Tesori d’Italia: Agrigento e Lampedusa

Mare cristallino e paesaggi indescrivibili

  • di Mic90210
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Ecco finalmente le tanto attese vacanze estive! Quest’anno io e il mio fedele compagno di viaggio, nonché mio fidanzato, abbiamo deciso di “assaggiare” un piccolo pezzettino di Sicilia visitando prima Agrigento con la fantastica Valle dei Templi e poi la SPETTACOLARE Lampedusa. Abbiamo prenotato con larghissimo anticipo scegliendo, compatibilmente con le nostre ferie, la penultima settimana di luglio, così da evitare il caos di agosto che non ci avrebbe concesso di visitare l’isola e il suo meraviglioso mare come siamo invece riusciti a fare.

GIORNO 1: 20 luglio 2015

Zaino in spalla e partenza da Verona direzione Palermo (volo Ryanair). Arrivati abbiamo aspettato un’oretta prima che partisse il nostro autobus per Agrigento. Il viaggio è stato lunghissimo (quasi 3 ore), ma almeno c’era il condizionatore così siamo riusciti a goderci lo spettacolare paesaggio montuoso siculo al fresco e comodamente. Già dai finestrini del bus si capisce che questa regione è davvero affascinante, colline dolci spoglie con qualche casa qui e lì, sterpaglie a perdita d’occhio, per certi versi sembrava quasi un paesaggio lunare. Abbiamo notato fin da subito la gentilezza e ospitalità dei siciliani, il conducente ci ha accompagnato di sua spontanea volontà alla Valle dei Templi senza farci pagare alcun supplemento. Quindi prima tappa: Valle dei Templi (costo 5 euro per noi under 25). Appena si varca la soglia d’ingresso di questa meravigliosa passeggiata sembra già di essere in un'altra epoca. I templi troneggiano su Agrigento da qualsiasi angolatura. Peccato per il caldo micidiale (quest’estate è stata torrida in tutta Italia) che dopo un po’ si è davvero fatto sentire, anche perché a parte i molti ulivi secolari, la passeggiata è totalmente al sole. Avendo gli zaini risultata un problema la camminata assolata, ma i gestori del nuovo bar all’ingresso inferiore della Valle si sono offerti di tenerli nel loro retro (meno male!) e al costo di 2 euro a persona ci è stato offerto un servizio taxi-navetta per raggiungere l’ingresso superiore agilmente. Finita la visita ci siamo fermati nello stesso bar per rinfrescarci e sostare una mezzora. Inoltre dovevamo attendere un pullman che ci avrebbe portato a Porto Empedocle da dove partiva il nostro traghetto Siremar per le isole di Linosa e Lampedusa. Il servizio pubblico siciliano non è così affidabile, così due signori conosciuti nel suddetto bar si sono offerti di accompagnarci in macchina (che meraviglia i siciliani), queste squisite persone ci hanno anche fatto fare un tour di Agrigento e ci hanno accompagnato alla Scala dei Turchi, una roccia bianchissima a gradoni sul mare, uno spettacolo ad occhi aperti. Arrivati a Porto Empedocle abbiamo divorato una pizza e ci siamo diretti al traghetto. Il costo della traversata in poltrone di seconda classe è stato di 54 euro a testa, meno male non c’era così tanta gente perché, visto che la sala con le poltrone non era condizionata, siamo riusciti a stenderci su un divanetto del bar e a dormire serenamente fino all’arrivo a Linosa il mattino successivo.

GIORNO 2: 21 luglio 2015

Svegliati dalle sirene d’attracco, siamo usciti sul pontile per vedere lo spettacolo di Linosa. Linosa è un’isola vulcanica, per cui le sue sponde sono nere. Da Linosa a Lampedusa ci vuol circa un’oretta di traghetto per cui abbiamo deciso di approfittarne per fare colazione (la colazione dei traghetti è terribile!). Arrivati ci aspettava il collaboratore del gestore dell’albergo prenotato per accompagnarci alla nostra sistemazione. Avevamo deciso di prendere in affitto un Dammuso, un’abitazione locale, presso l’albergo i Dammusi Blu&Green, al costo a testa di 360 euro con mezza pensione. Non immaginavamo che al nostro arrivo avremmo trovato cornetti freschi di pasticceria, marmellate fatte in casa e un caffè fantastico! Già la nostra vacanza cominciava bene! Il Dammuso era molto carino, piccolo, confortevole e mai caldo (il condizionatore c’era ma non funzionava sempre) perché le pareti di pietra riescono ad isolarlo perfettamente. Abbiamo subito noleggiato un motorino (80 euro per 5 giorni) e siamo partiti alla scoperta dell’isola

  • 14681 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Vi Vis
    , 19/4/2016 12:04
    Buongiorno,

    ho letto il tuo consiglio di cenare da Angela.
    Sai darmi qualche dettaglio, visto che questa estate sarò a Lampedusa per dieci giorni?
    Grazie mille!!!

    Buona giornata!
    Vi

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social