La nostra prima volta a Barcellona

Con un po’ di ritardo, questo è il racconto del mio viaggio nella capitale catalana. 1° GIORNO domenica 11 giugno. Dopo avere, circa un mese prima, prenotato volo (Ryanair da Ciampino pagato 55 euro a persona a/r) e hotel, finalmente ...

  • di Pier Paolo
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: fino a 6
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Con un po’ di ritardo, questo è il racconto del mio viaggio nella capitale catalana.

1° GIORNO domenica 11 giugno.

Dopo avere, circa un mese prima, prenotato volo (Ryanair da Ciampino pagato 55 euro a persona a/r) e hotel, finalmente suona la sveglia ore 04:00. Arriviamo, io, mia moglie e mia figlia di 15 anni all’aeroporto con il giusto anticipo. Consiglio di parcheggiare l’automobile in prossimità dell’edificio dell’Aviazione Generale, alle 5 del mattino si trova posto ed è gratis! Sapevo della politica abbastanza rigida dei bagagli attuata dalla compagnia irlandese, così abbiamo optato per 3 trolley bagaglio a mano, preventivamente pesati (max 10 Kg.) sulla bilancia di casa. Come sempre, il volo parte puntuale ed atterra a Girona addirittura con 10 minuti di anticipo sull’orario. Non dovendo ritirare bagagli, appena sbarcati (come si scende dall’aereo si sente uno strano odore di pipì che spesso si avvertirà anche girando per Barcellona) acquistiamo i biglietti per il trasferimento in città ( la biglietteria del Barcelona Bus ha 2 sportelli, si può aggirare la fila uscendo dall’aeroporto e servirsi di quello esterno) andata e ritorno 19,00 euro. Il viaggio dura poco più di 1 ora su comodo bus che percorre l’autostrada. Alle 10:00 siamo alla Estaciò del Nord, dopo 10 minuti abbiamo già lasciato le valigie in albergo: Hotel Confortel Auditori, rue de Sicilia 166/170 zona Example. La scelta dell’hotel e stata dettata: dalla vicinanza alla stazione del bus e della metro, dal fatto che l’hotel é nuovissimo, inaugurato ad aprile, dal prezzo: circa 39,00 euro a notte a persona. Una struttura veramente confortevole avevamo in camera: un bagno pulitissimo e accessoriatissimo, il televisore LCD, nella hall 2 postazioni internet a disposizione gratuitamente e anche una piccola piscina sul tetto dello stabile. Prima tappa naturalmente il Tempio della Sagrada Familia, che raggiungiamo a piedi vista la vicinanza all’albergo. Inutile dire quanto sia maestosa ed imponente la costruzione, anche le gru che “adornano” l’edificio sono altissime ed ormai fanno parte dell’insieme. Visita veloce all’interno, c’era tantissima gente, con guida solo in spagnolo e catalano. Le impalcature interne sono ormai talmente integrate che fanno parte dell’architettura. Non siamo potuti salire sulle torri, in quanto domenica 11 giugno l’ingresso era gratuito ma non si poteva salire. Per il primo pranzo in terra spagnola ci siamo orientati verso un locale che propone ad un prezzo conveniente (7 /8 euro) i classici combinado, sono monopiatti comprensivi di carne o pesce più contorni vari, serviti in porzioni abbondanti. Consiglio di gustare spesso, variando, questi combinado, in quanto sono una valida ed economica alternativa al panino del fast food. A proposito, a Barcellona si può mangiare decentemente senza spendere tanto, la frutta in particolare è ottima e a prezzi decisamente popolari. Dopo un breve riposo in albergo, decidiamo di “affrontare” la Rambla e proseguendo siamo andati verso il Maremagnum. Questi luoghi e le zone limitrofe sono brulicanti di gente, specialmente nel fine settimana, è stata un’esperienza interessante mescolarsi a tutta quella varietà di persone che li popolano e li animano (attenzione ai borseggiatori). Per la cena torniamo nelle vicinanze della Sagrada Familia perché volevamo fotografarla anche in notturna; alle ore 22:00, dopo la cena, c’era ancora la luce del sole, pertanto, stanchi del viaggio e assonnati, rinunciamo e rientriamo in albergo. Prima di salire in camera utilizziamo la postazione internet per inviate mails in Italia (anche alla gentilissima Annarita Z.). Tutte le sere rientrando in camera albergo abbiamo avuto la possibilità di navigare e mantenere così i contatti con i familiari in Italia

  • 178 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
, ,
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social