Barca e Gaudi il Visionario

Eccomi qui a raccontare per la prima volta il mio viaggio a Barcellona! Cercherò di essere chiara e coincisa,premetto che sono un’amante di Londra e della Gran Bretagna, per cui qualsiasi altro viaggio lo preparo con un po’ di “freddezza”,ma ...

  • di Francy1980
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Fino a 500 euro
 

Eccomi qui a raccontare per la prima volta il mio viaggio a Barcellona! Cercherò di essere chiara e coincisa,premetto che sono un’amante di Londra e della Gran Bretagna, per cui qualsiasi altro viaggio lo preparo con un po’ di “freddezza”,ma leggendo gli altri racconti mi sono incuriosita e ho deciso:si va a Barcellona!!!Io e il mio fidanzato partiamo il 15 Settembre da Roma Ciampino, volo ryan air alle 6:35,arrivo perfetto a Girona, pullman che ci lascia alla stazione di Estasio del nord, 2 fermate di metro dal nostro albergo,Urgell,sulla linea rossa!Il tempo di lasciare i bagagli e via a Placa de Catalunya, e scendiamo sulla rambla,1 km e mezzo di negozi di fiori, di anomali, artisti di strada divertentissimi...Meravigliosa, non perdete il mercato della Boqueria, vendono pesce salumi e frutta, esposta in un modo fantastico, ci sono dei frutti stranissimi che noi non avevamo mai visto!!!Nel pomeriggio puntiamo alla fermata di Passeig De Gracia,linea gialla,passeggio con negozi alla moda e ci ritroviamo davanti a casa Battlo...Quello che ti colpisce è l’insieme di stili,un palazzo squadrato e accanto uno senza una linea retta..Casa Battlo è colorata e piena di balconcini a tutto tondo... l unico problema è che per entrare si paga 16,50, ci è sembrata un po’ troppo esosa e non siamo entrati,sarà per la prossima volta...Poco più avanti ci troviamo di fronte alla Pedrera...Oggi è sede di una delle banche più grandi di Spagna,ma si può visitare(8 euro),sono 6 piani,da fare a piedi o in ascensore,alcuni si possono visitare, ci sono appartamenti in stile anni 50, onnipresenti le sedie di Gaudi,tutte tonde..La parte più strabiliante è il tetto, ci sono una serie di comignoli dalle forme stranissime, vale la pena scattare mille foto, perché sono veramente particolari... Altra cosa a cui eravamo preparati,ma solo fino ad un certo punto è il fatto che gli spagnoli mangiano alle 22 e prima è difficile trovarli nei ristoranti...Solo i turisti stanchi e affamati come noi... Il giorni seguente, sabato, abbiamo fatto colazione in uno dei tantissimi forni che ci sono in giro, che offrono anche un buon caffè,da segnalare anche il fatto che a Barcellona si mangia tantissima cioccolata, troverete cioccolaterie ovunque...Ci dirigiamo a Parc Guell(altra opera di Gaudi),consiglio veramente di andarci, la fermata della metro è Lesseps,sulla linea verde, poi c è un po’ da camminare, circa un km e 200 metri, di cui gli ultimi 300 metri in salita, ma vi assicuro che ne vale veramente la pena, come quasi tutte le opere di Gaudi è patrimonio dell’Unesco, è un parco nel verde dove spiccano i soliti tetti coloratissimi,con miriade di mosaici, e dove troverete il famoso DRACON, il lucertolone colorato che si vede dovunque quando si parla di Barcellona, c è anche la casa museo di Gaudi(4 euro), dove troverete milioni di schizzi sui suoi lavori...È un posto da non perdere,vedere per credere!!!il pomeriggio l abbiamo dedicato alla sagrada famiglia...La verità è che ormai le gru fanno parte del paesaggio, è ovvio che merita una visita, 8 euro di ingresso, più 2 euro se volete prendere l’ascensore interno per salire(1 ora di fila almeno), ed è anche ovvio la differenza tra la parte di Gaudi e la parte costruita più recentemente...La parte interna è una delusione enorme,impalcature ovunque,la parte centrale è scoperta...Tolto il fatto che da sopra si vede un bel panorama sconsiglierei di entrare dentro...Non c è niente...Usciti dalla Sagrada Famiglia ci dirigiamo verso il museo Picasso,fermata Jaume linea gialla, se amate Picasso e la sua produzione giovanile non potete assolutamente perderlo, per finire la giornata ci dirigiamo verso Placa de Espanya (fermata Espanya linea rossa),piazza gigantesca da dove parte un viale contornato di fontane che arriva fino alla collina di Montjuc,qui si trova il museo di arte di Catalunya e soprattutto da qui parte il famoso spettacolo delle fontane, lo fanno ogni giovedì venerdi e sabato,dalle 21:30, c è una fontana centrale, che a tempo di musica classica fa dei giochi d’acqua e cambia colore...È qualcosa di indescrivibile...Meravigliosa...Se avete tempo qui c è anche la fondazione Mirò da visitare, purtroppo noi siamo arrivati tardi, ma se amate quest’artista è impedibile! Stanchi,ma assolutamente soddisfatti torniamo in albergo, abbiamo ancora la domenica davanti, che abbiamo passato nella zona del porto, al contrario di quanto avevamo letto, è una zona pulitissima e bella, c è un enorme centro commerciale da visitare, mangiata finalmente la paella ci dirigiamo verso il Palau della Musica Catalana e anche qua rimaniamo a bocca aperta, è una palazzo enorme ed elegante, coloratissimo, pieno di mosaici in perfetto stile Gaudi...Una favola!purtroppo alle 18, dopo avere visitato l’arco di Trionfo, vicino alla stazione degli autobus, ci dirigiamo verso l aeroporto dove in perfetto stile Ryan air arriviamo a casa in anticipo!! Altri piccoli consigli: • La metropolitana è perfetta,c è il conto alla rovescia per l’arrivo di ogni treno, quando mancano 16 secondi entra in stazione e riesce a 0...Oserei dire perfetta quasi come quella di Londra. • Gli spagnoli sono divertenti, disponibili e gentili, capiscono molto più l’italiano che l’inglese..

• I catalani, sono molto dì gelosi del loro dialetto, e ricordate che è diverso dallo spagnolo del sud!! • I prezzi sono più o meno come i nostri, è ovvio che sulla rambla pagherete la paella molto più rispetto a un ristorante in una strada parallela(noi sulla rambla abbiamo spese 17,50 a paella)! • Ci sono alcuni tipi di abbonamenti ai mezzi che vi fanno guadagnare sconti nei monumenti e musei, informatevi bene! • Barcellona è una città relativamente piccola, tre giorni pieni bastano per vederla tutta!!! Concludendo, non solo consiglio a tutti di andare a Barcellona, ma c è talmente piaciuta la mentalità e l’allegria spagnola che abbiamo deciso di vedere tutta la Spagna, infatti stiamo progettando un viaggio Fly & Drive da Valencia a Siviglia... Francesca & Luca Se avete bisogno di più info la mia mail è :francescab80@yahoo.It

  • 256 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social