Luce, stelle, architettura e contraddizioni

21-03-1994 “Voie 7. Train en provénence de Vevey pour Morges, Nyon, Genève. Départ heures 9.46, voitures de première classe, secteur A, voitures de deuxième classe secteur B et C, voiture restaurant, secteur B”. E’ una fredda mattina di Marzo a ...

  • di eloisa_v
    pubblicato il
  • Viaggiatori: fino a 6
 

21-03-1994 “Voie 7. Train en provénence de Vevey pour Morges, Nyon, Genève. Départ heures 9.46, voitures de première classe, secteur A, voitures de deuxième classe secteur B et C, voiture restaurant, secteur B”.

E’ una fredda mattina di Marzo a Losanna, la mia città universitaria. Ad aspettare il treno siamo in una manciata di ragazzi e ragazze. Il vento ci fa incurvare le spalle nei nostri maglioni.

Quest’anno il nostro professore di progettazione in facoltà ci ha proposto una settimana in Siria, ma per chi avesse voluto c’era la possibilità di approfittare della stessa tariffa aerea vantaggiosa anche partendo una settimana prima. Siamo in pochi ad avere accettato di pagare quella misera differenza che ci avrebbe fatto raddoppiare le esperienze d’oriente. Quei pochi sono in partenza e sono li con me alla stazione.

La settimana prossima saremo in 40, ed il viaggio sarà molto diverso. Guardo la compagnia: c’è l’aristocratico Costantin, col suo ciuffo ribelle e la sua risata cristallina. Ha sempre la battuta pronta e si veste sempre alla stessa maniera: camicia con le maniche rimboccate fino al gomito di colore variante dall’azzurro al viola pallido. Molto sicuro di sé, è sempre alla ricerca di una bella donna da conquistare con le maniere da gentiluomo che gli sono proprie e quegli occhialini rotondi che SEMBRANO cadergli per caso sulla punta del naso quando assume quell’aria da furbo “matador”. Poi c’è Thomas, lo spilungone di Friborgo. Biondo scuro, ricciolo sbarazzino, sorriso un poco forzato ed accento quel pizzico troppo tedesco per essere affascinante. Paul lui è un maestro nell’arte del buon vivere. Ha organizzato più lui feste a suon di bottiglie di buon vino e cibo cucinato in grandi quantità che tutti noi messi insieme. Alto, occhio verde vivo ed attento, sorriso aperto e godereccio, appena arriva la primavera e cambiano i venti prende la sua tavola da windsurf e se ne va a Saint-Tropez. Quest’anno però sacrifica il mare per salutare il deserto.

E poi ci siamo noi: Christine, una ragazza così alta che persino io devo alzare il mento di un buon angolo per guardarla negli occhi. L’ho incontrata tanti anni fa, quando entrambe liceali ci siamo ritrovate disperate e sole in una piccola cittadina tedesca ad un corso di lingue a cui i nostri genitori ci avevano bonariamente costretto. Ci siamo unite in nome del divertimento e malgrado l’ambiente e le salsicce la mattina abbiamo passato un mese gradevole insieme. Anni dopo me la sarei ritrovata compagna di corso al primo anno di università.

Béatrice, ragazza bernese orfana di entrambi i genitori, è una ragazza dalla calma impressionante. Gli anni vissuti da sola a badare a suo fratello più piccolo l’hanno trasformata pian piano in una persona forte e sicura. Occhi verdi profondissimi e tristi, ma comunque pieni di voglia di non mollare mai. Per quanto so dalle ultime notizie pervenutami con chissà che soffio di vento, la vita le ha dato ragione.

Poi c’è Magda, un’amica di Béatrice. È una tipica svizzera tedesca: forte come un toro e decisa come un cingolato in guerra. Per fortuna ride spesso, ma io già vedo difficoltà nel suo prossimo incontro con il ciador. Non accetterà la cosa ed andrà a riempire tutti della sua morale preparata e sicuramente convinta, ma certamente poco adatta alla situazione e poco rispettosa del paese che stiamo per raggiungere. E poi ci sono io, la ticinese del gruppo, quella che secondo loro ha il “calore del sud” e parla tanto con le mani. Il volo della Türkish Airlines ci aspetta, siamo un poco circospetti... A dire il vero ci viene addirittura la ridarella quando Magda scopre che sotto la carta stagnola del pranzo di bordo c’è una schifosa salsiccia puzzolente che emana fetori poco raccomandabili...E scoppia in un disperato lamento. Magda, come la maggior parte dei nostri amici d’oltralpe, è vegetariana e ama il cibo biologico ed i germogli freschi sulle verdurine cotte come si deve e condite con lo yogurt. Si è detta pronta a sentirsi male, perché sa che in Siria dovrà dire addio alla verdura, ma lo shock della salsiccia le fa rimandare di qualche ora il suo incontro con la carne

  • 421 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social