Tre giorni in Sicilia

Fuga ai piedi dell'Etna e capatina a Reggio Calabria

  • di atena82
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Fino a 500 euro
 

3 giorni in Sicilia... dopo due anni una nuova follia.

Fuga ai piedi dell'Etna, e capatina a Reggio Calabria

Nel 2012 siamo stati per 4 giorni e 3 notti in Sicilia. Quest'anno abbiamo deciso di ripetere la follia e abbiamo trascorso lo stesso numero di giorni nella stessa zona dell'Isola cercando di conoscere nuovi luoghi. Abbiamo prenotato nello stesso B&B: Dimora dell'Etna a Milo. Ci siamo trovati talmente bene la prima volta che non potevamo fare altrimenti. Se fosse più vicino a Venezia sarebbe il classico posto dove scappare per qualche giorno per rilassarsi. Avevamo nostalgia ed eravamo curiosi di ammirare la piscina! Il posto è un vero paradiso immerso in un giardino lussureggiante. Vista sull'Etna e sul mare. Il servizio si è rivelato all'altezza dei nostri ricordi.

Siamo partiti lunedì 18 agosto dalla Calabria dove abbiamo passato alcuni giorni, arrivati a Messina con il traghetto ci siamo diretti a Castelmola. Taormina l'avevamo visitata nel 2012 così abbiamo optato per una passeggiata in questo piccolo borgo davvero affascinante. Sosta per bere una granita al Bar Turrisi. Posto caratteristico con splendido panorama.

Il mio desiderio era quello di un bagno a Isola Bella. Non lo rifarei più però! Parcheggiato sulla strada parecchio lontano, camminato sotto un sole cocente. Ci siamo posizionati su pochi centimetri di spiaggia ancora libera praticamente in acqua. Il luogo è magnifico ma così non si può godere. Bagno veloce (avevo dimenticato le ciabattine...che dolore!!!) e via verso il BB. Abbiamo subito approfittato della piscina e poi ci siamo sistemati in camera e ci siamo preparati per passare una serata ad Acireale. Con grande meraviglia abbiamo trovato una specie di città “fantasma”. La maggioranza di locali chiusa, poca gente in giro. Ok era lunedì ma mi aspettavo una cittadina vivace... Abbiamo parcheggiato lontano rispetto al centro e abbiamo camminato circa 30 minuti per arrivare davanti al Duomo. Locali per cenare non ne abbiamo visti se non due proprio nelle vicinanze del Duomo. Decidiamo di accomodarci da Vecchia Aci che gode di una bella ambientazione. Il servizio però è stato lento e un po' distratto. Pensate che numerose persone sedute in altri tavoli se ne sono andati perché i camerieri (che erano comunque numerosi) non andavano a prendere le ordinazioni. Peccato perché il primo piatto che ho gustato (pennette al pistacchio) era davvero ottimo oltre che abbondante.

Martedì 19 siamo andati a Milazzo da dove ci siamo imbarcati per una mini crociera alle Eolie (Panarea e Stromboli By night) organizzata dalla Navisal. Ci sono molte compagnie che organizzano queste gite ma le informazioni su internet sono più numerose per Navisal e Tarnav. L'esperienza è stata positiva solo grazie alla bellezza di queste isole. Infatti la barca era strapiena e chi era dentro non poteva vedere e godere del panorama. Comunque siamo partiti da Milo sulle 9.25, a Milazzo abbiamo parcheggiato in area comunale ad un prezzo accessibile. Avevamo prenotato i posti il giorno prima, così abbiamo pagato all'agenzia. Ci siamo sistemati fuori davanti e abbiamo atteso circa 30 minuti la partenza alle h. 12,00. Prima tappa Panarea. Il viaggio sarebbe stato più piacevole se la giornata fosse stata più limpida! Infatti le isole Eolie si vedevano in lontananza coperte da foschia, mentre ci avvicinavamo la visione non era però molto più nitida. Sono state illustrate dall'equipaggio alcune informazioni sulle isole. Sbarcati a Panarea avevamo circa 2 ore e mezza per girarla in autonomia. Per poterla visitare via terra è consigliabile utilizzare i taxi (le golf car), per raggiungere le spiagge meglio i taxi boat. Noi abbiamo fatto una passeggiata a piedi, siamo arrivati alla Chiesa (ma non abbiamo proseguito fino al villaggio preistorico, il caldo era davvero asfissiante). Ci siamo fatti un bagno veloce davanti al porticciolo (l'acqua era pulita ma ovviamente non è questa una spiaggia da consigliare), e poi ci siamo presi una granita seduti ad un tavolino. Devo dire che Panarea è molto bella, e i prezzi non sono così folli come dicono...sarà che sono abituata a Venezia ma pagare 1 euro una bottiglia grande di acqua mi sembra onesto.

Risaliti sulla nave abbiamo trovato posto solo dentro e in centro. Purtroppo non abbiamo visto quasi nulla dell'arcipelago di isolotti vicino a Panarea, io ho provato ad uscire per fare qualche foto ma c'era una marea di teste..

  • 7049 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social