. Il terzo martedì di ogni mese i cittadini UE entrano gratis: batta di culo, eravamo lì senza saperlo proprio in un giorno fortunato, roba che manco Gastone.

Mangiare e bere: a Madrid ce n’è per tutti i gusti, e le mie segnalazioni non esauriscono certo la scelta. Mi sono comunque trovato bene all’ALMENDRO 13 ( all’omonima via e numero civico); cañas, vino ma soprattutto abbondanti tapas. Specialità della casa le patate fritte (non congelate) su cui appoggiare pietanze di uova o carne. Altro consiglio è il PRADA A TOPE (Calle Principe 11): specializzato in cibo e vini della zona del Bierzo (vicino Leòn). Ottimi piatti e tapas, buona selezione di vini (ma solo del Bierzo), e personale molto simpatico. Alla fine bicchierino di Orujo (grappa) in omaggio. Da non perdere il CASA LABRA (Calle Tetuan 12) molto alla mano e specializzata in sardine e baccalà fritti, ma dove troverete anche dei panini con controfiletto mica male. Provate anche il SANTA GUIA, birreria artigianale e tapas interessanti. Sui veri e propri ristoranti non mi sento di segnalare nulla, a meno che non vogliate andare nel ristornate più antico del mondo ancora in esercizio; EL BOTIN in Calle Cuchilleros, che è però sicuramente più caro di una cena a base di tapas. Per colazione, fate un salto alla pasticceria LA MALLORQUINA (angolo Puerta del Sol/Calle Mayor) e scegliete tra i tanti dolci appena sfornati

  • 43494 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social